Tom Sawyer (film 1973)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tom Sawyer
Titolo originale Tom Sawyer
Lingua originale Inglese
Paese di produzione USA
Anno 1973
Durata 103 min
Rapporto 2.35 : 1
Genere musicale, avventura
Regia Don Taylor
Soggetto dal romanzo Le avventure di Tom Sawyer di Mark Twain
Sceneggiatura Robert B. Sherman e Richard M. Sherman
Produttore Arthur P. Jacobs
Produttore esecutivo Walter Bien
Casa di produzione Reader's Digest e Apjac International
Fotografia Frank Stanley
Montaggio Marion Rothman
Musiche John Williams
Scenografia Philip Jefferies
Costumi Donfeld
Trucco John Inzerella e Vivienne Walker
Interpreti e personaggi

Tom Sawyer è un film del 1973 diretto da Don Taylor, tratto dal romanzo Le avventure di Tom Sawyer di Mark Twain.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ambientato nel XIX secolo si rivive le avventure dei due personaggi letterari Tom Sawyer e il suo migliore amico, Huckleberry Finn. Testimoni di un delitto commesso dal mezzosangue Injun Joe la loro vita tranquilla in un piccolo paese non sarà più tale.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne prodotto dalla United Artists con il Rider's Digest.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il film ebbe numerose nomination:

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne distribuito in varie nazioni, fra cui:[1]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

  1. Tom Sawyer - Zia Polly, Mary, Sidney
  2. River Song - Charlie Pride
  3. How Come?
  4. Gratifaction - Ragazzi
  5. 'If'n I Was God
  6. A Man's Gotta Be (What He's Born to Be)
  7. Hannibal, Mo(Zour-Ee)
  8. Freebootin - Tom, Huckleberry
  9. Aunt Polly's Soliloquy - Zia Polly (il soliloquio di zia Polly)

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Condita da varie canzoni all'interno della pellicola, il film non riesce, nonostante la bravura degli attori, a superare la noia nel rivedere per l'ennesima volta la stessa storia.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Info sulle date di uscita
  2. ^ Pino Farinotti e Rossella Farinotti, Il Farinotti 2010, Newton Compton, 2009, p. 2043, ISBN 978-88-541-1555-2.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN232021802 · LCCN: (ENno2012023672
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema