Team Sleep

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Team Sleep
Fotografia di Team Sleep
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Genere Alternative rock[1]
Indie rock[1]
Trip hop[2][3]
Dream pop[1]
Post-rock[2]
Periodo di attività 1999 – in attività
Etichetta Maverick
Album pubblicati 2
Studio 1
Live 1
Gruppi e artisti correlati Deftones, Pinback, Mike Patton, Smashing Pumpkins, Goon Moon, Crosses, Death Grips, Palms
Sito web

I Team Sleep sono un side-project alternative rock statunitense creato nel 2000 dal frontman dei Deftones, Chino Moreno.

Il loro sound unisce alternative rock, musica elettronica, shoegaze, trip hop, dream pop, ambient, post-rock e post-hardcore.

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo nasce a Sacramento per opera di Moreno ed era inizialmente composto da Moreno stesso, Todd Wilkinson e DJ Crook. Le origini effettive del gruppo tuttavia risalgono 1994, quando Moreno e Wilkinson, amici d'infanzia, decisero di registrare un'audiocassetta contenente quattro brani.

Nel 1999 i due conobbero DJ Crook, tramite l'amico comune Frank Delgado, disc jockey dei Deftones; insieme realizzarono il brano Teenager, il quale sarebbe stato pubblicato nel terzo album in studio dei Deftones White Pony.[4]

In seguito, alla band si unirono anche Zach Hill e Rick Verrett, rispettivamente alla batteria e al basso. Alla fine del 2001 i Team Sleep aprirono un tour e cominciarono ad esibirsi in concerto negli Stati Uniti. Dopo il tour cominciarono a registrare il loro primo lavoro in studio, che avrebbero dovuto pubblicare per la Maverick Records, etichetta che aveva già sotto contratto anche i Deftones. Quando le registrazioni dell'album furono ultimate però, Moreno scoprì che l'intero album era stato diffuso e reso scaricabile illegalmente su internet e il gruppo decise così di annullare la pubblicazione del disco.

Nel 2003 registrarono il brano strumentale The Passportal, inserito nella colonna sonora del film The Matrix Reloaded.[5] Una versione del brano cantata da Chino Moreno riuscì a circolare sul web.

In seguito decisero di registrare un nuovo album, la cui uscita era inizialmente prevista per il 2004, ma la Maverick Records decise di posticiparne l'uscita, in modo tale da poter pubblicizzare l'album. Il 9 maggio 2005 il gruppo ha pubblicato l'album di debutto, dal titolo omonimo ed anticipato dal singolo Ever (Foreign Flag). Dalla lista tracce dell'album furono però esclusi molti brani, tra cui anche una collaborazione con Mike Patton dei Faith No More. Per promuovere l'album la band cominciò a girare in tour e a pubblicare demo sul proprio Myspace.

Nel'agosto 2014 i Team Sleep hanno annunciato il proprio ritorno attraverso un concerto tenuto ad ottobre dello stesso anno presso l'Applehead Studios di Woodstock, il quale sarebbe stato registrato per un futuro album dal vivo.[6] Il 9 giugno 2015 il gruppo ha reso disponibile per l'ascolto la versione dal vivo di Blvd. Nights, che ha anticipato l'uscita dell'album dal vivo Woodstock Sessions Vol. 4, avvenuta il 10 luglio 2015.[6] Nella stessa data è stato rivelato che il gruppo pubblicherà una serie di EP contenenti materiale inedito.[6]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale
Ex-componenti

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Album dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Team Sleep [Album] su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 24 settembre 2013.
  2. ^ a b Piero Scaruffi, The History of Rock Music. Deftones:biography, discography, reviews, link, www.scaruffi.com. URL consultato il 27-06-2010.
  3. ^ Danny Stones, Ondarock - Rock e dintorni - Deftones, crossover al rumor bianco, www.ondarock.it. URL consultato il 10-06-2010.
  4. ^ (EN) Interview: Chino Moreno of Team Sleep, ARTISTdirect, 13 luglio 2015. URL consultato il 14 luglio 2015.
  5. ^ (EN) The Matrix Reloaded: The Album su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 24 settembre 2013.
  6. ^ a b c (EN) Brandon Geist, Hear Team Sleep Play 'Blvd. Nights' for First Time Since 2007, Rolling Stone, 9 giugno 2015. URL consultato il 12 luglio 2015.
rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock