Zonosaurus subunicolor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Zonosaurus subunicolor
Immagine di Zonosaurus subunicolor mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsida
Infraclasse Lepidosauromorpha
Superordine Lepidosauria
Ordine Squamata
Sottordine Lacertilia
Infraordine Scincomorpha
Famiglia Gerrhosauridae
Genere Zonosaurus
Specie Z. subunicolor
Nomenclatura binomiale
Zonosaurus subunicolor
(Boettger, 1881)

Zonosaurus subunicolor (Boettger, 1881) è un sauro scincomorfo della famiglia Gerrhosauridae, endemico del Madagascar.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È un sauro di media taglia, che può raggiungere lunghezze di circa 25 cm.[2]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

È una specie ovipara.[2]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La specie è presente, con popolazioni frammentate, nel Madagascar settentrionale e nord-occidentale.[1]

Il suo habitat tipico è la foresta pluviale di bassa quota, dal livello del mare sino a 600 m di altitudine.

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Per la frammentazione del suo areale la IUCN Red List classifica Zonosaurus subunicolor come specie in pericolo di estinzione (Endangered).[1]

Paret del suo areale ricade all'interno di aree naturali protette tra cui Il parco nazionale di Marojejy, la riserva naturale integrale di Lokobe e la riserva speciale di Manongarivo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Raxworthy, C.J. & Rakotondravony, H. 2011, Zonosaurus subunicolor, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2017.3, IUCN, 2017. URL consultato il 16 novembre 2015.
  2. ^ a b c (EN) Zonosaurus subunicolor, in The Reptile Database. URL consultato il 16 novembre 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Glaw F. and Vences M., Amphibians and Reptiles of Madagascar, 3rd edition, Köln, M. Vences and F. Glaw Verlags GbR., 2007.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]