Santa Croce di Aidussina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Santa Croce di Aidussina
insediamento
Vipavski Križ
Santa Croce di Aidussina – Veduta
Veduta della località
Localizzazione
StatoSlovenia Slovenia
Regione statisticaGoriziano
ComuneAidussina
Territorio
Coordinate45°52′51.96″N 13°51′41.76″E / 45.8811°N 13.8616°E45.8811; 13.8616 (Santa Croce di Aidussina)Coordinate: 45°52′51.96″N 13°51′41.76″E / 45.8811°N 13.8616°E45.8811; 13.8616 (Santa Croce di Aidussina)
Altitudine177,7 m s.l.m.
Superficie0,4849 km²
Abitanti204[1] (2009)
Densità420,71 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale5270
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Slovenia
Santa Croce di Aidussina
Santa Croce di Aidussina

Santa Croce di Aidùssina[2], già Santa Croce[3] (in sloveno Vipavski Križ che significa Croce del Vipacco, già Sv.Križ[3] [anticamente (anno 1507) nota come Sveti Križ na Vipavskem], in tedesco, Heiligenkreuz[3], o Heiliges Kreutz) è una località slovena posta all'interno del comune di Aidussina.
Il nome del paese “Santa Croce” (Sveti Križ), cancellato dai comunisti jugoslavi in nome del laicismo, a differenza di altri toponimi contenenti nomi di santi ripristinati dopo l'indipendenza della Slovenia, non è stato ripreso, come stabilito in Referendum[4]

Villaggio medievale cinto da mura posto lungo la valle del fiume Vipacco, viene chiamato per queste sue caratteristiche la Carcassonne slovena.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la caduta dell'Impero romano d'Occidente, e la parentesi del Regno ostrogoto, a seguito della Guerra gotica promossa dall'imperatore Giustiniano I il suo territorio entrò a far parte dei domini bizantini.
Dopo la calata, nel 568, attraverso la Valle del Vipacco nell'Italia settentrionale dei Longobardi, seguiti poi da popolazioni slave, rimase nel domini bizantini ma a breve distanza dal confine coi domini longobardi (esso era fissato su una linea che da Sistiana[5] passava per la vicina Sella del Bivio[6]).

In seguito alla caduta del regno longobardo e alla sua inclusione (assieme all'Istria bizantina) nei domini Franchi, da parte di Carlo Magno, nel 781 entrò nel Regnum Italiae affidato da Carlo al figlio Pipino; nell'803 venne istituita la Marchia Austriae et Italiae che comprendeva il Friuli, la Carinzia, la Carniola e l'Istria. Alla morte di Pipino nell'810, il territorio passò in mano al figlio Bernardo[7][8].
Con la morte di Carlo Magno nell'814, la carica imperiale passò a Ludovico I che affidò il Regno d'Italia al suo primogenito Lotario, il quale già nell'828 (dopo aver deposto Baldrico, ultimo duca del Friuli, per non aver saputo difendere le frontiere orientali dagli Slavi) divise la parte orientale del Regno, ossia la Marca Orientale, in quattro contee: Verona, Friuli, Carniola e Istria (comprendente il Carso e parte della Carniola interna).

In seguito al Trattato di Verdun, nell'843, il suo territorio entrò a far parte della Lotaringia[9] in mano a Lotario I e più specificatamente dall'846 della Marca del Friuli divenuta nel 951 Marca di Verona e Friuli[10].

Nel 952 l'imperatore Ottone I obbligò il re d'Italia Berengario II a rinunciare alle contee “Friuli et Istria”, unendole al Impero romano-germanico e subordinandole al Ducato di Baviera tenuto dal suo fratellastro Enrico I a cui successe il figlio Enrico II. Nel 976 passò al Ducato di Carinzia[11] appena costituito dall'imperatore Ottone II.

Dal 1027[10] il suo territorio fece parte del Patriarcato di Aquileia, che da quell'anno venne proclamato da Corrado II, nella dieta di Verona, “feudo immediato dell'impero” , venendo così tolto dalla dipendenza dei duchi di Carinzia; nel 1077 il Patriarcato venne innalzato (e costituito dall'imperatore Enrico IV) a Principato ecclesiastico di Aquileia, che ebbe influenza, mediante apposito diploma emesso lo stesso anno dall'imperatore, anche sulla marca di Carniola e sulla contea dell'Istria.

Venne citata per la prima volta nel 1252 come Villa Crucis e donata da Bernardo di Sponheim, Duca di Carinzia, all'abbazia di Rosazzo[12].
Verso la fine del sec. XV i vescovi di Gorizia vi fecero costruire un castello rinascimentale con quattro torri ed erigere le mura di difesa a causa del pericolo di incursioni turche e veneziane[13].

