Riserva naturale integrale di Lokobe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Riserva naturale integrale di Lokobe
Réserve naturelle intégrale de Lokobe
Eulemur macaco Lokobe 519.jpg
Femmina di Eulemur macaco
nella Riserva di Lokobe
Tipo di area Riserva naturale integrale
Codice WDPA 2311
Class. internaz. IUCN category Ia
Stato Madagascar Madagascar
Province Provincia di Antsiranana
Comuni Nosy Be
Superficie a terra 740 ha
Provvedimenti istitutivi 1927
Gestore ANGAP
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Madagascar
Riserva naturale integrale di Lokobe
Riserva naturale integrale di Lokobe
Sito istituzionale

Coordinate: 13°23′57″S 48°19′06″E / 13.399167°S 48.318333°E-13.399167; 48.318333

La Riserva naturale integrale di Lokobe è un'area naturale protetta del Madagascar nord-occidentale, ubicata sull'isola di Nosy Be.[1]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Sorge all'estremità meridionale dell'isola e ricopre una superficie di circa 740 ha.

Nella parte sud-occidentale della riserva, nei pressi del villaggio di Andranotsinominy, si trova l'antica tomba del principe sakalava Andriamaitso (1639-1689), la cui presenza ha contribuito, considerato il rispetto viscerale dei malgasci per i loro defunti, a mantenere intatto il sito.[2]

Flora[modifica | modifica wikitesto]

La riserva protegge l'ultimo lembo di foresta primaria di Nosy Be, una foresta fitta e umida che ricorda quelle della costa orientale del Madagascar. Tra le specie degne di nota vi sono il kindro (Dypsis ampasindavae) una maestosa palma endemica, il tontorogno (Gluta tourtour), un'essenza arborea della famiglia delle Anacardiaceae, il cui legno è utilizzato per la realizzazione di sculture, il ramy (Canarium madagascariense), albero delle Burseraceae da cui si ricava una resina aromatica, e l'agnabovahatra (Uapaca ambanjensis), albero delle Phyllanthaceae con radici aeree colonnari.[3]

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Femmina di Lepilemur tymerlachsoni con cucciolo.

La riserva ospita il lemure macaco (Eulemur macaco), presente con una significativa colonia, nonché il lepilemure di Nosy Be (Lepilemur tymerlachsoni), il microcebo gigante settentrionale (Mirza zaza) e il microcebo di Lokobe (Microcebus mamiratra).[1]

Sono state censite 45 specie di rettili[4] tra cui 6 specie di camaleonti (Brookesia ebenaui, B. minima, B. stumpffi, Calumma boettgeri, C. nasutum e Furcifer pardalis), 16 specie di gechi (Ebenavia inunguis, Geckolepis maculata, Gehyra mutilata, Hemidactylus frenatus, H. mabouia, Lygodactylus heterurus, L. madagascariensis, Paroedura oviceps, P. stumpffi, Phelsuma abbotti, P. laticauda, P. dubia, P. grandis, P. seippi, Uroplatus ebenaui, U. henkeli), 10 specie di scincomorfi (Amphiglossus elongatus, Cryptoblepharus cognatus, Madascincus stumpffi, Paracontias hildebrandti, Trachylepis gravenhorstii, T. lavarambo, Zonosaurus boettgeri, Z. madagascariensis, Z. rufipes, Z. subunicolor) e 13 specie di serpenti (Acrantophis madagascariensis, Alluaudina bellyi, Dromicodryas bernieri, D. quadrilineatus, Ithycyphus miniatus, Langaha madagascariensis, Leioheterodon madagascariensis, Liophidium torquatum, Lycodryas granuliceps, Madagascarophis colubrinus, Madatyphlops mucronatus, Pseudoxyrhopus microps, Sanzinia madagascariensis, Thamnosophis stumpffi).

La riserva ospita 15 differenti specie di anfibi[4] tra i quali va segnalata la presenza di Rhombophryne pygmaea, una minuscola rana endemica della riserva, che con i suoi 10–12 mm di lunghezza è tra le rane più piccole del mondo[5]; si possono incontrare numerosi altri endemismi tra cui Boophis brachychir, Cophyla occultans, Mantella betsileo, Platypelis milloti, Rhombophryne psologlossa, Gephyromantis horridus e inoltre Hoplobatrachus tigerinus, anfibio originario del subcontinente indiano.[1]

La Riserva si raggiunge in piroga

Accessi[modifica | modifica wikitesto]

La porta d'ingresso della riserva è il villaggio di Ampasipohy, sulla costa meridionale di Nosy Be. Ampasimpohy è raggiungibile via mare, con le tradizionali piroghe sakalava, da Ambatozavavy.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Lokobe Strict Nature Reserve, su World Database on Protected Areas. URL consultato il 30 giugno 2013.
  2. ^ Réserve Naturelle Intégrale de Lokobe - L’histoire, Madagascar National Parks. URL consultato il 30 giugno 2013.
  3. ^ Réserve Naturelle Intégrale de Lokobe - La flore, Madagascar National Parks. URL consultato il 30 giugno 2013.
  4. ^ a b Andreone F., Glaw F., Nussbaum A., Raxworthy C., Vences M. and Randrianirina J.E, The amphibians and reptiles of Nosy Be (NW Madagascar) and nearby islands: a case study of diversity and conservation of an insular fauna (PDF), in JNH 2003; 37 (17): 2119–2149.
  5. ^ Flannery T. and Schouten P., Astonishing Animals: Extraordinary Creatures and the Fantastic Worlds They Inhabit, New York, Atlantic Monthly Press, 2004, pp. 126-127.
  6. ^ Deanna Swaney, Robert Willox, Madagascar e Comore, Guide EDT/Lonely Planet, 1994, p. 290, ISBN 8870632172.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Madagascar Portale Madagascar: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Madagascar