Tioacetammide

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tioacetammide
formula di struttura
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareCH3CSNH2
Massa molecolare (u)75,14 g/mol
Aspettosolido cristallino incolore
Numero CAS62-55-5
Numero EINECS200-541-4
PubChem2723949
SMILES
CC(=S)N
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.)1,37
Solubilità in acqua163 g/l (25 °C)
Temperatura di fusione113 °C (386 K)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossico a lungo termine irritante
pericolo
Frasi H350 - 302 - 315 - 319 - 412
Consigli P201 - 273 - 308+313 - 305+351+338 - 302+352 [1]

La tioacetammide è l'ammide dell'acido tioacetico. È un composto cancerogeno, nocivo, irritante, pericoloso per l'ambiente. A temperatura ambiente si presenta come un solido cristallino incolore dall'odore caratteristico.

Viene usata in chimica analitica per produrre acido solfidrico in situ, per idrolisi con acqua calda.

Effetti biologici[modifica | modifica wikitesto]

In patologia sperimentale è stata ed è tuttora largamente usata per provocare negli animali da esperimento una condizione chiamata steatosi epatica o "fegato grasso". Attraverso il suo metabolismo in parte ossidativo ed in parte diretto, infatti, la tioacetamide blocca la sintesi proteica delle cellule epatiche ed impedisce che i trigliceridi ed il colesterolo intracellulare trovino i loro carrier proteici affinché si originino i complessi lipo-proteici (le famose HDL, LDL e VLDL). La concomitante produzione di radicali liberi ossidanti stimola i fibroblasti del fegato a proliferare, condizione che in cronico si trasforma in fibrosi epatica. Gli epatociti così dopo aver accumulato grasso muoiono "strozzati" sia dal loro stesso metabolismo che dalle cellule fibroblastiche reattive.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda della tioacetammide su IFA-GESTIS

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dianzani U. Fondamenti di Patologia Generale, Editori UTET 1982.
Controllo di autoritàGND (DE4572659-0
Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia