Ride (gruppo musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ride
Ride - band landscape.jpg
I Ride in concerto a Oxford nel 1990.
Paese d'origine Inghilterra Inghilterra
Genere Alternative rock
Shoegaze
Periodo di attività musicale 1988- 1996
2014 -in attività
Album pubblicati 5
Studio 5
Live 2
Raccolte 8
Sito web rideox4.net
Ride logo.png

I Ride sono un gruppo musicale britannico alternative rock formatosi nel 1988 a Oxford, attivo fino al 1996 e riunitosi nel 2014.

Composta da Andy Bell, Mark Gardener, Laurence Colbert e Steve Queralt, la band rappresentò il punto di sutura fra il C86 e il Britpop[1]. Inizialmente si affermò nella scena dello shoegaze e riuscì a piazzare due dischi nella top 5 della classifica britannica degli album. Scioltasi nel 1996 per divergenze interne[2], la band ha annunciato il suo ritorno a fine 2014.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini e prime produzioni[modifica | modifica wikitesto]

Quattro studenti universitari di Oxford decidono di formare un gruppo nel 1988. Il nucleo originale del gruppo è composto da Andy Bell (chitarra) e Mark Gardener (chitarra), membri di alcune rock band locali. A loro si unisce il bassista Stephan Queralt e poi il batterista Laurence Colbert. Nel 1989 il gruppo viene contattato da Alan McGee, "boss" della Creation Records, che li vide in concerto a Sheffield.[3]

Il 1990 è l'anno cruciale per la carriera dei Ride. Entrati nello studio di registrazione, mettono a punto materiale per tre EP e un LP, pubblicati tra gennaio e settembre di quell'anno. Il primo EP, l'omonimo Ride, contiene quattro tracce che spaziano tra il grunge e la psichedelica, passando per il noise pop. In aprile esce il secondo EP, Play, che conferma quanto di buono mostrato col precedente. Questi due EP verranno inseriti nella compilation Smile (1990). Il terzo EP Fall viene seguito quasi immediatamente dal primo LP, ossia Nowhere (ottobre 1990), che comprende anche le tracce presenti in Fall. La violenza dello space rock lascia spazio a uno stile più quieto, seppur incisivo.[3] Il disco contiene varie sfumature: si va dal pop d'autore (il singolo Taste) allo shoegaze, in cui però ben si insinuano colpi di chitarre e sfuriate noise.

La fase shoegaze[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1991 viene pubblicato l'EP Today Forever, in cui spicca Unfamiliar.

Nel marzo 1992 viene pubblicato il secondo LP. Si tratta di Going Blank Again, perfetta sintesi di twee pop, shoegaze e power. La produzione del disco è affidata a Alan Moulder. Il disco si piazza la quinto posto nella UK Albums Chart[3] ed il singolo Leave Them All Behind diviene ben presto una hit.

La svolta con Carnival of Light[modifica | modifica wikitesto]

L'album successivo, Carnival of Light (1994) viene diviso a metà. I due autori del gruppo Bell e Gardener, infatti, entrano in una sorta di competizione per la leadership. Cosicché si distribuiscono equamente il lavoro del terzo album, con il Lato A scritto da Gardener ed il Lato B firmato Bell. Il primo si dirige verso un sound ricco di folk e psichedelia, mentre il secondo imprime uno stampo più indie pop. Il risultato è frammentario e non ottiene l'effetto sperato.[3]

Ultime produzioni e scioglimento[modifica | modifica wikitesto]

La carriera dei Ride raggiunge un punto di non ritorno. Il carattere di Andy Bell la spunta su quello di Gardener, che viene confinato al ruolo di semplice chitarrista (firmerà solo un brano nel successivo album).

Nel 1996 viene pubblicato Tarantula. I Ride però si erano già sciolti di fatto e quindi il disco viene poco pubblicizzato. Tuttavia l'album propone spunti interessanti.

Il post-Ride[modifica | modifica wikitesto]

Andy Bell fonda gli Hurricane No. 1, gruppo brit-pop che produce due album. Successivamente Bell diventa membro stabile degli Oasis suonando il basso dal 1999 al 2009.

