Nelly Furtado

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nelly Furtado
Nelly Furtado at Radio Regenbogen Award 2017 (5).jpg
Nelly Furtado ai Radio Regenbogen Award 2017
NazionalitàCanada Canada
GenerePop[1][2]
Contemporary R&B[1][2]
Adult contemporary music[1]
Hip hop[2][3]
World music[3]
Periodo di attività musicale1999 – in attività
StrumentoVoce
EtichettaInterscope Records
Album pubblicati8
Studio6
Live1
Raccolte1
Logo ufficiale
Sito ufficiale

Nelly Kim Furtado (Victoria, 2 dicembre 1978) è una cantante, cantautrice e attrice canadese.

Con oltre 40 milioni di copie vedute in tutto il mondo, è una degli artisti canadesi di maggior successo. Durante la sua carriera ha ottenuto un Grammy Awards su sette nomine, un Latin Grammy Awards, un Brit Award, un MTV Europe Music Awards ed un Billboard Music Awards.

Il suo album di debutto, Whoa, Nelly! (2000), è stato un successo sia per la critica che al livello commerciale, dando origine a due numeri uno della classifica dei singoli statunitense, I'm Like a Bird e Turn Off the Light. Il primo dei due singoli le è valso un Grammy Award per la Migliore Performance Vocale Pop Femminile. Nel 2003, ha pubblicato il suo secondo album, Folklore, che è stato preceduto dal singolo principale, Powerless (Say What You Want).

Il terzo album della Furtado, Loose (2006), è diventato il suo album più venduto, con 12 milioni di copie vendute in tutto il mondo. L'album ha generato quattro singoli di successo: Promiscuous, Maneater, Say It Right, e All Good Things (Come to an End). Ha pubblicato il suo primo album in lingua spagnola, Mi Plan, nel 2009, che le è valso il Latin Grammy Award per il Miglior Album Vocale Pop Femminile. Nel 2012, Furtado ha pubblicato il suo quinto album, The Spirit Indestructible e nel 2017, ha pubblicato il suo sesto album, intitolato The Ride.

La Furtado ha una stella sulla Walk of Fame Canadese ed è stata insignita del titolo di Comandante dell'Ordine del Principe Enrico il 28 febbraio 2014, per le sue discendenze portoghesi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di Maria Manuela e Antonio José Furtado, è nata il 2 dicembre 1978 a Victoria, Columbia Britannica, Canada. Terminati gli studi si trasferisce a Toronto, dove conosce il duo hip-hop dei Nelstar, ai quali si unisce suonando con loro dal 1996 al 1998, per poi diventare solista nel 2000.[4] Tale esperienza le permette di allargare i suoi orizzonti musicali, grazie alla sperimentazione di sonorità innovative che riesce a proporre.[senza fonte]

Carriera musicale[modifica | modifica wikitesto]

2000-2005: Whoa, Nelly! e Folklore[modifica | modifica wikitesto]

Nelly Furtado nel 2007

L'album che ha segnato il debutto di Nelly Furtado è stato Whoa, Nelly!, uscito il 24 ottobre 2000, riscuotendo un enorme successo in tutto il mondo, arrivando alla seconda posizione in Regno Unito e Canada, alla quarta posizione in Australia, alla quattordicesima in Italia e alla ventiquattresima negli Stati Uniti.[5] In totale ha venduto 6,5milioni di copie in tutto il mondo. Il singolo apripista ufficiale I'm Like a Bird, pubblicato il 28 novembre 2000 a livello mondiale. Il singolo arrivò al primo posto della classifica Italiana e Canadese mentre al quinto nella classifica britannica dei singoli e alla nona della Billboard 200 statunitense, e vendette più di 500mila copie.[6][7]

Il secondo singolo estratto fu Turn Off the Light, il 14 agosto 2001, che raggiunse la medesima posizione nella Hit List Italia, la quarta nella classifica britannica e le prime posizioni in numerose classifiche di genere negli Stati Uniti, tra cui la prima della US Dance Club Songs e la terza della US Mainstream Top 40.[8][9] Il 3 dicembre 2001 esce il singolo ...on the Radio (Remember the Days), che non ottenne lo stesso successo dei singoli precedenti ma raggiunse la posizione numero 15 della classifica britannica e canadese.[10] Il quarto singolo estratto da Whoa, Nelly! è Hey, Man!, pubblicata il 16 giugno 2002.[senza fonte] Venne estratta dall'album anche la canzone Trynna Finda Way nell'autunno 2002 e che fece parte della colonna sonora del film Disney Pretty Princess.[senza fonte]

Agli MTV Europe Music Awards del 2001 venne nominata nella categoria Best New Act, mentre ai Juno Awards dello stesso anno vince nelle categorie Best New Solo Artist, Best Songwriter e Best Producer e il brano I'm Like a Bird ottiene il premio come Best Single of the Year. Ai BRIT Awards del 2002 riceve due nominations come Best International Newcomer e Best International Female Artist.[11] Durante la 44esima edizione dei Grammy Awards la cantante ottiene il suo primo Grammy nella categoria Best Female Pop Vocal Performance per I'm Like a Bird, che viene nominato anche nella categoria Song of the Year. L'album di cui fa parte riceve la nomination come Best Pop Vocal Album mentre l'artista viene nominata come Best New Artist, vinto però da Alicia Keys.[12]

Il secondo album di Nelly Furtado, Folklore , viene pubblicato il 25 novembre 2003 e riscosse un discreto successo pur non eguagliando il primo con un totale di più di 900mila copie vendute, probabilmente dovuto alla casa discografica DreamWorks Records che nello stesso periodo venne assorbita dall'Universal Music Group.[13] Il primo singolo fu la hit Powerless (Say What You Want), che fu pubblicata l'8 dicembre 2003 e raggiunse la Top10 in Canada, Paesi Bassi, Germania e Belgio.[14] Seguirono Try, di maggiore successo che raggiunge la posizione numero 15 nel Regno Unito,[15] e Força, che venne usato come sponsor agli Europei di Calcio 2004.[senza fonte] Il quarto ed ultimo singolo estratto da Folklore fu The Grass Is Green.[senza fonte]

Nel 2005, Michael Bublé incide un duetto con la Furtado, la versione internazionale del brano Quando Quando Quando.[senza fonte]

2006-2008: Loose[modifica | modifica wikitesto]

Nelly Furtado alla cerimonia per la propria introduzione nella Canada's Walk of Fame

Loose, terzo album dell'artista, è stato pubblicato il 9 giugno 2006 e prodotto principalmente da Timbaland, sperimentando suoni di R&B, hip hop e musica anni '80.[16] L'album è il maggior successo della carriera di Furtado fino ad oggi, con 12milioni di copie vendute in tutto il mondo[17], avendo raggiunto il numero uno, non solo in Canada, Australia e Stati Uniti, ma raggiungendo la Top5 di trenta paesi.[18][19]

Il primo singolo dall'album è Maneater, che riscuote un ottimo successo con 1,2 milioni di copie vendute e raggiungendo la prima posizione della classifica britannica, e nella Top10 di Italia, Canada, Australia e Germania, mentre arriva alla posizione numero 16 della Billboard Hot 100.[20][21] Dall'album, che vede numerose collaborazioni con molti artisti tra cui lo stesso Timbaland, vengono estratti addirittura nove singoli, seppur alcuni riservati solo ad alcuni mercati. Promiscuous, cantata in coppia con il co-produttore Timbaland, raggiunge la prima posizione delle classifiche di Stati Uniti, dove vende 2,5 milioni di copie[22], e Canada, entrando nella Top10 di 25 paesi con una vendita complessiva di 3,5milioni di copie.

Il singolo Say It Right, divenne alla fine la canzone della Furtado di maggior successo in tutto il mondo, grazie al suo enorme successo in Europa e negli Stati Uniti, dove divenne il suo secondo successo numero uno con 2milioni di copie vendute in tutto il mondo.[23] All Good Things (Come to an End) (duettato anche con gli Zero Assoluto), con cui si esibì al Festival di Sanremo 2007 e che ricevette un ottimo giudizio dalla critica. Venne estratto anche il brano Do It, che venne ripubblicato con la collaborazione di Missy Elliott.[24]

Loose vince molti premi: Il singolo Promiscuous riceve quattro nomination ai Billboard Music Award del 2006 vincendo come Pop 100 Single of the Year e ai Grammy Awards del 2007 viene nominato nella categoria Best Pop Collaboration with Vocals. Riceve inoltre tre nomine agli MTV Video Music Awards come Best Pop Video, Best Female Video, Best Dance Video. Agli MTV Europe Music Awards del 2007 Loose vince come Miglior album dell'anno e ai Juno Awards vince come Album of the year e R&B Album of the Year e la cantante vince come Artist of the Year. Ai BRIT Awards viene riconosciuta come International Female Artist of the Year.

Nel 2007, Furtado e Justin Timberlake sono stati presenti nel singolo di Timbaland Give It to Me, che debutta alla prima posizione in Regno Unito, Stati Uniti ed Europa.[25][26] Alla fine del 2008, Furtado ha collaborato con James Morrison su una canzone chiamata Broken Strings, che ha raggiunto il numero 2 della UK Singles Chart all'inizio di gennaio e la prima posizione nella classifica Europea.[27] Ai Grammy Awards del 2008 Give it to Me viene nominato nella categoria Best Pop Collaboration with Vocals e Say It Right come Best Female Pop Vocal Performance.

2009-2010: Mi plan e The Best of Nelly Furtado[modifica | modifica wikitesto]

Nelly Furtado in un'esibizione in Germania per promuovere l'album Mi Plan

È uscito l'11 settembre 2009 Mi plan, quarto album di studio, e primo in spagnolo, ha debuttato alla prima posizione della US Top Latin Albums e nella Top10 della European Top 100 Albums e delle classifiche di Italia, Spagna, Germania ed Australia.[28][29] In Canada arriva alla 20esiama posizione mentre debutta alla posizione numero 69 della Billboard 200.[30][31] Il singolo Manos al aire fu estratto il 29 giugno 2009 e debuttò alla prima posizione della US Hot Latin Songs,[32] mentre raggiunge la seconda posizione nelle classifiche di Italia, Germania e nella Top10 della European Hot 100 Singles.[33][34] Il secondo e terzo singolo sono stati "Más" e "Mi Plan" rispettivamente.[35]

Nel febbraio 2010 esce in Italia Di più, versione italiana di Más, con etichetta Universal Italy, presentato live nel talent show Amici di Maria De Filippi. Durante questa puntata, la Furtado riceve il disco di diamante per avere venduto più di 350.000 copie con tutti i suoi album, solo in Italia.[36] Bajo Otra Luz è il terzo singolo ufficiale estratto che però nelle versioni radio edit e in quella del video non presenta la collaborazione con Julieta Venegas ma solo la parte rap con La Mala Rodríguez.

Il 25 ottobre 2010, ad oltre un anno dall'uscita di Mi plan, è stata pubblicata la versione Mi plan Remixes trainata dal singolo Fuerte[37]. Ai Latin Grammy Awards del 2010 Mi Plan viene riconosciuto vincendo come Best Pop Vocal Album, Female. È la prima portoghese-canadese a vincere un premio Latin Grammy.[38]

Tra maggio e giugno ha collaborato col rapper N.E.R.D in Hot-N-Fun. La cantante è tornata nei negozi di dischi il 16 novembre sempre del 2010, con la pubblicazione della sua prima raccolta, The Best of Nelly Furtado, pubblicata dall'etichetta discografica Geffen Records.[39] L'album è stato anticipato dal singolo Night Is Young[40] (precedentemente presentato live come "Free"). Nel disco sono presenti quattordici successi dell'artista ed altri due inediti, Girlfriend in the City e Stars.[41]

2012-presente: The Spirit Indestructible e The Ride[modifica | modifica wikitesto]

Nelly Furtado al Festival Isle of MTV 2012.

Contemporaneamente ha annunciato che il suo quinto album di inediti The Spirit Indestructible è stato pubblicato nel settembre 2012.[39] Le influenze per l'album vanno da Janelle Monáe, The xx, a Florence and the Machine, contenente elementi da urbano, alternativo e reggae.[42][43] Dal 17 aprile 2012 è disponibile il singolo Big Hoops (Bigger the Better).[44] Il secondo singolo estratto dall'album in periodo estivo è Spirit Indestructible, seguito il 18 settembre da Parking Lot; nei mesi seguenti sono stati estratti altri due singoli, Waiting for the Night, il 14 dicembre 2012, e Bucket List il 22 febbraio 2013. Il 2 luglio 2013 Furtado ha eseguito un nuovo brano, la ballata acustica Mystery, dal suo prossimo album in studio.

