Semplicemente (Zero Assoluto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Semplicemente
Zero Assoluto Semplicemente.jpg
Screenshot tratto dal videoclip del brano
Artista Zero Assoluto
Tipo album Singolo
Pubblicazione 2005
Durata 3:35
Genere Pop
Etichetta Baraonda Edizioni Musicali
Produttore Zero Assoluto
Registrazione 2005
Formati CD, 12"
Certificazioni
Dischi di platino Italia Italia[1]
(vendite: 20 000+)
Zero Assoluto - cronologia
Singolo precedente
(2004)
Singolo successivo
(2006)

Semplicemente è un singolo del gruppo musicale italiano Zero Assoluto, pubblicato nel 2005 dalla Baraonda Edizioni Musicali.

Il brano è stato successivamente inserito nella lista tracce del secondo album in studio Appena prima di partire, uscito nel marzo 2007.

La canzone[modifica | modifica wikitesto]

Prodotto dal gruppo stesso, il tema di Semplicemente è il rimpianto per un amore che avrebbe potuto essere e non potrà mai più essere.

Il singolo è diventato in breve tempo un grande successo commerciale e radiofonico in Italia, trascorrendo 28 settimane nella top 20 della classifica dei singoli, raggiungendo la seconda posizione per una settimana, dietro a La camisa negra di Juanes.[2]

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il videoclip, diretto da Cosimo Alemà e prodotto dalla società The Mob, è stato girato presso la scuola superiore I.I.S. Cartesio - Luxemburg di Roma. In esso si alternano sequenze degli Zero Assoluto, che eseguono il brano in una palestra della scuola suddetta, ad altre di una ragazza, interpretata da Selenia Orzella,[3] che cammina con un borsone per lo sport. La ragazza entra proprio in quella palestra e comincia a danzare davanti al gruppo che suona.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

CD singolo (Italia)
  1. Semplicemente – 3:35 (Matteo Maffucci, Thomas De Gasperi, Danilo Pao, Enrico Sognato)
12" (Italia)
  • Lato A
  1. Semplicemente (Faccio quello che mi pare Radio Cut) – 4:36
  • Lato B
  1. Semplicemente (Faccio quello che mi pare Extended) – 4:58

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2005) Posizione
massima
Italia[2] 2

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nino Marchesano, Prima le Vibrazioni poi i Gemelli DiVersi e gli Zero Assoluto, la Repubblica, 18 agosto 2007. URL consultato il 5 marzo 2016.
  2. ^ a b (EN) Zero Assoluto - Semplicemente, italiancharts.com. URL consultato il 5 marzo 2016.
  3. ^ sosfegato.it, http://www.sosfegato.it/camo/onlus/all/cartella_stampa_Selenia_Orzella.pdf . URL consultato il 21 ottobre 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica