Tricloruro di iodio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tricloruro di iodio
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareI2Cl6
Massa molecolare (u)466,5281
Aspettosolido arancione
Numero CAS865-44-1
Numero EINECS212-739-8
PubChem70076
SMILES
ClI(Cl)Cl
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.)3,11
Temperatura di fusione63 °C
Indicazioni di sicurezza

Il tricloruro di iodio è un composto interalogeno dello iodio e del cloro che si presenta come un solido arancione molto volatile. È un forte ossidante e a contatto con materiali organici può causare incendi.

L'atomo centrale di iodio viola la regola dell'ottetto se si considerano i legami tra gli atomi di iodio e quelli di cloro come dei legami 2c-2e (due centri e due elettroni) mentre questa regola non viene violata se i legami in posizione assiale sono del tipo 3c-4e (tre centri e quattro elettroni) e il legame in posizione equatoriale è del tipo 2c-2e.

Allo stato solido si presenta come un dimero planare I2Cl6, Cl2I(μ-Cl)2ICl2, con due atomi di cloro disposti a ponte in cui tutti i legami presenti sono del tipo 3c-4e.

Può essere preparato facendo reagire lo iodio con un eccesso di cloro liquido a una temperatura di -70 °C oppure riscaldanto una miscela di iodio liquido e cloro a una temperatura di 105 °C.

Il suo fuso conduce la corrente elettrica, quindi si può supporre che si dissoci secondo la reazione:

I2Cl6 ⇌ ICl2+ + ICl4

Il composto si decompone a dare monocloruro di iodio (più stabile) e cloro gassoso secondo la reazione:

I2Cl6 → 2ICl + 2Cl2

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia