Sonny Chiba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sonny Chiba nel 2019

Sonny Chiba conosciuto anche come Shinichi Chiba (千葉真一 Chiba Shinichi?), pseudonimo di Sadaho Maeda (前田禎穂 Maeda Sadaho?) (Fukuoka, 23 gennaio 1939Kimitsu, 19 agosto 2021[1]), è stato un attore e artista marziale giapponese.

Considerato uno dei migliori attori di arti marziali di tutti i tempi,[2][3][4] fu uno dei primi a lavorare in produzioni del genere, inizialmente solo per un pubblico giapponese e un po' più tardi per le platee internazionali. Ottenne fama fuori dai confini nazionali con Gekitotsu! Satsujin ken, da cui furono tratti due sequel.

Chiba recitò in più di 125 film della Toei Company e ha vinto numerosi premi per le sue interpretazioni.[5] Ammirato da Quentin Tarantino, che lo definì «il più grande attore che abbia mai lavorato nei film di arti marziali»[6], Chiba apparve nella sua celebre pellicola di Kill Bill: Volume 1, nei panni di Hattori Hanzō.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Fukuoka, nella regione del Kyushu, è il secondo di cinque figli della famiglia di un pilota militare. Fin da ragazzo iniziò a manifestare interesse sia al teatro che alla ginnastica. La sua determinazione lo portò a partecipare al team olimpionico giapponese nel periodo adolescenziale. Da studente universitario iniziò a studiare arti marziali con il rinomato gran maestro di karate mondiale Masutatsu Ōyama (che poco dopo recitò in una trilogia di film). Questi lo portò in poco tempo ad acquisire la cintura nera di karate.

Intorno ai primi anni sessanta (le date sono incerte, perché avrebbe potuto recitare anche nel 1959) fu scoperto come nuovo talento dalla Toei Company, e iniziò la sua carriera sullo schermo, inizialmente con il nome di Shinichi Chiba. Dagli anni settanta in poi recitò prevalentemente in thriller e noir. Adottò in quel periodo il nome d'arte con cui è conosciuto oggi, Sonny Chiba. Dagli anni ottanta in poi venne invece chiamato Sunny-S, probabilmente a causa della sua affiliazione con uno spot della Toyota. Nel 1970 aprì la sua scuola d'allenamento per potenziali attori di film arti marziali e, nel 1973, il periodo in cui iniziava ad emergere anche Bruce Lee, ritornò nello schermo nel ruolo di attore. Il successo internazionale di Chiba arriva nel 1974 è particolarmente noto per la trilogia di Gekitotsu! Satsujin ken, che lo consacrò come il re degli attori di film di arti marziali giapponesi per i due decenni successivi.

I suoi seguenti successi includono film come Bullet Train (1975), Karate Warriors (1976), Doberman Cop (1977), e Yakuza Deka: The Assassin (1977). Ritornò occasionalmente nella sci-fi in film come Message from Space (1978). Il periodo di maggior intensità per Chiba furono gli anni ottanta: recitò in dozzine di film per la TV, in film tratti dai manga di Hong Kong come The StormRiders (1998), in cui lavorò a fianco di Ekin Cheng, il principe dell'Avantpop di Hong Kong, e la principessa dell'avantpop di Hong Kong, Aaron Kwok. La sua fama negli anni novanta rimane immutata in Giappone.

Raggiunti i cinquant'anni, l'attore ricominciò a lavorare sotto il nome di Shinichi Chiba e servì come coreografo nelle sequenze di arti marziali. Agli inizi del ventunesimo secolo, Chiba è di nuovo impegnato in film giapponesi e in varie altre serie TV.

Successivamente ebbe ruoli particolarmente importanti in Deadly outlaw: Rekka di Takashi Miike e in Battle Royale II: Requiem di Kinji e Kenta Fukasaku, che effettivamente marcano il gradino tra le leggende del passato e i film moderni. Chiba ricevette poi nel 2003 un grande omaggio da parte del regista Quentin Tarantino, che lo volle nel cast di Kill Bill: Volume 1 con un ruolo che l'attore aveva già interpretato in Shadow Warriors, quello di Hattori Hanzō. Nel 2006 interpretò il personaggio di Kamata in Fast and Furious: Tokyo Drift.

Chiba morì il 19 agosto 2021, all'età di 82 anni, in un ospedale nella città di Kimitsu, a seguito di complicazioni emerse dopo aver contratto il COVID-19.[7]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Fu sposato dal 1967 al 1994 con l'attrice Yôko Nogiwa da cui ebbe una figlia, l'attrice Julie Manase. In seconde nozze sposò nel 1995 Tamami Chiba, da cui ebbe due figli: Mackenyu Maeda (1996), meglio noto come Mackenyu Arata, e Gordon Maeda (2000), entrambi attori. Chiba viveva tra il Giappone e Los Angeles con la sua seconda moglie .
Suo fratello minore Jiro Chiba era anche lui un attore.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • A causa delle arti marziali, l'attrice e super modella Reiko Chiba è ritenuta la sua "figlia d'arte", ma non c'è nessuna parentela tra i due.

Cinture nere e altri premi vinti[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alle sue doti di attore, Chiba aveva una serie di cinture nere nei seguenti stili di arti marziali:

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Sonny Chiba nel 1961

Regista e produttore[modifica | modifica wikitesto]

  • Yellow Fangs, regia di Sonny Chiba (1990)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Alex Mateo, Actor Sonny Chiba Passes Away Due to Pneumonia Caused by COVID-19, in Anime News Network, 19 agosto 2021. URL consultato il 19 agosto 2021.
  2. ^ (EN) Sonny Chiba vs Bruce Lee: The Debate Finally Put to Rest, su tofugu.com (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2015).
  3. ^ (EN) SONNY CHIBA, su rottentomatoes.com.
  4. ^ (EN) Top 20 Martial Arts Film Stars of All Time, su blackbeltmag.com (archiviato dall'url originale il 25 dicembre 2015).
  5. ^ SHINICHI "SONNY" CHIBA: A Real Mean Bastard!, su henshinonline.com. URL consultato il 21 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2014).
  6. ^ Sonny Chiba, in MYmovies.it, Mo-Net Srl.
  7. ^ 千葉真一さん死去 82歳 新型コロナ感染し療養も肺炎悪化、8日入院も, su news.yahoo.co.jp. URL consultato il 19 agosto 2021.
  8. ^ Organizzazione a fini non di lucro.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN19398217 · ISNI (EN0000 0001 1932 7298 · LCCN (ENno2004100759 · GND (DE137373430 · BNF (FRcb14036535t (data) · BNE (ESXX1215487 (data) · NDL (ENJA00083971 · WorldCat Identities (ENlccn-no2004100759