Tales from the Twilight World

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tales from the Twilight World
Artista Blind Guardian
Tipo album Studio
Pubblicazione 1990
Durata 44:10
Dischi 1
Tracce 10
Genere Speed metal[1]
Power metal[1]
Etichetta No Remorse Records, Virgin Records
Produttore Kalle Trapp
Registrazione Registrato da Kalle Trapp ai Karo Studios di Amburgo, Germania, marzo–maggio 1990
Note Ristampato nel 1991 dalla Virgin Records
Blind Guardian - cronologia
Album precedente
(1989)
Album successivo
(1992)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic 4.5/5 stelle[1]

Tales from the Twilight World è il terzo album del gruppo musicale tedesco Blind Guardian, pubblicato nel 1990 dalla No Remorse Records e ristampato l'anno successivo dalla Virgin Records.[1]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Tales from the Twilight World ha lanciato i Blind Guardian nel panorama metal internazionale ed ha stabilito le basi di quello che sarebbe diventato il tipico sound della band.[1]

Traveler in Time è ispirata alla saga di fantascienza di Dune scritta da Frank Herbert. Tommyknockers e Altair 4 si rifanno entrambe al romanzo Le creature del buio di Stephen King.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi di Hansi Kürsch, musiche di Hansi Kürsch e André Olbrich, eccetto dove indicato.

  1. Traveler in Time – 5:59
  2. Welcome to Dying – 4:47
  3. Weird Dreams – 1:19 (André Olbrich)
  4. Lord of the Rings – 3:18 (Hansi Kürsch, Marcus Siepen)
  5. Goodbye My Friend – 5:33 (Hansi Kürsch, André Olbrich, Thomas Stauch)
  6. Lost in the Twilight Hall – 5:58 (Hansi Kürsch, André Olbrich, Marcus Siepen, Thomas Stauch)
  7. Tommyknockers – 5:09
  8. Altair 4 – 2:26
  9. The Last Candle – 5:59
  10. Run for the Night (Live) – 3:42 – Traccia bonus

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Personale tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Grafica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Steve Huey, Tales from the Twilight World, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 16 giugno 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal