Castello di Castiglione della Pescaia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il castello di Castiglione nel comune di Sesto Fiorentino, vedi Castello di Castiglione.
Castello di Castiglione della Pescaia
Castello di Castiglione della Pescaia.jpg
Ubicazione
Stato attualeItalia
CittàCastiglione della Pescaia
Coordinate42°45′48.48″N 10°52′43.94″E / 42.763467°N 10.878872°E42.763467; 10.878872Coordinate: 42°45′48.48″N 10°52′43.94″E / 42.763467°N 10.878872°E42.763467; 10.878872
Informazioni generali
TipoCastello medievale
Inizio costruzioneX secolo
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Castiglione della Pescaia si trova sulla vetta del promontorio dell'omonima località maremmana, nella parte più alta del centro storico medievale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La fortificazione venne realizzata attorno al X secolo come una semplice torre costiera di avvistamento, fatta erigere dai Pisani che, all'epoca, controllavano questa zona e per questo era denominata inizialmente Torre Pisana. Nel due secoli successivi furono costruite le altre due torri, mentre le cortine murarie e i corpi di fabbrica tra esse compresi vennero edificati in epoca rinascimentale. L'intero complesso subì alcuni interventi di ristrutturazione nei secoli successivi, prima con i Lorena verso la fine del Settecento e, infine, agli inizi del Novecento sotto la direzione dell'architetto Lorenzo Porciatti.

Aspetto attuale[modifica | modifica wikitesto]

Il castello è costituito da tre torri angolari coronate da merlature sommitali, la più massiccia delle quali è l'originaria Torre Pisana. Il corpo di fabbrica è collocato sul lato occidentale che guarda verso il mare, mentre sugli altri lati l'area del complesso è delimitata da cortine murarie che delimitano un cortile interno.

Un'altra cortina muraria, provvista di merli, ha inizio dalla torre sud-occidentale e delimita l'area attorno al lato meridionale del castello. Nei pressi della torre, si apre una porta ad arco che conduce ad una terrazza panoramica.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Aldo Mazzolai. Guida della Maremma. Percorsi tra arte e natura. Firenze, Le Lettere, 1997.
  • Giuseppe Guerrini (a cura di). Torri e Castelli della Provincia di Grosseto (Amministrazione Provinciale di Grosseto). Siena, Nuova Immagine Editrice, 1999.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]