L'8 settembre 2016 conferma che il suo nuovo album, che sarà composto da 12 tracce. "Islands of Me" è il primo estratto pubblicato il 10 settembre del 2016 mentre il singolo di punta del progetto,"Pipe Dreams", viene pubblicato ad ottobre. L'album pubblicato a marzo 2017 viene intitolato The Ride.[45][46] L'artista descrive le tracce contenute e scritte con John Congleton: "Un sacco di brani toccano questo tema: in termini di sanità mentale rispetto alla realtà. La discesa, i postumi della sbornia dopo la fretta, e come si rimettono insieme i pezzi, e come si fa ammenda con le parti più reali della vita".[47]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 settembre 2003 nasce la figlia Nevis (nome ispirato dall'omonima isola dei Caraibi), avuta con il famoso dj Jasper Gahunia.[48] La rottura ufficiale di questa relazione avverrà nel 2005 dopo 4 anni di fidanzamento.[49]

Dal 2007 inizia a frequentare l'ingegnere del suono Demacio Castellon, cui stava lavorando all'album Loose, con cui si sposa il 19 giugno del 2008.[50] La coppia si separa nell'estate del 2016, ma venne annunicato solamente nell'aprile del 2017 durante lo show britannico Loose Women dalla stessa cantante.[51]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Nelly Furtado.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

  • Max Payne, regia di John Moore (2008)
  • Score: A Hockey Musical, regia di Michael McGowan (2010)
  • A Date with Miss Fortune, regia di John L'Ecuyer (2015)