Mark Gardener intraprende la carriera solista con poco fortuna con Send Away the Ghosts.

Laurence Colbert suona la batteria in diversi gruppi tra cui i Supergrass.

I membri del gruppo si sono riuniti nel 2001 per un'esibizione televisiva: da questa occasione è nato un EP a tiratura limitata, intitolato Coming Up For Air e pubblicato nel 2002.

Reunion e Weather Diaries[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 2014 Andy Bell, dopo lo scioglimento dei Beady Eye (gruppo nato dopo la fine degli Oasis), annuncia che la band si è riformata e che intraprenderà un tour mondiale.

Il 10 e il 17 aprile 2015 i Ride si esibiscono al Festival di Coachella. Nei mesi seguenti hanno suonato sui palchi di numerosi festival nordamericani ed europei quali Primavera Sound Festival e Melt! Festival. Tengono anche un tour negli USA con i DIIV.

Nel dicembre 2016 tornano in studio con il produttore Erol Alkan per produrre un nuovo album in studio[4]. Il risultato è il disco Weather Diaries, pubblicato il 16 giugno 2017[5] e anticipato dai singoli Charm Assault, Home Is a Feeling e All I Want.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Membri ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album studio[modifica | modifica wikitesto]

Album Data di pubblicazione Pos. in classifica
Nowhere 15 ottobre 1990 #11 (UK[6])
Going Blank Again 9 marzo 1992 #5 (UK)
Carnival of Light 20 giugno 1994 #5 (UK)
Tarantula 20 marzo 1996 #21(UK)
Weather Diaries 16 giugno 2017 #11 (UK[7])

Compilation e album live[modifica | modifica wikitesto]

  • Smile (1990) Sire/Creation
  • Kaleidoscope (1991) Sire (solo promozionale)
  • Grasshopper (1992) Sire/Warner Bros.
  • Cosmic Carnival (1994) Sire
  • Live Light (1995) Mutiny/Elektra
  • Ride (Box Set) (2001) Ignition
  • OX4 The Best of Ride (2001) Ignition
  • Firing Blanks Unreleased Ride Recordings 1988–95 (2001)
  • Live Reading Festival 1992 (2001)
  • Waves (BBC Radio One sessions) (2003)

Singoli ed EP[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Posizioni in classifica Album
UK Singles Chart[6] US
Alt
1990 Ride EP #71
1990 Play EP #32
1990 Fall EP #34
1991 "Taste" #24 Nowhere
1991 "Vapour Trail" Nowhere
1991 Today Forever EP #14
1992 "Leave Them All Behind" #9 #20 Going Blank Again
1992 "Twisterella" #36 #12 Going Blank Again
1993 "Union City Blue"
1994 "Birdman" #38 Carnival of Light
1994 "How Does It Feel to Feel?" #58 Carnival of Light
1994 "I Don't Know Where It Comes From" #46 Carnival of Light
1994 Live EP
1996 "Black Nite Crash" #67 Tarantula
2002 Coming Up For Air EP
2017 Charm Assault Weather Diaries
2017 Home Is a Feeling Weather Diaries
2017 All I Want Weather Diaries
2017 Cali Weather Diaries

Video[modifica | modifica wikitesto]

  • Going Blank Again - Live At Brixton Academy (1992)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Diego Ballani, Ride, monografia, sentireascoltare.com, 1 giugno 2017.
  2. ^ (EN) Ride reunion: ‘More bands should beat the crap out of each other for a while', The Guardian, 16 aprile 2015. URL consultato il 7 luglio 2017.
  3. ^ a b c d Ride
  4. ^ (EN) Ride to release first album in 20 years, The Guardian, 02 dicembre 2016..
  5. ^ (EN) Ride Announce New Album Weather Diaries, Pitchfork, 23 marzo 2017. URL consultato il 7 luglio 2017.
  6. ^ a b David Roberts, British Hit Singles & Albums, 19th edition, Londra, Guinness World Records Limited, 2006, ISBN 1-904994-10-5.
  7. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 23 June 2017 - 29 June 2017, Official Charts Company. URL consultato il 7 luglio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE10294857-4
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock