Türbe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Türbe significa, in lingua turca, tomba. Si riferisce in particolare ai caratteristici mausolei, spesso relativamente piccoli, dei reali, dei nobili e dei notabili ottomani.

La parola è correlata all'arabo تُرْبَة turbah (che significa "suolo / terreno / terra"), che può anche significare un mausoleo, ma più spesso un complesso funerario o un traciato in un cimitero.[1]

Gli esempi più antiche ed orientali hanno tetti a pareti diritte piuttosto che cupole, uno stile persiano. Divriği, provincia di Sivas nella Turchia centro-orientale. ? XIII secolo

Molte turbe sono presenti nella città di Istanbul. Esse furono costruite principalmente dai sultani dell'Impero Ottomano, importante regno della storia della Turchia. La città turca di Iconio conserva le più antiche turbe del mondo.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La türbe di Hürrem Sultan († 1558) alla Moschea di Solimano a Istanbul, che mostra piastrelle, sarcofagi drappeggiati, un palo del turbante vuoto e uno con un turbante (protetto da un involucro di plastica)

Un tipico mausoleo "türbe" si trova nel parco di una moschea o di un complesso, spesso donato del defunto. Tuttavia, alcuni sono più strettamente integrati negli edifici circostanti. Di solito sono edifici relativamente piccoli, spesso di forma esagonale o ottagonale, contenenti un'unica camera, che può essere decorata con piastrelle colorate. Una cupola sormonta l'edificio. Normalmente sono tenuti chiusi, ma a volte l'interno può essere intravisto attraverso le grate metalliche sopra le finestre o le porte. L'esterno è tipicamente in muratura, a volte con decorazioni in maiolica sopra la porta, ma l'interno contiene spesso ampie aree di piastrelle dipinte, che possono essere della massima qualità.

All'interno, il corpo oi corpi riposano in semplici sarcofagi di pietra, spesso con una semplice iscrizione, che sono, o erano originariamente, coperti da ricchi drappi di stoffa. In generale i sarcofagi sono puramente simbolici e il corpo reale giace sotto il pavimento. Sulla testata della tomba in alcuni esempi un palo di legno era sormontato da un turbante ottomano di stoffa bianca (per gli uomini), oppure il turbante poteva essere in pietra.

Gli esempi precedenti avevano spesso due o più piani, seguendo l'esempio delle tombe Ilkhanate e persiane su cui si basava lo stile; la tomba di Malek ne è un buon esempio. Si suppone che lo stile ottomano rifletta anche la forma delle tende utilizzate dai precedenti nomadi ottomani e dai loro successori durante le campagne militari. I sultani spesso costruivano le loro tombe durante la loro vita, sebbene quelle di altri membri della famiglia e di alcuni sultani furono costruite dopo la loro morte. Il sultano Murad I, assassinato subito dopo la sua vittoria nella battaglia del Kosovo nel 1389, ha la sua türbe lì, con i suoi organi vitali, mentre il resto è stato riportato nella sua capitale a Bursa, dove ha un'altra türbe.

Türbe famose[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono molte famose türbe in tutta Istanbul dei vari sultani e notabili dell'Impero Ottomano.

Moschea di Solimano[modifica | modifica wikitesto]

Il complesso della Moschea di Solimano ha alcune delle più famose, tra cui quella dello stesso Solimano (1550), forse la più splendida türbe ottomana, e quella di sua moglie Hürrem Sultan, che ha piastrelle estremamente raffinate. Vicino al complesso si trova la türbe del suo famoso architetto Mimar Sinan, in quello che era il suo giardino.

Konya e Bursa[modifica | modifica wikitesto]

Konya detiene due türbe precedenti, con tetti conici, della dinastia Selgiuchide Rum nella moschea di Alâeddin (dal XII secolo in poi), e la türbe di Jalal ad-Din Muhammad Rumi, che è un importante santuario e punto di pellegrinaggio, proprio come la türbe di Gül Baba a Budapest, Ungheria. Bursa, una capitale dei primi Ottomani prima della conquista di Costantinopoli, detiene le türbe di molti dei primi sultani ottomani tra cui Osman I e suo figlio, il Complesso Muradiye contenente Murad II e molti principi, e la Yeşil Türbe di Mehmed I (morto 1421). Questa è una grande torre a tre piani e il (falso) sarcofago stesso è ricoperto di piastrelle. Insolitamente, gran parte dell'esterno è ricoperto da piastrelle colorate non decorate.

Bulgaria[modifica | modifica wikitesto]

In Bulgaria, le türbe eptagonali di santi dervisci come Kıdlemi Baba, Ak Yazılı Baba, Demir Baba e Otman Baba servirono come centri dei Bektashi tekkes (luoghi di raduno) prima del 1826.[2] La türbe di Haji Bektash Veli si trova nell'originale Bektashi tekke (ora un museo) nella città che ora porta il suo nome e rimane un sito per i pellegrini aleviti provenienti da tutta la Turchia.

Bosnia ed Erzegovina[modifica | modifica wikitesto]

La türbe di Gazi Husrev-beg (1480-1541) nella moschea di Gazi Husrev-beg a Sarajevo

Al culmine dell'impero ottomano, sotto Gazi Husrev-beg Sarajevo, in Bosnia ed Erzegovina, divenne una delle più grandi e importanti città ottomane nei Balcani dopo Istanbul, con il più grande mercato (oggi chiamato Baščaršija) e numerose moschee, che dalla metà del XVI secolo contava più di 100 persone. Nel 1660, la popolazione di Sarajevo era stimata in oltre 80.000. Husrev-beg ha plasmato notevolmente la città fisica, poiché la maggior parte di quella che ora è la Città Vecchia è stata costruita durante il suo regno. La Moschea di Gazi Husrev-beg (bosniaco: Gazi Husrev-begova Džamija, turco: Gazi Hüsrev Bey Camii), è una moschea nella storica piazza del mercato di Sarajevo Baščaršija, ed è stata costruita nel XVI secolo. È la più grande moschea storica della Bosnia ed Erzegovina e una delle strutture ottomane più rappresentative nei Balcani. La türbe di Gazi Husrev-beg si trova nel cortile della moschea.

Le türbe del Gran Visir nel cuore di Travnik

Ungheria[modifica | modifica wikitesto]

La türbe di Idrisz Baba si trova a Pécs, in Ungheria, ed è stato costruito nel 1591. Presenta una base ottagonale e un sepolcro a cupola, con finestre inferiori ad arco inflesso e finestre superiori circolari sulla facciata. È uno delle uniche due türbe del suo genere sopravvissuti in Ungheria (l'altro è la Tomba di Gül Baba) e svolge un ruolo importante nel record dell'architettura ottomana in Ungheria

Non si sa molto della persona turca sepolta nella turbe di Idrisz Baba; tuttavia, era considerato un uomo santo con il potere di operare miracoli. Successivamente è stato utilizzato come deposito per la polvere da sparo. La türbe è stata arredato con un mausoleo, un lenzuolo ricamato e un tappetino da preghiera dal governo turco. Sia la türbe di Idrisz Baba che la türbe di Gül Baba sono luoghi di pellegrinaggio per i musulmani.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Meri, Josef W., The cult of saints among Muslims and Jews in medieval Syria, Oxford University Press, 2002, p. 270, ISBN 0-19-925078-2, OCLC 49530252. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  2. ^ Lewis, Stephen, The Ottoman Architectural Patrimony in Bulgaria, Utrecht, EJOS, 2001, p. 7.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4231359-4