Settimio Benedusi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Settimio Benedusi

Settimio Benedusi (Imperia, 22 maggio 1962) è un fotografo e giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Una foto di Settimio Benedusi del 1980

Nasce a Imperia e si trasferisce a Milano non ancora ventenne. Il suo primo servizio pagato è per Cioè.[1] Dal 1990 è fotografo professionista, giornalista, pubblicista e docente di fotografia nel capoluogo lombardo.

Per sette anni ha partecipato alle edizioni della rivista Sports Illustrated (nel novembre 2009 fotografa Catrinel Marlon per la copertina dell'edizione sudafricana[2]), poi importando la formula in Italia, contribuendo all'apertura di Sportweek Dreams (speciale dedicato ai costumi da bagno di SportWeek, il settimanale della Gazzetta dello Sport)[3], che ha realizzato per quattro anni. Collabora con il Corriere della Sera, per il quale cura anche il blog Photobackstage.[4]

Ha partecipato a tre edizioni di Italia's Next Top Model, realizzando servizi fotografici[5] e -nella seconda edizione- anche come giudice.

Nel 2010 ha ideato la mostra "Martina_invisibile", curata da Denis Curti alla Fondazione Forma di Milano, con autoscatti della modella, conduttrice e attrice Martina Colombari. L'operazione ha suscitato molte polemiche.[6]

Nel 2013 è stato Art Director del festival di fotografia Fotoincontri di San Felice sul Panaro, dove porta dodici fotografi per contribuire alla ricostruzione post terremoto.[7] Ha documentato il lavoro di due ONLUS: Christian Blind Mission in Uganda con la testimonial Filippa Lagerbäck[8] e la Fondazione Francesca Rava ad Haiti con la testimonial Martina Colombari.[9]

Fa parte del direttivo della Associazione Nazionale Fotografi Professionisti TAU Visual.[10] Con il patrocinio dell'AFIP, di cui è socio onorario, ha tenuto nel 2013 presso la Triennale di Milano una Lectio Magistralis dal titolo "Come diventare un grande fotografo senza esserlo".[11] Si è presentato con un cappello da somaro, ha parlato di "esclusione sistematica dei fotografi italiani di talento" dai magazine italiani e ha sostenuto che per "passare per maestro della fotografia basta essere dei comunicatori, dei personaggi", idea per cui è stato anche criticato.[12]

Nel 2014 per dimostrare che scattando "mille immagini, una andrà bene", manda il suo barbiere a fare foto bendato, e ottiene che uno degli scatti, intitolato Amore rivelato, venga pubblicato sul sito di Vogue Italia, con lo pseudonimo di Rocco Barbieri.[1][13]

Nel 2016 la Galleria Leica di Milano ha esposto la sua mostra ES_SENZA, in cui, per celebrare l’anniversario della morte del padre, ha preso vecchie fotografie di famiglia e le ha modificate rimuovendolo.[14][15][16][17][18]

Nel 2016 ha viaggiato da Milano a Imperia a piedi e senza soldi, barattando fotografie in cambio di cibo e alloggio, con l'obiettivo di capire se la fotografia abbia ancora un valore.[19][20][21]

L'utilità della fotografia secondo Benedusi[modifica | modifica wikitesto]

« [...] la fotografia ha un senso se serve a qualcosa, se è utile. È un mezzo per indagare il mondo. Se la fotografia è usata come mezzo, va bene, altrimenti è una perdita di tempo, sia per chi la fa sia per chi la vede »

(Settimio Benedusi[22])

Un lunga intervista condotta nel 2015 da Enrico Ratto, fondatore del magazine Maledetti Fotografi, definisce il pensiero del fotografo imperiese molto critico sulla utilità della fotografia, denunciando non solo la mancanza di cultura fotografica in molti, cultura, essenziale a suo avviso per realizzare belle fotografie, ma spiegando quanto l'originalità non è sempre, se non mai, indice di creatività. Vero è, ad avviso di Benedusi, che la fotografia è meritocratica, premiando solo i fotografi che con le loro opere sanno davvero "comunicare", e questo sia che la scena da fotografare sia originale sia che sia banale[23].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Settimio Benedusi davanti a una sua foto
  • Photo Colors, A+MBookstore; (2000)
  • Riccione, Bene! Bella gente 1922-2012 novant'anni di Riccione, Comune di Riccione; (2012)