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Album review: Nelly Furtado and Jamiroquai, Vulture, 31 marzo 2017. URL consultato il 12 aprile 2019.
  2. ^ a b c (EN) Nelly Furtado | Biography, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 27 settembre 2017.
  3. ^ a b (EN) Tony Green, Floridian: The musical future is now, St. Petersburg Times, 17 marzo 2002. URL consultato il 27 aprile 2019 (archiviato dall'url originale l'8 agosto 2002).
  4. ^ Nelly Furtado Su Mtv.It[collegamento interrotto]
  5. ^ www.amazon.ca, https://www.amazon.ca/Whoa-Nelly-Furtado/dp/B000055YA0/ref=sr_1_6?s=music&ie=UTF8&qid=1286051213&sr=1-6. URL consultato il 10 maggio 2019.
  6. ^ (EN) Official Singles Chart Top 100 | Official Charts Company, su www.officialcharts.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  7. ^ Nelly Furtado Chart History, su Billboard. URL consultato il 10 maggio 2019.
  8. ^ Nelly Furtado Chart History, su Billboard. URL consultato il 10 maggio 2019.
  9. ^ (EN) Official Charts Company, su www.officialcharts.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  10. ^ Nelly Furtado Chart History, su Billboard. URL consultato il 10 maggio 2019.
  11. ^ (EN) History, su BRIT Awards. URL consultato il 10 maggio 2019.
  12. ^ (EN) 44th Annual GRAMMY Awards, su GRAMMY.com, 28 novembre 2017. URL consultato il 10 maggio 2019.
  13. ^ Wayback Machine, su web.archive.org, 24 maggio 2006. URL consultato il 10 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2006).
  14. ^ ®R&R :: Going For Adds™ :: CHR/Top 40, su web.archive.org, 21 ottobre 2013. URL consultato il 10 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2013).
  15. ^ (EN) Official Singles Chart Top 100 | Official Charts Company, su www.officialcharts.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  16. ^ umusic.ca :: Nelly Furtado, su web.archive.org, 11 ottobre 2007. URL consultato il 10 maggio 2019 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2007).
  17. ^ prnewswire.com, 12 milion sales - Nelly Furtado, su prnewswire.com.
  18. ^ Nelly Furtado Chart History, su Billboard. URL consultato il 10 maggio 2019.
  19. ^ Nelly Furtado Chart History, su Billboard. URL consultato il 10 maggio 2019.
  20. ^ (EN) Official Charts Company, su www.officialcharts.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  21. ^ italiancharts.com - Nelly Furtado - Maneater, su italiancharts.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  22. ^ (EN) Gold & Platinum, su RIAA. URL consultato il 10 maggio 2019.
  23. ^ Nelly Furtado Chart History, su Billboard. URL consultato il 10 maggio 2019.
  24. ^ Do It (remix) by Nelly Furtado and Missy Elliott - Music Charts, su acharts.co. URL consultato il 10 maggio 2019.
  25. ^ TIMBALAND | full Official Chart History | Official Charts Company, su www.officialcharts.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  26. ^ Timbaland - Chart history | Billboard, su www.billboard.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  27. ^ Billboard - Music Charts, News, Photos & Video, su Billboard. URL consultato il 10 maggio 2019.
  28. ^ Nelly Furtado Chart History, su Billboard. URL consultato il 10 maggio 2019.
  29. ^ FIMI - Federazione Industria Musicale Italiana - Classifiche, su web.archive.org, 8 febbraio 2010. URL consultato il 10 maggio 2019 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2010).
  30. ^ Nelly Furtado Chart History, su Billboard. URL consultato il 10 maggio 2019.
  31. ^ Nelly Furtado Chart History, su Billboard. URL consultato il 10 maggio 2019.
  32. ^ Nelly Furtado Chart History, su Billboard. URL consultato il 10 maggio 2019.
  33. ^ Nelly Furtado - Chart history | Billboard, su www.billboard.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  34. ^ italiancharts.com - Nelly Furtado - Manos al aire, su italiancharts.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  35. ^ Nelly Furtado Chart History, su Billboard. URL consultato il 10 maggio 2019.
  36. ^ Nelly Furtado riceve il disco di diamante in Italia
  37. ^ Amazon.com: Mi Plan Remixes: Nelly Furtado: Music
  38. ^ (ES) Nelly Furtado Mejor Album Vocal Pop Femenino 11th Latin GRAMMYs, su Latin GRAMMYs. URL consultato il 10 maggio 2019.
  39. ^ a b Nelly Furtado : Blog : Finally MI PLAN is out!!!! Archiviato il 14 luglio 2011 in Internet Archive.
  40. ^ Copia archiviata, su nellyfurtado.com. URL consultato il 15 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2010).
  41. ^ Furtado announces 'Best Of' tracklisting - Music News - Digital Spy
  42. ^ Nelly Furtado Talks New Album! | PerezHilton.com, su web.archive.org, 26 ottobre 2010. URL consultato il 10 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2010).
  43. ^ Nelly Furtado: 2011 Album Preview, su Billboard. URL consultato il 10 maggio 2019.
  44. ^ iTunes - Music - Big Hoops (Bigger the Better) - Single by Nelly Furtado, su web.archive.org, 19 aprile 2012. URL consultato il 10 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 19 aprile 2012).
  45. ^ Blair Cannon, Nelly Furtado on her musical evolution and working with Dev Hynes, in i-D, 8 settembre 2016. URL consultato il 10 settembre 2016.
  46. ^ (EN) The Ride - Nelly Furtado, Amazon. URL consultato l'11 luglio 2017.
  47. ^ (EN) Listen To "Pipe Dreams" From Nelly Furtado’s Forthcoming Album, su The FADER. URL consultato il 26 aprile 2019.
  48. ^ Rockol com s.r.l, √ Nelly Furtado felice perché mamma (un po' meno per le vendite dell'album), su Rockol. URL consultato il 10 maggio 2019.
  49. ^ QuotidianoNet, Nelly Furtado sedotta da un ingegnere del suono, su QuotidianoNet. URL consultato il 10 maggio 2019.
  50. ^ (EN) Nelly Furtado: I'm Married!, su PEOPLE.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  51. ^ (EN) Nelly Furtado Splits From Husband After 8 Years Of Marriage, su HuffPost Canada, 12 aprile 2017. URL consultato il 10 maggio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN84252722 · ISNI (EN0000 0003 7431 1138 · LCCN (ENno2002006842 · GND (DE135207541 · BNF (FRcb14041997g (data)