Battalions of Fear

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battalions of Fear
ArtistaBlind Guardian
Tipo albumStudio
Pubblicazione1988
Durata39:20
Dischi1
Tracce9
Genere[1]Speed metal
EtichettaNo Remorse Records
ProduttoreKalle Trapp
Registrazioneda Kalle Trapp ai Karo Studios di Münster, Germania ovest, ottobre/novembre 1987
Noteristampato nel 1991 dalla Virgin Records
Blind Guardian - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1989)

Battalions of Fear è l'album di debutto per la band power metal tedesca Blind Guardian. Pubblicato nel 1988 dalla No Remorse Records, è stato ristampato nel 1991 dalla Virgin Records.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

È un album tipicamente speed metal ispirato ai lavori degli Helloween (del cui ex-chitarrista Kai Hansen per altro erano molto amici) di quegli anni. Al contrario dei lavori successivi, Battalions of Fear ha un sound piuttosto grezzo e poco raffinato, dovuto ad una produzione non eccellente e al fatto che i Blind Guardian erano ancora legati al tradizionale sound graffiante del metal tedesco degli anni ottanta. I disegni di copertina sono di van Waay Design.

L'album in questione è stato ristampato, in versione rimasterizzata, dalla Virgin Records nel corso del 2007. Come bonus è stato inserito il primo demo dei Lucifer's Heritage, gruppo pre-Blind Guardian, "Symphonies of Doom".

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Majesty (7:28)
  2. Guardian of the Blind (5:09)
  3. Trial by the Archon (1:41)
  4. Wizard's Crown (3:48)
  5. Run for the Night (3:33)
  6. The Martyr (6:14)
  7. Battalions of Fear (6:06)
  8. By the Gates of Moria (2:52)
  9. Gandalf's Rebirth (2:10)

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il penultimo pezzo dell'album, By the Gates of Moria, presenta evidenti richiami al quarto movimento della Sinfonia dal nuovo mondo di Antonín Dvořák. Anche il gruppo metal Rhapsody of Fire ha utilizzato questo tema nell'ultima traccia del suo quarto disco, Wizard's Last Rhymes da Rain of a Thousand Flames. Le tracce By the Gates of Moria, Majesty e Gandalf's Rebirth sono ispirate al romanzo di J.R.R. Tolkien Il Signore degli Anelli mentre la traccia Guardian of the Blind è ispirata a It, famoso romanzo di Stephen King.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Battalions of Fear su AllMusic, su allmusic.com. URL consultato il 6 aprile 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal