Torre di Buranaccio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Torre di Buranaccio
Torre di Buranaccio 01.JPG
Veduta
Ubicazione
StatoBandera de Siena.png Repubblica di Siena
Stato attualeItalia Italia
CittàCapalbio
Coordinate42°23′51.99″N 11°22′45.33″E / 42.397775°N 11.379258°E42.397775; 11.379258Coordinate: 42°23′51.99″N 11°22′45.33″E / 42.397775°N 11.379258°E42.397775; 11.379258
Mappa di localizzazione: Italia
Torre di Buranaccio
Informazioni generali
Tipotorre
Inizio costruzionemetà XVI secolo
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

La torre di Buranaccio si trova lungo la fascia costiera del comune di Capalbio, proprio sulla sponda del lago di Burano. La torre costiera è quella situata più a sud lungo il litorale tirrenico della Toscana.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale fortificazione venne costruita attorno alla metà del Cinquecento, nel luogo dove sorgeva probabilmente una preesistente struttura di epoca medievale.

La torre costituiva l'avamposto difensivo più meridionale dello Stato dei Presidii e si trovava proprio ai confini con il Granducato di Toscana e lo Stato della Chiesa.

Nei secoli successivi la fortificazione ha subito alcuni interventi di ristrutturazione che, però, hanno mantenuto pressoché intatto l'originario aspetto.

Aspetto attuale[modifica | modifica wikitesto]

La torre di Buranaccio richiama gli elementi stilistici della più imponente Fortezza Spagnola di Porto Santo Stefano.

La struttura difensiva costiera si articola su tre livelli, presentando una sezione quadrata che poggia su un possente basamento a scarpa, con il quale viene messa in contiguità attraverso una cordonatura; le pareti si presentano prevalentemente rivestite in pietra e si caratterizzano per un notevole spessore che varia tra i 2 e i 3 metri.

La parte alta presenta un coronamento di mensole piuttosto larghe e sporgenti che costituiscono la base della terrazza sommitale, priva di merlature, ove originariamente si articolava probabilmente il ballatoio. Dall'interno della terrazza si eleva, ad uno dei quattro angoli, una piccola struttura posticcia in muratura a sezione rettangolare.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Aldo Mazzolai, Guida della Maremma. Percorsi tra arte e natura, Le Lettere Firenze, 1997;
  • Giuseppe Guerrini (a cura di), Torri e Castelli della Provincia di Grosseto (Amministrazione Provinciale di Grosseto), Nuova Immagine Editrice Siena, 1999.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]