Sammy Barbot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sammy Barbot
NazionalitàFrancia Francia
Italia Italia
GenereSalsa

Sammy Barbot, il cui vero nome è Jacques Édouard Barbot (Le Lamentin, 1º settembre 1954[1]), è un cantante, ballerino e conduttore televisivo francese naturalizzato italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce in Martinica, Isola Caraibica, da una famiglia di musicisti. Da giovanissimo impara a cantare ed a suonare la chitarra da suo Padre. Appena tredicenne forma il suo primo gruppo musicale e diventa una realtà musicale importante della sua splendida Isola delle Antille Francesi. Si trasferisce a Parigi e all’inizio degli anni Settanta inizia a suonare con il suo nuovo gruppo nei locali più alla moda della Capitale Francese, riuscendo a far combaciare le esibizioni notturne con gli studi di filosofia alla Sorbonne. Entra in contatto con alcuni Manager Italiani che gli propongono delle toumées in Italia. Abbandona l’Università e comincia ad esibirsi riscuotendo notevole successo da Milano a Palermo, come formidabile interprete di R&B, Funky e Disco Music.

Verso la fine degli anni Settanta interrompe le sue tournées musicali per esibirsi come disc jokey in alcune delle più importanti discoteche della Capitale. In quel periodo incontra Stefania Rotolo frequentatrice della discoteca dove lavorava. Nel corso delle infuocate serate, Sammy non riesce a stare fermo dietro la console; si mette a commentare i dischi che mette, a cantare su delle basi musicali preparate da lui stesso ed abbandonando ogni tanto la sua postazione da D.J. scende in pista per scatenarsi con Stefania. I due incantano il pubblico che va letteralmente in delirio. Se ne parla in tutta la città.

Nello stesso periodo Sammy entra in contatto con alcuni produttori televisivi i quali gli propongono di trasferire sul piccolo schermo quello che già stava facendo in discoteca. Nasce quindi il “PICCOLO SLAM”, (la prima discoteca televisiva), programma rivelazione della fine degli anni Settanta condotta da una coppia inedita Sammy Barbot e Stefania Rotolo i quali fanno letteralmente impazzire i giovani di tutto il Paese. Durante gli anni Ottanta decide di continuare il suo percorso artistico da solo.

Dalla fine degli anni Settanta fino all’inizio degli anni Novanta, Sammy Barbot è stato uno dei conduttori televisivi più rappresentativi per i giovani italiani. Nessun conduttore era mai riuscito ad abbinare così tanti successi televisivi ad altrettanti successi discografici per un periodo così lungo.

1976 Programma TV Discografia

1977 Programma TV Discografia

1980 Programma TV Discografia 1981 Programma TV

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

MAGGIORI SUCCESSI TELEVISIVI E DISCOGRAFICI:

  • “PICCOLO SLAM” Rai Uno (Preserale) 6 milioni di telespettatori

Sigla finale: ‘Toccami’​​​600.000 copie vendute in Italia

  • “PICCOLO SLAM” Rai Uno (Preserale)​7 milioni di telespettatori

Sigla finale: ‘Non legarti a me” ​500.000 copie vendute in Italia

  • “POP CORN” Canale 5 (Preserale)​6 milioni di telespettatori

Sigla finale: ‘California’​​ 200.000 copie vendute in Italia, 400.000 copie vendute al ’estero

  • HAPPY CIRCUS” Rai Uno (Preserale) 9,800 milioni di telespettatori.

Fino ad oggi si tratta del più alto numero di telespettatori mai raggiunto in Italia a quell’ora.

Sigla finale “Aria di casa” ​​800.000 copie vendute in Italia (Ai primi posti delle classifiche dei dischi più venduti durante 4 mesi). 500.000 copie vendute al ’estero.� 1982 Programma TV: “HAPPY MAGIC” Rai Uno (Preserale) 5milioni di telespettatori: Sigla finale: ‘Vita semplice ’​​​​ 300.000 copie, vendute in Italia

1983 Programma TV: “TV TOP” Rai Uno {Pomeriggio da settembre a giugno)

          Discografia: Sigla finale: ‘Love sensation’​​200.000 copie vendute in Italia

​​500.000 copie vendute negli Stati Uniti

1984 Programma TV: “SOTTO LE STELLE” Rai Uno (sabato sera estate) 13 milioni di telespettatori. Discografia: Sigla finale: ‘Non sarai più sola’ 400.000 copie vendute in Italia

1985 Programma TV: “ITALIA MIA” Rai Uno (domenica pomeriggio estate).

          Discografia ‘. Sigla finale: ‘Tempo d’estate’​​200.000 copie vendute in Italia

1986 Programma TV: “SOTTO LE STELLE” Rai Uno (sabato sera estate) ​​​​​9 milioni di telespettatori

1987 Programma TV: “SULLA CRESTA DELL’ONDA” Rai Uno (Prima serata).

          Discografia​ Sigla finale: ‘Dépi ou rivé​​200.000 copie vendute in Italia

1991 Programma TV: “BIG” Rai Uno (Pomeriggio da settembre a giugno).

          Discografia​Sigla finale: ‘Nuova edizione di Aria di casa’ 200.000 copie vendute in

Italia

2014 Programma TV: “Quelli che il calcio” Rai 2 (Ospite).

2015 Programma TV: “Quelli che il calcio” Rai 2 (Inviato all'Expo 2015).

2016 Collaborazione con UNICEF Italia e realizzazione della canzone Unicef dal titolo Feed the

         Planet.

Questi sono solo alcuni dei prodotti televisivi e discografici realizzati da Sammy Barbot in Italia; ci sono stati altri numerosi lavori teatrali, televisivi ed anche discografici confezionati da Sammy sia in Europa che negli Stati Uniti che hanno avuto enorme successo.

Durante la sua attività artistica, oltre ad aver ottenuto dei risultati davvero clamorosi, Sammy ha anche cantato con i più grandi “Mostri Sacri” della musica italiana come ad esempio MINA ed ha ospitato e intervistato i più noti personaggi della TV e del cinema italiano come ad esempio ADRIANO CELENTANO.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sammy Barbot dichiara che le seguenti informazioni non sono esatte. Ha iniziato la carriera nel 1967 come cantante nel gruppo I Cabala, fondato unitamente a Victor Bach all'organo Hammond, Faliero Bazzocchi alla batteria e Beppe Federici al contrabbasso.

Nel 1969 ha registrato il suo primo disco come solista e prosegue nel decennio successivo come ballerino, pur continuando ad incidere.

Diventa quindi uno dei protagonisti della scena televisiva italiana della seconda metà degli anni settanta, apparendo per la prima volta al fianco di Mina nel varietà televisivo Milleluci, in un numero tratto da Jesus Christ Superstar nella puntata dedicata al musical.

Successivamente ha condotto programmi dedicati ai giovani come il popolarissimo Piccolo Slam, per la regia di Lucio Testa, con Stefania Rotolo nel 1977. Con Stefania Rotolo incide anche la canzone Toccami.

Nel 1980 ha condotto la prima edizione di Popcorn, in onda su Canale 5.

Nel 1981 riscuote un notevole successo con la canzone Aria di casa, sigla della trasmissione televisiva Happy Circus.

Nel corso degli anni ottanta ha condotto diverse trasmissioni di successo come Happy Circus, Sotto le stelle e Big!.

Il 13 gennaio 2007, dopo un lungo periodo di silenzio, si è esibito nello spettacolo teatrale Te li do io i Caraibi a Velletri, al Teatro Comunale Ugo Tognazzi.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

33 giri[modifica | modifica wikitesto]

45 giri[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]