Stazione di San Piero a Sieve

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Piero a Sieve
stazione ferroviaria
Stazione di San Piero a Sieve Fabbricato viaggiatori lato piazzale del ferro.JPG
Il fabbricato viaggiatori
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàVia della Stazione, San Piero a Sieve
Coordinate43°57′29.82″N 11°19′21.46″E / 43.958283°N 11.322629°E43.958283; 11.322629Coordinate: 43°57′29.82″N 11°19′21.46″E / 43.958283°N 11.322629°E43.958283; 11.322629
Lineeferrovia Faentina
Caratteristiche
TipoStazione di superficie, passante
Stato attualeIn uso
OperatoreTrenitalia
Attivazione1890
Binari3
InterscambiAutobus extraurbani

La stazione di San Piero a Sieve è una stazione ferroviaria a servizio dell'omonimo comune in provincia di Firenze.

Si trova all'interno del paese, in una posizione facilmente raggiungibile dal centro; questo fa della stazione un luogo di incontro e di ritrovo per gli abitanti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione fu aperta per la prima volta l'8 aprile 1890 con l'apertura del tratto Firenze-Borgo San Lorenzo che verrà poi esteso, nel 1893 a Faenza.

Durante la seconda guerra mondiale, la linea subì gravissimi danni che ne provocarono la chiusura. Nel 1952 la Ferrovia Pontassieve-Borgo San Lorenzo venne prolungata fino a San Piero a Sieve facendone quindi una stazione di testa[1].

Nel 1971 questa ultima tratta fu nuovamente chiusa a causa della scarsa utenza[1], ma 25 anni dopo, nel 1997, fu regolarmente riattivata[2], in previsione della riapertura della Ferrovia Faentina, avvenuta 2 anni dopo[3].

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

La stazione dispone di due piani: un piano terra destinato ai viaggiatori ed al bar (responsabile della apertura e chiusura della stazione e dei bagni), il secondo piano invece è una abitazione privata. In passato era presente un piccolo scalo merci, adesso disattivato insieme con il relativo magazzino.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Banchina binari 2 e 3

La stazione dispone di tre binari:

  • I binari 1 e 3 sono usati per le precedenze e gli scambi dei treni (la linea infatti è a binario unico e non è elettrificata).
  • Il binario 2 è di corsa.

È inoltre presente un binario tronco di testa usato sporadicamente per la sosta dei macchinari addetti alla manutenzione della linea.

Tutti i binari sono provvisti di banchina, pensilina e alcune panchine.

Le due banchine sono collegate tra loro tramite un sottopassaggio. È inoltre presente un altro sottopassaggio accessibile a disabili e persone con bagagli all'estremità della banchina in direzione di Borgo San Lorenzo.

All'interno del fabbricato viaggiatori è presente un bar (che fa anche funzione di biglietteria per i treni regionali) e la sala di attesa che condividono lo stesso salone. La stazione dispone inoltre di una biglietteria self-service.

Servizio viaggiatori[modifica | modifica wikitesto]

[4]

Il servizio viaggiatori è affidato esclusivamente a Trenitalia controllata del gruppo Ferrovie dello Stato.

Dal 2007 Trenitalia in collaborazione con la Regione Toscana ha avviato il servizio Memorario che consente una maggiore frequenza dei treni e orari cadenzati e facili da ricordare.

Il materiale rotabile impiegato su questa linea è ad alimentazione Diesel; questo perché la linea non è elettrificata. Percorrono la linea soprattutto le ALn 668 e i nuovissimi Minuetto in versione diesel.

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

  • Biglietteria Biglietteria self-service[5]
  • Sottopassaggio Sottopassaggio
  • Parcheggio di scambio Parcheggio di scambio
  • Bus di interscambio Capolinea Autolinee Mugello Valdisieve
  • Bar Bar
  • WC Servizi igienici (di proprietà del bar)
  • Sala di Attesa Sala di attesa

Interscambi[modifica | modifica wikitesto]

Sono presenti due ampi parcheggi sia in via della Stazione (dove prima c'era lo scalo merci) sia in via Cardetole dall'altro lato della stazione.

Nel lato via della Stazione è presente il capolinea delle Autolinee Mugello Valdisieve che permette di raggiungere le località non servite da ferrovia.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Baldi, p. 16.
  2. ^ Cenni storici
  3. ^ Il giorno dell'inaugurazione
  4. ^ Antonio Scalzo, Orario treni stazione di FIESOLE CALDINE - www.e656.net, su www.e656.net. URL consultato il 22 dicembre 2016.
  5. ^ Servizi in stazione-Trenitalia Archiviato il 29 novembre 2014 in Internet Archive.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Neri Baldi, Faentina in cantiere, in "i Treni" n. 164 (ottobre 1995), pp. 16-17.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]