Sjeng Schalken

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sjeng Schalken
Sjeng Schalken.jpg
Sjeng Schalken durante un match
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Altezza 193 cm
Peso 82 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Ritirato 30 marzo 2007
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 292-267 (52,23%)
Titoli vinti 9
Miglior ranking 11° (21 aprile 2003)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 4T (2004)
Francia Roland Garros 3T (1999, 2002, 2003)
Regno Unito Wimbledon QF (2002, 2003, 2004)
Stati Uniti US Open SF (2002)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 128-136 (48,48%)
Titoli vinti 6
Miglior ranking 21° (20 maggio 2002)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 3T (2002)
Francia Roland Garros 2T (1996, 2001)
Regno Unito Wimbledon QF (2001)
Stati Uniti US Open SF (2001)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al definitivo

Sjeng Schalken (Weert, 8 settembre 1976) è un ex tennista olandese.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994 dopo aver vinto il titolo junior agli US Open[1] passa tra i professionisti e l'anno dopo vince il suo primo titolo, a Valencia.

Grazie a questa vittoria e a quella di Giacarta nel 1996 è stato per due anni consecutivi il tennista più giovane a vincere un torneo atp.

Dalla sua prima vittoria nel 1995 al 2003 riesce a vincere almeno un titolo per otto anni su nove con la sola eccezione del 1998.

Nel 2002 ottiene i suoi migliori risultati nei tornei del Grande Slam, al Torneo di Wimbledon arriva ai quarti di finale dove incontra la testa di serie numero uno Lleyton Hewitt che fino a quel punto non aveva perso neanche un set.

Il numero uno al mondo si porta subito in vantaggio di due set ma al tie-break Schalken riesce a portarsi sul 2 a 1. Nel quarto set vince facilmente 6-1 riuscendo a portarsi sul due set pari ma nel quinto Hewitt riesce a vincere 7-5 e a conquistare le semifinali e successivamente il titolo. Durante tutto il torneo Schalken rimane l'unico ad essere riuscito a vincere almeno un set contro l'australiano.

Agli US Open dello stesso anno arriva fino alla semifinale dove si trova di fronte Pete Sampras, l'americano riesce a vincere i primi due set al tie-break e conclude con un 6-2 al terzo set conquistando la finale.

Il 30 marzo 2007, dopo oltre un anno di inattività, ha annunciato il ritiro all'attività agonistica a causa di un infortunio al tendine d'Achille.[2]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (9)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
Tennis Masters Cup (0)
ATP Super 9 / Masters Series (0)
ATP Championship Series / ATP International Series Gold (1)
ATP World Series / ATP International Series (8)
Titoli per superficie
Cemento (6)
Terra battuta (1)
Erba (2)
Sintetico (0)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 2 ottobre 1995 Spagna Open de Tenis Comunidad Valenciana, Valencia Terra battuta Austria Gilbert Schaller 6–4, 6–2
2. 8 gennaio 1996 Indonesia ATP Jakarta, Giacarta Cemento Marocco Younes El Aynaoui 6–3, 6–2
3. 18 agosto 1997 Stati UnitiU.S. Pro Tennis Championships, Boston Cemento Cile Marcelo Ríos 7–5, 6–3
4. 11 gennaio 1999 Nuova Zelanda Heineken Open, Auckland Cemento Germania Tommy Haas 6–4, 6–4
5. 9 ottobre 2000 Giappone Japan Open Tennis Championships, Tokyo Cemento Ecuador Nicolás Lapentti 6–4, 3–6, 6–1
6. 22 ottobre 2001 Svezia Stockholm Open, Stoccolma Cemento Finlandia Jarkko Nieminen 3–6, 6–3, 6–3, 4–6, 6–3
7. 17 giugno 2002 Paesi Bassi Ordina Open, 's-Hertogenbosch (1) Erba Francia Arnaud Clément 3–6, 6–3, 6–2
8. 16 giugno 2003 Paesi Bassi Ordina Open, 's-Hertogenbosch (2) Erba Francia Arnaud Clément 6–3, 6–4
9. 8 settembre 2003 Brasile Brasil Open, Costa do Sauipe Cemento Germania Rainer Schüttler 6–2, 6–4

Finali perse (3)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
Tennis Masters Cup (0)
ATP Super 9 / Masters Series (0)
ATP Championship Series / ATP International Series Gold (0)
ATP World Series / ATP International Series (3)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 22 ottobre 2000 Cina Shanghai Open, Shanghai Cemento indoor Svezia Magnus Norman 4-6, 6–4, 3-6
2. 19 agosto 2001 Stati Uniti Legg Mason Tennis Classic, Washington Cemento Stati Uniti Andy Roddick 2-6, 3-6
2. 6 ottobre 2002 Russia Kremlin Cup, Mosca Cemento indoor Francia Paul-Henri Mathieu 6-4, 2-6, 0-6

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (6)[modifica | modifica wikitesto]

Finali perse (3)[modifica | modifica wikitesto]

Risultati in progressione[modifica | modifica wikitesto]

Torneo 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 Carriera
Grand Slam Tournaments
Australian Open A 1T 1T 1T 2T 2T 1T 1T 2T 4T 1T 0 / 10
Open di Francia A 2T 1T 1T 3T 1T 2T 3T 3T A A 0 / 8
Wimbledon 1T 1T 1T 1T 3T 3T 3T QF QF QF A 0 / 10
US Open 1T 3T 2T 1T 1T 3T 3T SF QF A A 0 / 9
Grand Slam SR 0 / 2 0 / 4 0 / 4 0 / 4 0 / 4 0 / 4 0 / 3 0 / 4 0 / 4 0 / 2 0 / 1 0 / 37
Annual Win-Loss N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A

A = Assente
LQ = Turno di Qualifica

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 1994 US Open Tennis Tournament , Tennis, Sports World Archiviato il [Data mancante], in Archive.is
  2. ^ livetennis.it, Si ritira Sjeng Schalken, livetennis.it, 30 marzo 2007. URL consultato il 16 febbraio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]