Trattato di Verdun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Trattato di Verdun
L'Europa dopo il Trattato di Verdun
L'Europa dopo il Trattato di Verdun

Data agosto 843
Luogo Verdun-sur-Meuse
Premessa Morte di Luigi (Ludovico) il Pio nell'840
Modifiche territoriali Divisione dell'Impero carolingio tra Lotario I, Ludovico II il Germanico e Carlo il Calvo
voci di trattati presenti su Wikipedia
Comparazione fra le divisioni territoriali del Trattato di Verdun e del Trattato di Mersen

Nel Trattato di Verdun dell'843 i tre figli sopravvissuti di Ludovico il Pio divisero il suo territorio, l'Impero Carolingio, in tre regni. Il figlio maggiore, Lotario I, aveva dichiarato guerra ai fratelli fin dalla morte del padre, avvenuta nell'840. Dopo la sua sconfitta nella battaglia di Fontenay, combattuta nell'841, e l'alleanza tra i suoi fratelli, sigillata nel Giuramento di Strasburgo, Lotario era disposto a negoziare.

Ognuno dei fratelli aveva già un suo regno - Lotario in Italia, Ludovico II il Germanico in Baviera e Carlo il Calvo in Aquitania.↵Lotario ricevette la parte centrale dell'impero - quella che in seguito divenne Paesi Bassi, Lorena, Alsazia, Borgogna, Provenza, e Italia - e a titolo onorifico anche il titolo imperiale, ma senza avere più che un comando nominale. Ludovico ricevette la parte orientale - gran parte di quella che divenne più tardi la Germania - sotto forma di Sacro Romano Impero. Carlo invece ricevette la porzione occidentale - gran parte della quale sarebbe divenuta la Francia - incluse anche l'AquitaniaTolosa e la Settimania.

Anche se spesso viene presentato come la devoluzione o la dissoluzione dell'impero unitario di Carlo Magno, il trattato in effetti riflette la continua aderenza alla tradizione Franca di una eredità divisibile invece che di una che favoriva solo il primogenito.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]