Nel 1500 passando alla Casa d’Asburgo, rimase nella Contea di Gorizia e dal 1512 entrò della Provincia Austriaca del Sacro Romano Impero.
Nel 1637, con l'aiuto della famiglia Attems, proprietaria del castello (dal 1605 fino al 1864[14]), fu costruito il monastero dei Cappuccini[13].
Dal 1754 entrò nella Contea di Gorizia e Gradisca[15].

Con il trattato di Schönbrunn (1809) entrò a far parte delle Province Illiriche.

Col Congresso di Vienna nel 1815 rientrò in mano austriaca nel Regno d'Illiria come comune autonomo[16]; passato sotto il profilo amministrativo al Litorale austriaco nel 1849, divenne frazione del comune di Dobraule[3].

Dopo la prima guerra mondiale fu annesso al Regno d’Italia e venne congiunto alla Provincia di Gorizia.
In seguito all'abolizione della stessa Provincia nel 1923, passò alla Provincia di Udine divenne comune autonomo con la denominazione di Santa Croce di Aidùssina[2] ; nel 1927 passò alla ricostituita Provincia di Gorizia[17]. Nel 1928 aggregò i soppressi comuni di Sable grande e Scrilla[18].

Fu soggetto alla Zona d'operazioni del Litorale adriatico (OZAK) tra il Settembre 1943 e il maggio 1945 e tra dal giugno 1945 passò alla Jugoslavia e quindi alla Slovenia.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il castello è posto sulla sommità del colle ove sorge la località, ricostruito nel quattrocento dai Torriani, feudatari del borgo. Nei suo pressi vi è un convento di Cappuccini la cui chiesa (dedicata a San Francesco d'Assisi) fu consacrata nel 1643. La parrocchiale del paese, dedicata alla Santa Croce, è un edificio tardo gotico al cui interno spicca la cappella dedicata anch'essa alla Santa Croce (Sveti Križ) costruita nel 1682.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Popolazione degli insediamenti sloveni al 31-12-2009, SI-STAT
  2. ^ a b Regio Decreto 29 marzo 1923, G.U. 27 aprile 1923, n.99
  3. ^ a b c d indicazioni trilingui Heiligenkreuz, Santa Croce, Sv. Križ nel comune di Dobravlje in: Gemeindelexikon, der im Reichsrate Vertretenen Königreiche und Länder. Bearbeit auf Grund der Ergebnisse der Volkszählung vom 31. Dezember 1900. Herausgegeben von der K.K. Statistischen Zentralkommission. VII. Österreichisch-Illyrisches Küstenland (Triest, Görz und Gradiska, Istrien). Wien 1906[collegamento interrotto]
  4. ^ Urbanc Mimi., Gabrovec Matej, Geografski vestnik 77-2, 2005, 25–43 – “Krajevna Imena: Poligon za Dokazovanje Moči in Odraz Lokalne Identitete (Place names: a testing ground for demonstration of power and a reflection of local identity)[collegamento interrotto], pg. 13– in lingua slovena
  5. ^ Annali Storici: Dario Alberi, Istria, storia, arte, cultura, edizioni Lint Trieste
  6. ^ Selo na Vipavskem – www.slovenia.info
  7. ^ Mappa dell'Impero carolingio all'ascesa di Ludovico I (814)
  8. ^ Mappa dell'Impero Carolingio con la Marca del Friuli nell'814 Archiviato il 31 may 2014 Data nell'URL non combaciante: 31 maggio 2014 in Internet Archive. – The Historical Atlas by William R. Shepherd, 1923
  9. ^ la Lotaringia (con l'Italia) (in verde) nell'impero carolingio con le tre principali suddivisioni dell'anno 843
  10. ^ a b Mappa dell'Europa centrale tra il 919 e il 1125
  11. ^ Mappa del ducato di Carinzia attorno all'anno 1000 - Allgemeiner historischer Handatlas , 1886, G. Droysens
  12. ^ Vipavski Križ
  13. ^ a b slovenia. Info portale ufficiale di informazioni turistiche slovene
  14. ^ Gospostvo Sv. Križ pri Vipavi (13. st.-1864) (la Signoria di Santa Croce di Vipacco), in lingua slovena – Archivio si Stato della Repubblica di Slovenia
  15. ^ Santa Croce in Die gefürsteten Grafschaften Görz und Gradisca mit der Hauptmannschaft Tulmino. Nro 144 (mappa) di Franz Johann Joseph von Reilly, 1791/1792
  16. ^ Mappe der Gemeinde H: Kreutz, im Küstenlande Kreis Görz, Bezirk H. Kreutz, 1821[collegamento interrotto]
  17. ^ Archivio di Stato di Gorizia
  18. ^ R.D. 5 febbraio 1928, n. 216

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN241223438 · GND (DE4678730-6