Roberto Zaccaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roberto Zaccaria
RobertoZaccariaAvella.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XIV, XV, XVI
Gruppo
parlamentare
La Margherita - L'Ulivo (2004-2006), L'Ulivo (2006-2007), Partito Democratico (2007-2013)
Coalizione L'Ulivo (XIV), L'Unione (XV), PD-IdV (XVI)
Circoscrizione Lombardia 1
Collegio Milano 3 (XIV)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democrazia è Libertà - La Margherita (2004-2007), Partito Democratico (dal 2007)
Titolo di studio laurea in giurisprudenza
Professione Giornalista e professore universitario

Roberto Zaccaria (Rimini, 22 dicembre 1941) è un politico e dirigente pubblico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

E’ Presidente del Consiglio italiano per i Rifugiati dal febbraio 2014.

È professore ordinario di Diritto costituzionale nell’Università di Firenze dove ha insegnato Istituzioni di Diritto pubblico fino al 2008. Ha insegnato anche Diritto dell’informazione e Diritto regionale nelle Università di Macerata, LUISS e Lumsa di Roma.

Presidente della RAI dal 1998 al 2002. In precedenza era stato Consigliere di amministrazione della stessa RAI dal 1977 fino al 1993. Vicepresidente dell'UER (Unione delle televisioni pubbliche europee) dal 2000 al 2002.

Consigliere dell’Ente cinema (1990-1995) e della Banca Toscana (1993-1995)

Eletto alla Camera dei deputati, nel 2004 (elezione suppletive) nel collegio di Milano 3, lasciato da U.Bossi ha aderito al gruppo parlamentare della Margherita. È stato riconfermato nel suo seggio in Parlamento nelle elezioni politiche del 2006, vinte da Romano Prodi ed stato ancora eletto, sempre alla Camera dei Deputati nelle elezioni politiche del 2008 tra le file del Partito Democratico.

È giornalista pubblicista ed ha collaborato con diverse testate (Europa, Unità, Huffingtonpost.) E ‘ socio di Articolo 21.

Ha due figli ed è sposato in seconde nozze con l'attrice Monica Guerritore. Ha un’antica passione sportiva per l’Inter di Milano.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Ha numerose pubblicazioni dedicate al tema delle Libertà costituzionali e del Diritto dell'informazione.
  • Radiotelevisione e Costituzione, Padova, Cedam (1966) • Ha curato diversi rapporti sul sistema dell’informazione. • Informazione e telecomunicazioni, Padova, Cedam, 1999, • Il Sussidiario di diritto pubblico . Padova Cedam(2003) • Televisione: dal monopolio al monopolio, 2003. Milano, Baldini, Castoldi Dalai, (2004) • Di sana e robusta Costituzione (2005) • Diritto dell’informazione e della comunicazione, Padova, Cedam, 2016 • Ha diretto la rivista DRT, edita dalla Cedam e da RAI ERI.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente della RAI - Radiotelevisione italiana Successore
Vincenzo Siciliano 3 febbraio 1998 - 16 febbraio 2002 Vittorio Emiliani
(Consigliere anziano f.f.)
Controllo di autoritàVIAF: (EN9920396 · ISNI: (EN0000 0000 2032 0205 · SBN: IT\ICCU\CFIV\038081 · LCCN: (ENn79054529 · BNF: (FRcb12334443x (data)