Mostre personali[modifica | modifica wikitesto]

  • A_Mare, Imperia nel 2012
  • Imperia - noi siamo la nostra storia, Imperia, all'interno della manifestazione Vele d'Epoca nel 2014[24][25]
  • Amnios, Poprad in Slovacchia, all'interno del Festival Dolce Vitaj nel 2010
  • ES_SENZA, Milano, Galleria Leica nel 2016
  • Io non esiste, Locate Triulzi, Scalo Milano nel 2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Cristina D'Antonio, Settimio Benedusi, fenomenologia della bonazza e altre nude verità, GQItalia.it, 2 agosto 2014. URL consultato il 23-7-2016.
  2. ^ Catrinel Marlon - Then and Now, World Swimsuit. URL consultato il 23-7-2016.
  3. ^ Sportweek Dreams si fa in due per l'edizione 2013, Pubblicità Italia, 24 maggio 2013. URL consultato il 23-7-2016.
  4. ^ Photobackstage, Corriere della Sera. URL consultato il 21-8-2016.
  5. ^ Modelle al Casinò, Sky Mag. URL consultato il 23-7-2016.
  6. ^ Michele Smargiassi, Martina, profanatrice del tempio, Fotocrazia - Blog - Repubblica.it, 1 dicembre 2016. URL consultato il 14 luglio 2016.
  7. ^ Paolo Ranzani, Fotofestival San Felice sul Panaro, su La Stampa, 06 maggio 2013. URL consultato il 14 luglio 2016.
  8. ^ Settimio Benedusi: Fotografo per CBM, CBM Italia Onlus. URL consultato il 23-7-2016.
  9. ^ Mercoledì 20 novembre, Giornata mondiale dei Diritti dell'infanzia, vi aspettiamo "In Farmacia per i bambini"!, Fondazione Francesca Rava – N.P.H. Italia, 14 novembre 2013. URL consultato il 23-7-2016.
  10. ^ Direttivo dell'associazione, Associazione Nazionale Fotografi Professionisti TAU Visual. URL consultato il 21-8-2016.
  11. ^ AFIP
  12. ^ La fotografia e la trappola del consenso, su Linkiesta.it, 3 giugno 2013. URL consultato il 14 luglio 2016.
  13. ^ Rocco Barbieri, Vogue. URL consultato il 23-7-2016.
  14. ^ Sky Arte- L’essenza del tempo perduto, nelle foto di Benedusi
  15. ^ il Giornale - L'«Essenza» dell'assenza negli scatti di Benedusi
  16. ^ Corriere della Sera - «Es_senza» di Settimio Benedusi
  17. ^ MIA Photo Fair Milano
  18. ^ Michele Smargiassi, Esserci o non esserci, questo è il problema, su Fotocrazia - Blog - Repubblica.it, 6 gennaio 2016. URL consultato il 14 luglio 2016.
  19. ^ Spera Fotografia
  20. ^ Giuseppe Di Piazza, Il fotografo Settimio Benedusi: «A piedi e senza soldi da Imperia a Milano, barattando le mie foto», su Corriere Innovazione, 8 maggio 2016. URL consultato il 13 luglio 2016.
  21. ^ Michele Smargiassi, Quanto vale davvero una fotografia, su Fotocrazia - Blog - Repubblica.it, 4 maggio 2016. URL consultato il 14 luglio 2016.
  22. ^ Enrico Ratto, Maledetti Fotografi - le interviste ai più grandi fotografi internazionali, pag.17, Leipzig, Maledetti Fotografi Edizioni, 2015, ISBN 978-15-2325-233-6.
  23. ^ Enrico Ratto, Maledetti Fotografi - le interviste ai più grandi fotografi internazionali, pp. 17 - 22, Leipzig, Maledetti Fotografi Edizioni, 2015, ISBN 978-15-2325-233-6.
  24. ^ ImperiaPost
  25. ^ Sanremo News

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enrico Ratto, Maledetti Fotografi - le interviste ai più grandi fotografi internazionali, Leipzig, Maledetti Fotografi Edizioni, 2015, ISBN 978-15-2325-233-6.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]