Salvatore Rossi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Salvatore Rossi
Salvatore Rossi 300.jpg

Direttore Generale della Banca d'Italia
In carica
Inizio mandato 13 maggio 2013
Predecessore Fabrizio Saccomanni

Dati generali
Alma mater Università degli Studi di Bari

Salvatore Rossi (Bari, 6 gennaio 1949) è un banchiere ed economista italiano.

Direttore generale della Banca d'Italia e presidente dell'Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni - IVASS.[1]. È membro del consiglio di amministrazione della Fondazione del Centro internazionale di studi monetari e bancari (ICMB) di Ginevra e del consiglio di amministrazione della Fondazione Giovanni Agnelli.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studi e carriera istituzionale[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in matematica presso l'Università di Bari nel 1975, compie soggiorni di studio su temi economici presso il Fondo monetario internazionale e il Massachusetts Institute of Technology di Cambridge (Ma). In Banca d'Italia dal 1976, prima presso gli uffici di vigilanza bancaria della sede di Milano poi, dal 1979, presso il servizio studi, di cui diviene responsabile nel 2000.

Dal 2007 al 2011 è direttore centrale per la ricerca economica e le relazioni internazionali (chief economist). Nel 2011 diviene segretario generale e consigliere del direttorio per i problemi della politica economica. Dal 17 gennaio 2012 è membro del direttorio e vice direttore generale della Banca d'Italia. Ha rappresentato la Banca d'Italia in numerosi consessi ufficiali, in Italia e all'estero. Ha tenuto corsi e seminari presso l'Università di Roma Tor Vergata e l'Università degli Studi di Bari "Aldo Moro". Dal 2013 fino a febbraio 2016 è stato membro del comitato strategico del Fondo Strategico Italiano[2]. È Senior Fellow della LUISS School of European Political Economy[3].

Dal maggio 2012 è membro del consiglio di amministrazione della Fondazione del Centro internazionale di studi monetari e bancari (ICMB) di Ginevra; è membro del consiglio di amministrazione della Fondazione Giovanni Agnelli[4]. Membro del consiglio direttivo dell'Einaudi Institute for Economics and Finance (EIEF)[5], dell'Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital (AIFI), dell'Advisory Board della Fondazione Economia Tor Vergata[6].

Il 7 maggio 2013, su proposta del Governatore, il consiglio superiore della Banca d'Italia lo nomina a succedere a Fabrizio Saccomanni nella carica di direttore generale della Banca d'Italia[7]. La nomina è approvata con decreto del Presidente della Repubblica del 13 maggio 2013.

Ha fatto parte del "Gruppo dei saggi" in materia economico-sociale ed europea istituito nel 2013 dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano[8].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 30 dicembre 2013

Opere[modifica | modifica wikitesto]

È autore di numerosi articoli, saggi e libri su temi di economia internazionale, politica e storia economica, economia industriale.

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda biografica sul sito web della Banca d'Italia
  2. ^ Errore nell'uso delle note: Marcatore <ref> non valido; non è stato indicato alcun testo per il marcatore com_strat
  3. ^ Elenco dei Senior Fellows della LUISS School of European Political Economy
  4. ^ Membri del Consiglio di amministrazione della Fondazione Giovanni Agnelli
  5. ^ Organi di governo dell'Einaudi Institute for Economics and Finance
  6. ^ Membri dell'Advisory Board della Fondazione Economia Tor Vergata
  7. ^ Comunicato della Banca d'Italia del 7 maggio 2013
  8. ^ Comunicato stampa del Quirinale "Definiti i componenti dei gruppi di lavoro", quirinale.it. URL consultato il 18 aprile 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Direttore generale della Banca d'Italia Successore BancaItalia.jpg
Fabrizio Saccomanni dal 13 maggio 2013
Predecessore Vicedirettore generale della Banca d'Italia Successore BancaItalia.jpg
Ignazio Visco 2011 - 2013 Valeria Sannucci
Controllo di autorità VIAF: (EN34587376 · BNF: (FRcb128872837 (data)