Roberto Olla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Roberto Olla (Alghero, 18 giugno 1951) è un giornalista e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origine sarda, Roberto Olla si trasferisce a Milano dove si laurea con lode alla facoltà di filosofia dell'Università Statale con una tesi su Walter Benjamin.

Entrato in Rai come vincitore di concorso nel 1978, si specializza nella realizzazione di inchieste, di documentari storici e di dirette televisive in occasione di ricorrenze storiche. È stato un giornalista del Tg1, caporedattore responsabile della rubrica TG1 Storia e della rubrica TG1 Dialogo. Ha realizzato i primi documentari in 3D italiani trasmessi dalla Rai. Attualmente lavora per le reti Mediaset e in particolare per il TG5 dove cura la rubrica La Storia.

Autore di diversi libri, ha ricevuto il Premio Flaiano 2002, il Premio Internazionale di Letteratura Il Molinello 2001, il Premio Saint-Vincent per il giornalismo 1997, il Premio Ilaria Alpi, il Premio giornalistico Hrant Dink per la libertà d'informazione, l'Oscar Tv Speciale per il 50° della Tv col documentario "Auschwitz e la cioccolata", il Premio Tarquinia Cardarelli, il premio Disfida di Barletta 1997, il premio Capo D'Orlando 2009, il premio Leonardo città di Salerno 2010, la prima edizione del Premio di giornalismo "L'isola che c'è" (2012)

È stato presidente a Ginevra dell'IAG (Interdisciplinary Archives Group) organismo dell'Unione europea di radiodiffusione, agenzia collegamento tra gli archivi radiotelevisivi europei. È membro del comitato scientifico del Museo della Shoah di Roma ed è stato membro del comitato scientifico della mostra sulle Foibe al Vittoriano.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • Dal maggio 2016 cura e conduce la rubrica La Storia per il TG5.
  • Settanta anni fa la nostra Italia (2016), documentario in occasione del 70º anniversario della Repubblica realizzato per la redazione Speciali del TG5.
  • Soldato Semplice (2015), documentario sulla prima guerra mondiale in Europa realizzato per la Rai
  • L'amore dopo la tempesta (2014), documentario per la Rai, la storia di Sami Modiano (sopravvissuto ad Auschwitz) e di sua moglie Selma
  • Ha curato e condotto le rubriche del TG1 Storia e Dialogo
  • Auschwitz. Una sfida per la filosofia, (2013) documentario realizzato per la Rai.
  • Combat film – produzione multimediale che comprende un ciclo di 12 documentari su Rai 1, la pubblicazione di 25 homevideo dvd, un ciclo radiofonico ("Combat Radio") su Radio2 con i reportage radiofonici dei corrispondenti di guerra.
  • Per la produzione di Rai Cinema, in collaborazione con la redazione Speciali del TG1, ha realizzato il film documentario Nero Petrolio ispirato al romanzo incompiuto Petrolio di Pier Paolo Pasolini, e il film documentario Armonia, la storia e la vita di due famiglie cinesi che partecipano alla grande corsa dell'economia della Cina.
  • Per la Rai ha realizzato il primo documentario in 3D intitolato Foibe e il secondo dedicato agli italiani sopravvissuti ad Auschwitz che si intitola Le non persone anch'esso in 3D.
  • Per La grande storia di Rai 3 in prima serata ha realizzato numerosi film documentari tra cui si segnalano: Matrimoni, Emigranti (Premio Flaiano), Tedeschi, Ballando, Duello Reale, Gli ultimi padrini, Suoni dal silenzio.
  • Per la rubrica Speciale TG1 ha realizzato numerosi documentari e inchieste tra cui si segnalano Sindrome Vietnam, Sonderkommando, La notte e l'alba di Elie Wiesel, Testimoni degli abissi, La bomba e la vita, Il bandito e il presidente, Il maestro e il dittatore, Donne e potere, Mamme.
  • Ha scritto e diretto documentari per coproduzioni internazionali con emittenti pubbliche europee, The History Ch, Arte.Tv, tra cui Looking for Sophia.
  • È stato autore, inviato e regista-sceneggiatore delle ricostruzioni di fiction di diverse puntate dei cicli di Telefono Giallo su Rai 3.
  • È stato autore, inviato e regista-sceneggiatore delle ricostruzioni di fiction dei primi tre cicli di Chi l'ha visto? su Rai 3.
  • Ha realizzato per Rai International il ciclo televisivo in 20 puntate I remember Italy con le testimonianze e le immagini dei soldati di oltre 20 nazioni che hanno partecipato alla guerra in Italia.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN184145542419696641137 · GND (DE1082451312