Strage della valle del Biois

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Strage della valle del Biois
Tipomassacro
Data20-21 agosto 1944
LuogoValle del Biois
StatoRepubblica Sociale Italiana Repubblica Sociale Italiana
ResponsabiliDivisione corazzata paracadutisti "Hermann Göring";
SS-Gebirgs-Kampfschule;
II battaglione del Polizeiregiment "Bozen"
Motivazionerepressione antipartigiana
Conseguenze
Morti44 civili
Danni245 abitazioni distrutte; 645 persone senza tetto

La strage della valle del Biois fu un massacro commesso dalle truppe tedesche in provincia di Belluno durante la seconda guerra mondiale.

La strage[modifica | modifica wikitesto]

La strage avvenne tra la mattina del 20 agosto 1944 e la sera del 21 nelle località di Falcade e Canale d'Agordo, ad opera di uomini della Divisione corazzata paracadutisti "Hermann Göring", della SS-Gebirgs-Kampfschule (Scuola d'alta montagna delle Waffen-SS) di Predazzo e del II battaglione del Polizeiregiment "Bozen"[1], coadiuvati da diverse compagnie del Corpo di sicurezza trentino (CST). Furono uccisi 44 civili e distrutte 245 abitazioni lasciando 645 persone senza tetto[2].

Il processo[modifica | modifica wikitesto]

L'inchiesta iniziò a seguito di un esposto presentato alla procura di Belluno il 26 gennaio 1970 da Pasquale Mariano, fratello della vittima Cosimo. Essendo stato quest'ultimo magistrato presso il tribunale di Belluno, il procedimento fu trasferito per legittima suspicione dal capoluogo veneto, sua sede naturale, alla Corte d'assise di Bologna[3]. Il 16 agosto 1977 il giudice istruttore presso il tribunale di Bologna, Sergio Castaldo, emise dei mandati di cattura contro il comandante della SS-Gebirgs-Kampfschule, il maggiore delle SS (SS-Sturmbannführer) Alois Schintlholzer (65 anni, di Innsbruck), e il maresciallo di polizia (Zugwachtmeister der Schutzpolizei) Erwin Fritz (65 anni, di Berlino, residente nella Germania Ovest a Gottinga, commissario di polizia a riposo)[4]. Tra gli imputati vi erano anche Emil Wendt (70 anni, nato a Stettino, residente a Castelrotto, parrucchiere), Domenico Mussner (65 anni, di Selva di Val Gardena, scultore in legno), Matthias Hildebrand (65 anni, di Parcines, residente a San Pancrazio, contadino), Ludwig Pattis (65 anni, di Tires, trasferitosi in Germania), Giovanni Zentgraf ed Hermand Holland (deceduti prima dell'inizio del processo) e Hans Holland (del quale si conosceva solo il nome)[1][5].

Il processo iniziò nel 1979. Processati in contumacia poiché Austria e Germania Ovest non concessero l'estradizione e nemmeno la possibilità di un interrogatorio per rogatoria[6], Schintlholzer e Fritz furono difesi dall'avvocato Roland Riz, vicepresidente della Südtiroler Volkspartei (SVP) e deputato[7], il quale chiese per i suoi assistiti l'assoluzione con formula piena[8]. Sei testimoni a discarico tedeschi e austriaci non si presentarono temendo di essere a loro volta incriminati[7]. I militari sudtirolesi furono assolti per mancanza di prove e, chiamati a testimoniare, accusarono i loro ex comandanti per il comportamento tenuto nel corso dell'operazione, fornendo elementi decisivi per la determinazione dei capi d'accusa[9].

Infine, con verdetto del 7 luglio 1979 i due comandanti furono gli unici condannati all'ergastolo, non scontando mai la pena. Tuttavia, il 6 maggio dell'anno successivo la Corte d'assise d'appello rilevò il difetto di giurisdizione dell'autorità giudiziaria ordinaria e assegnò la competenza al procuratore militare di Verona. Il nuovo iter processuale fu lungo e complesso soprattutto per questioni formali, concludendosi con sentenza del 15 novembre 1988 in una nuova condanna all'ergastolo per Schintlholzer, sempre in contumacia, mentre Fritz, a differenza di quanto era stato deciso dalla magistratura ordinaria, venne assolto per insufficienza di prove. La sentenza fu poi confermata dal Tribunale supremo militare. Schintlholzer rimase libero in Austria fino alla morte, avvenuta a Bielefeld nel giugno del 1989[10].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Vincenzo Tessandori, La strage dei nazisti a Falcade nel Bellunese, in La Stampa, 16 febbraio 1978.
  2. ^ Wedekind 2003, p. 330 n.
  3. ^ g.n., Processo a due ex SS (latitanti) per le stragi del '44 ad Agordo, in La Stampa, 22 maggio 1979.
  4. ^ Processo ai nazisti per l'eccidio in Val di Biois, in Stampa Sera, 21 maggio 1979.
  5. ^ Enzo Pizzi, Sei ordini di cattura per l'eccidio di nazisti in provincia di Belluno, in La Stampa, 3 settembre 1976.
  6. ^ Vincenzo Tessandori, Processo ai fantasmi, 35 anni dopo per l'eccidio nazista di Falcade, in La Stampa, 29 giugno 1979.
  7. ^ a b Vincenzo Tessandori, La ferocia nazista rivive nel processo per Falcade, in La Stampa, 30 giugno 1979.
  8. ^ Criticata a Bolzano condanna a due nazisti, in La Stampa, 10 luglio 1979.
  9. ^ Baratter 2005, p. 184.
  10. ^ Roberto Bona, Caviola, 63 anni fa la strage, in Corriere delle Alpi, 18 agosto 2007.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • La strage della Valle del Biois negli atti processuali: Corte di Assise di Bologna 21 maggio-7 luglio 1979, ed. Libreria moderna di Walter Pilotto - Feltre, 1980
  • Lorenzo Baratter, Le Dolomiti del Terzo Reich, Milano, Mursia, 2005, ISBN 88-425-3463-3.
  • (DE) Michael Wedekind, Nationalsozialistische Besatzungs- und Annexionspolitik in Norditalien 1943 bis 1945. Die Operationszonen "Alpenvorland" und "Adriatisches Küstenland", Monaco di Baviera, Oldenbourg Verlag, 2003, ISBN 3-486-56650-4.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]