Tulum (sito archeologico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tulum
Tulu'um
Tulum sverzel.jpg
El Castillo di Tulum
Civiltàmaya
Utilizzocittà
Epoca564 d.C.XI secolo[1]
Localizzazione
StatoMessico Messico
ComuneTulum
Altitudine12 m s.l.m.
Dimensioni
Superficie68 000 
Scavi
Data scoperta1518
Amministrazione
Visitabile
Sito webwww.inah.gob.mx/index.php?option=com_content&view=article&id=5491
Mappa di localizzazione
Coordinate: 20°12′53″N 87°25′44″W / 20.214722°N 87.428889°W20.214722; -87.428889

Tulum è un importante complesso archeologico Maya situato nella penisola dello Yucatán, in Messico. La sua particolare posizione, sulla costa a picco sul mare, ha fatto sì che fosse la prima città Maya ad essere avvistata dagli spagnoli il 3 marzo 1517.

La sua favorevole posizione geografica ne aveva in precedenza decretato la fortuna facendola diventare un importante scalo commerciale di prodotti quali pesce, miele, sale, ossidiana e piume di quetzal.

L'edificio più importante di Tulum è senza dubbio El Castillo situato nei pressi dell'approdo, una piccola insenatura che fungeva da porto.

Meta di turisti provenienti da tutto il mondo, il fascino di Tulum è dato anche dalle sue spiagge di sabbia finissima, tipiche della costa caraibica.

Questo luogo appare anche nel videogioco Assassin's Creed IV: Black Flag.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Spiaggia sotto le rovine di Tulum

Tulum era una città militare costruita sulla costa del Mar dei Caraibi e vicina all'isola di Cozumel. Alcuni racconti tradizionali maya descrivono l'antica città di Tulum unita alle città di Cobà, Chichén Itza e di Uxmal attraverso la cuxan san che era una strada sospesa nel cielo. Si trattava di strade di pietra rialzate che collegavano queste città. Nel 1518, quattro navi spagnole che costeggiarono lo Yucatàn riportarono la testimonianza di avere visto tre grandi città molto vicine. Le città erano quattro: Xelha, Soliman, Tulum e Tancah, che davano la sensazione di essere un’unica città. Lungo la strada situata lungo la costa che attraversa Tulum si stanziarono numerosi centri maya. Alcuni di questi centri appartenevano all’epoca dei primi Maya, altri ancora vennero costruiti nel periodo della Lega di Mayapàn. Fu in questa fase storica che si espanse Tulum.[2]

Monumenti di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Carta del centro di Tulum
El Castillo

Il Castillo è la più importante costruzione storica di Tulum ed è situato su di una rupe. Il tempio ha il tetto fatto di travi di legno con figure di stucco e con affreschi interni ben conservati. Il Castillo è circondato da un recinto all'interno del quale si trovano dieci strutture di età diverse. La più grande tra queste strutture è il Tempio del Dio che si tuffa che ha una larghezza di ventisette piedi e una profondità di venti per nove piedi di altezza. Numerosi affreschi ornano i lati della porta e le relative mura. In una nicchia presente sulla porta di trova l’immagine di un dio alato. Si tratta di una divinità maya dal nome Ah Musen Cab: dio delle api.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Victor W. von Hagen, il mondo dei Maya, in paperbacks civiltà scomparse, Roma, Newton Compton editori, 1978, p. 32.
  2. ^ Victor Wolfgang Von Hagen, Il mondo dei Maya : l'archeologia rivela meraviglie ed enigmi di una millenaria civiltà precolombiana, Newton Compton, 1993, ISBN 88-7983-184-4, OCLC 800878901. URL consultato il 17 luglio 2021.
  3. ^ Victor Wolfgang Von Hagen, Il mondo dei Maya : l'archeologia rivela meraviglie ed enigmi di una millenaria civiltà precolombiana, Newton Compton, 1993, ISBN 88-7983-184-4, OCLC 800878901. URL consultato il 9 maggio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN1015152636118020050993
  Portale Conquista spagnola delle Americhe: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di conquista spagnola delle Americhe