Saletto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la frazione di Breda di Piave in provincia di Treviso, vedi Saletto di Piave.
Saletto
comune
Saletto – Stemma Saletto – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto-Stemma.png Veneto
Provincia Provincia di Padova-Stemma.png Padova
Amministrazione
Sindaco Michele Sigolotto (lista civica Saletto 2.0) dal 26-5-2014
Territorio
Coordinate 45°13′36″N 11°32′02″E / 45.226667°N 11.533889°E45.226667; 11.533889 (Saletto)Coordinate: 45°13′36″N 11°32′02″E / 45.226667°N 11.533889°E45.226667; 11.533889 (Saletto)
Altitudine 12 m s.l.m.
Superficie 10,74 km²
Abitanti 2 783[1] (31-12-2016)
Densità 259,12 ab./km²
Frazioni Dossi, Prà di Botte
Comuni confinanti Megliadino San Fidenzio, Montagnana, Noventa Vicentina (VI), Ospedaletto Euganeo, Pojana Maggiore (VI), Santa Margherita d'Adige
Altre informazioni
Cod. postale 35046
Prefisso 0429
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 028074
Cod. catastale H705
Targa PD
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti salicensi o salettani
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Saletto
Saletto
Saletto – Mappa
Posizione del comune di Saletto all'interno della provincia di Padova
Sito istituzionale

Saletto è un comune italiano di 2 783 abitanti[1] della provincia di Padova in Veneto, in posizione sud ovest rispetto al capoluogo.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Saletto dista 45 km Padova, 39 da Rovigo,48 da Vicenza e da 61 Verona. È raggiungibile dall'autostrada A13 Bologna-Padova uscendo al casello di Monselice e seguendo la SR10 "Padana Inferiore" in direzione Mantova. Seguendo la A31 Valdastico si può uscire al casello di Santa Margherita d'Adige provenendo da Rovigo o uscendo al casello di Noventa Vicentina provenendo da Vicenza.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Saletto deriva dal latino Salicetum per via della presenza di numerosi salici nella zona, tanto da rappresentare tuttora l'elemento centrale dello stemma comunale insieme ad un corso d'acqua, antico ramo del fiume Adige che attraversava l'area fino alla rotta della Cucca, e ad una spada. Durante tutto il medioevo seguì le sorti della confinante Montagnana e delle comunità vicine, e in virtù del suo passato ogni prima domenica di settembre partecipa al Palio dei dieci comuni del montagnanese. Tra il 1405 e il 1797 fu dominio della Repubblica di Venezia.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Silvestro

Chiesa parrocchiale di San Lorenzo
Eretta nel 1747 nei pressi di una precedente chiesa costruita a cavallo tra il XIV e il XV secolo e ampliata sul finire del XIX secolo, è degna di nota per una tela del pittore Bernardino Licinio raffigurante i santi patroni Lorenzo e Silvestro con al centro la Beata Vergine, opera eseguita nel 1535 e oggi posta sopra il coro. Altro elemento di spicco è il notevole campanile, alto 76 metri eretto tra il 1859 e il 1866 dal parroco Don Antonio Groppo. È stata oggetto di un importante restauro nel 2013.

Chiesa di San Silvestro
Antica chiesa campestre che si trova in località Garzara, in quello che era il primo nucleo abitativo di Saletto. Risalente al XII secolo, con pianta romanica e campanile inserito nella facciata rivolta a ovest, è stata eretta utilizzando materiale di epoca romana. Al suo interno si trovano frammenti di affreschi di epoche diverse,

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Villa Vallaresso Pisani
Situata in pieno centro storico la Vallaresso Pisani è una tipica villa veneta signorile a due piani con sottotetto. Costruita nella prima metà del XVII secolo è stata recentemente restaurata, diventando da marzo 2013 la nuova sede del municipio.

Elementi naturalistici[modifica | modifica wikitesto]

El Moraron
El Moraron (o El Moraro) è un gelso bianco secolare, che si trova all'incrocio tra via Gorgo e via Dossi, nella omonima frazione. È censito e catalogato come albero monumentale dalla Provincia di Padova[2].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie
Saletto ha una propria stazione ferroviaria che si trova sulla linea Mantova-Monselice. È servita da corse regionali svolte da Trenitalia e Sistemi Territoriali nell'ambito del contratto di servizio stipulato con la Regione Veneto.

Autobus
Saletto è servito da numerose linee BUSITALIA - SITA nord transitanti lungo la SR10 "Padana Inferiore" e in località Garzara-Dossi.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Istituzioni, enti e associazioni[modifica | modifica wikitesto]

A.S.D. Quadrifoglio
Società calcistica fondata nel 2005, nata dalla fusione delle società calcistiche di Saletto, Megliadino San Fidenzio, Megliadino San Vitale e Santa Margherita d'Adige e militante in Seconda Categoria.

Gruppo Storico Musici e Sbandieratori di Saletto
Nato nei primi anni 80, nel 2013 assume l'attuale denominazione rendendosi indipendente dal comitato del Palio di Montagnana pur continuando a partecipare agli eventi ad esso collegato. È iscritto alla Federazione Italiana Sbandieratori.

Pro Loco Saletto
Fondata nel 1990 è molto attiva nell'organizzazione diretta di eventi e alle collaborazioni con altre associazioni.

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
9 luglio 1985 30 maggio 1990 Mario Romanato PCI Sindaco
30 maggio 1990 24 aprile 1995 Matteo Borin DC Sindaco
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Antonella Milanello Paiola lista civica di centrosinistra Sindaco
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Luigi Zaccheria lista civica Sindaco
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Luigi Zaccheria lista civica Sindaco
8 giugno 2009 25 maggio 2014 Daniele Mocellin Il Popolo della Libertà - Lega Nord Sindaco
25 maggio 2014 in carica Michele Sigolotto lista civica Saletto 2.0 Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2016.
  2. ^ Fonte: Provincia di Padova, Censimento e catalogazione degli alberi monumentali, websit.provincia.padova.it.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Il Veneto paese per paese, Volume 4, Firenze, Bonechi, 2000, ISBN 88-476-0006-5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN242287687
Padova Portale Padova: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Padova