Santuario di Birnau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Santuario di Birnau
Wallfahrtskirche Birnau
Birnau-4.jpg
Veduta del complesso della facciata.
StatoGermania Germania
LandFlag of Baden-Württemberg.svg Baden-Württemberg
LocalitàUhldingen-Mühlhofen Wappen.svg Uhldingen-Mühlhofen
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareMaria
Arcidiocesi Friburgo in Brisgovia
Consacrazione21 settembre 1750
ArchitettoPeter Thumb
Stile architettonicoRococò
Inizio costruzione1747
Completamento1757

Coordinate: 47°44′46″N 9°13′09″E / 47.746111°N 9.219167°E47.746111; 9.219167

Il santuario di Birnau, in tedesco Wallfahrtskirche Birnau è un importante santuario mariano della Germania. Sorge sulle rive del lago di Costanza, nel comune di Uhldingen-Mühlhofen.

Rappresenta uno dei capolavori del Rococò.

Storia e architettura[modifica | modifica wikitesto]

Lo sfarzoso interno.
Particolare della decorazione rococò.
Veduta con lo Honigschlecker di Feichtmayr.

Una prima chiesa venne qui costruita nel IX secolo, nel territorio dell'abbazia imperiale di Salem. L'afflusso incessante e crescente dei pellegrini nel corso dei secoli hanno portato, nel 1741, l'abate Konstantin Miller (1725–1745) a prendere la decisione di sostituire l'edificio con uno più grande. Il progetto venne affidato all'architetto Peter Thumb,che aveva già lavorato in Alsazia e nella Foresta Nera, il quale concepì un'imponente chiesa barocca dominata da una torre.

La prima pietra del nuovo santuario venne posta dall'abate Anselm II Schwab l'11 giugno 1747. I lavori si svolsero molto rapidamente, tanto che l'edificio venne consacrato già il 21 settembre 1750.

Nel 1804, con la Reichsdeputationshauptschluss, l'abbazia di Salem venne secolarizzata e il santuario di Birnau venne chiuso al culto. Le sue campane e l'organo vennero venduti all'asta.

Solo nel 1919 l'edificio venne riaperto al culto, quando la chiesa e gli annessi vennero acquistati dal'abbazia territoriale di Wettingen-Mehrerau (Austria). Il complesso in seguito venne completamente restaurato e nel 1971 papa Paolo VI elevò la chiesa al rango di basilica minore.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il complesso è preceduto dal palazzo priorale che, incentrato sull'alta torre a bulbo di 51 metri[1], ne fa da facciata. La chiesa, alla quale si accede dal portico sotto la torre, è pianta basilicale, con accenno di transetto e profondo coro.

L'interno, a navata unica, è un capolavoro della decorazione rococò, sontuosamente realizzata fra il 1748 e il 1757[2] dal grande Joseph Anton Feichtmayr. L'affresco della volta, con Scene della Vita di Maria, e le pale degli altari, sono opera del moravo Gottfried Bernhard Göz.

Anche l'insieme del mobilio è opera di Feichtmayr, di cui celebre è lo Honigschlecker, putto col miele, posto sull'altare laterale di San Bernardo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Hermann Brommer: Basilika Unserer Lieben Frau, Birnau am Bodensee, Ed. Schnell & Steiner, Ratisbona, 2010, ISBN 978-3-7954-4005-3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note e referenze[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Sito http://www.oberschwaben-tipps.de
  2. ^ "Germania", Guida TCI, 1996, pag. 420.
Controllo di autoritàVIAF (EN146713725 · LCCN (ENn90716702 · GND (DE4387473-3