USS Intrepid (CV-11)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
USS Intrepid
USS Intrepid (CV-11) operating in the Philippine Sea in November 1944 (NH 97468).jpg
Descrizione generale
Flag of the United States.svg
TipoPortaerei
ClasseEssex
ProprietàFlag of the United States.svg U.S. Navy
Destino finaletrasformata in nave museo
Caratteristiche generali
Lunghezza250 m
voci di portaerei presenti su Wikipedia

La USS Intrepid (codici e numeri d'identificazione CV/CVA/CVS-11), anche conosciuta come The Fighting I, è stata una delle 24 portaerei della classe Essex costruite durante la seconda guerra mondiale per la Marina degli Stati Uniti d'America.

È la quarta nave della Marina degli Stati Uniti d'America che porta questo nome. Nell'agosto del 1943, l'Intrepid partecipò alla battaglia del Golfo di Leyte.[1] Operò quindi principalmente nel Pacifico, dove fu colpita da due kamikaze (il 30 ottobre 1944 e il 16 aprile 1945) che la danneggiarono senza però riuscire a farla affondare.

Ritirata dal servizio attivo dopo i danni subiti nell'operazione Kikusui, durante la battaglia di Okinawa alla fine della seconda guerra mondiale (tanto da guadagnarsi il nomignolo di Decrepit per i suoi numerosi danni e di Dry, "asciutta", per il suo stazionamento in bacino di carenaggio), fu ammodernata e riqualificata come portaerei d'attacco (CVA) ai primi degli anni 1950 e in seguito come portaerei antisommergibile (CVS). In questa seconda operatività partecipò alla guerra del Vietnam e fece parte del programma Gemini e del progetto Mercury.[2]

Fu dismessa nel 1974, e nel 1982 è diventata una nave museo della fondazione Intrepid Sea-Air-Space Museum, che l'ha ormeggiata al molo 86 di Manhattan (New York).[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Aircraft Carrier Photo Archive, su navsource.org.
  2. ^ GeoHack - USS Intrepid (CV-11), su tools.wmflabs.org. URL consultato il 22 settembre 2016.
  3. ^ USS Intrepid (CV 11), su www.navysite.de. URL consultato il 22-06-2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENn82031720