Revenge (film 2017)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Revenge
Titolo originaleRevenge
Lingua originalefrancese, inglese
Paese di produzioneFrancia
Anno2017
Durata108 min[1]
Rapporto2:35:1
Genereazione, thriller, drammatico
RegiaCoralie Fargeat
SceneggiaturaCoralie Fargeat
ProduttoreMarc-Etienne Schwartz, Marc Stanimirovic, Jean-Yves Robin
Produttore esecutivoHicham El Ghorfi, Frantz Richard
Casa di produzioneMES Productions, Monkey Pack Films, Charades, Nexus Factory, Umedia
Distribuzione in italianoMidnight Factory
FotografiaRobrecht Heyvaert
MontaggioCoralie Fargeat, Bruno Safar, Jérôme Eltabet
MusicheRobin Coudert
TruccoLaetitia Quillery
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Revenge è un film del 2017 diretto da Coralie Fargeat ed interpretato da Matilda Lutz.

Appartiene al genere rape and revenge ed è stato proiettato nella sezione Midnight Madness del Toronto International Film Festival 2017, nel Midnight Shivers dei 21esimi Tallinn Black Nights Film Festival (PÖFF) e nel Midnight Premieres del Sundance Film Festival 2018.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Jen è una socialite americana che ha una relazione segreta con il milionario francese Richard. I due volano nell'appartata casa di Richard nel mezzo del deserto per un weekend insieme prima della sua annuale gita di caccia con gli amici Stan e Dimitri. Prima di entrare in casa, il pilota dell'elicottero di Richard gli cede un peyote come regalo. Tuttavia, Stan e Dimitri arrivano un giorno in anticipo, deludendo Richard, che sperava di mantenere segreta Jen. Mentre i tre uomini e Jen trascorrono una notte a bere e ballare, Jen nasconde il peyote nella sua collana per Richard.

La mattina dopo, mentre Richard è via, Stan cerca di convincere Jen a fare sesso con lui, affermando di essere stato provocato da lei la sera prima. Quando lei rifiuta, Stan la stupra mentre Dimitri assiste alla scena senza intervenire. Richard ritorna, rimprovera Stan, e offre a Jen una grossa somma di denaro per dimenticare l'incidente. Lei non ci sta e vuole tornare a casa a tutti i costi, ma Richard si rifiuta. Allora Jen minaccia di rivelare la natura della loro relazione alla moglie di Richard, il quale la schiaffeggia. Jen scappa nel deserto mentre i tre uomini le danno la caccia e riescono ad accerchiarla di fronte ad un burrone. Richard fa finta di chiamare il suo pilota per portare a casa Jen, ma poi la spinge all'improvviso dal burrone, facendola cadere sopra un albero rinsecchito che la trafigge. I tre uomini, credendola morta, si allontanano e decidono di continuare il loro viaggio di caccia come se nulla fosse accaduto.

Jen si sveglia e usa il suo accendino per incendiare l'albero su cui è infilzata, provocandone la rottura e permettendole di fuggire con un ramo ancora bloccato nel suo corpo. Vaga per il deserto, cercando di evitare i tre uomini, che si sono resi conto del fatto che sia sopravvissuta e hanno iniziato una battuta di caccia all'uomo. Jen incontra Dimitri che urina in un fiume e tenta di sparargli con il suo fucile, ma non è carico. Dimitri cerca di affogare Jen, ma lei riesce a sfilargli il suo coltello da caccia e glielo pianta in entrambi gli occhi, uccidendolo, per poi rubare le sue armi e le provviste.

Jen si nasconde in una grotta e usa il peyote come anestetico per intorpidirsi prima di rimuovere il ramo e cauterizzare la ferita con una lattina di birra in alluminio, marchiandosi con il logo della fenice della birra. Dopo una serie di incubi sugli uomini che la stavano cercando, Jen decide di vendicarsi e inizia la caccia. Dopo che gli altri uomini scoprono il corpo di Dimitri, Richard ordina a Stan di rintracciare Jen nel suo SUV. Dopo che Stan rimane senza benzina, Jen lo intercetta e gli spara alla spalla mentre l'uomo sta riempiendo il serbatoio. I due si cimentano in un cruento scontro, in cui l'uomo fa saltare il lobo di Jen con un fucile, mentre la donna fa calpestare a Stan un grosso pezzo di vetro rotto. Dopo aver tolto le schegge dal suo piede, Stan cerca di investire Jen con il SUV, ma la ragazza lo uccide con una fucilata e gli prende la macchina.

Richard torna a casa, chiama l'elicottero e fa una doccia, poi sente un rumore e vede Jen. Lei lo trova e gli spara nello stomaco, ma Richard sopravvive e inizia un inseguimento dentro casa con i fucili a pompa. L'uomo colpisce la ragazza in testa con il calcio del suo fucile e cerca di strangolarla, ma lei gli infila una mano nella ferita allo stomaco, costringendolo a lasciarla cadere. Jen recupera il suo fucile e spara a Richard nel petto, uccidendolo. Una Jen insanguinata ma trionfante esce da casa e si gira, mentre sente avvicinarsi l'elicottero.[3]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Revenge è il primo lungometraggio di Coralie Fargeat dopo un cortometraggio intitolato Le Télégramme, diretto nel 2003. Fargeat stessa ha scritto la sceneggiatura del film nel 2015.[4]

Le riprese del film sono durate 33 giorni; 32 girati in Marocco e 1 in Francia a Parigi.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il trailer ufficiale italiano del film è stato pubblicato il 24 luglio 2018.[5]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato in anteprima mondiale al Toronto International Film Festival l'11 settembre 2017.[6][7] Precedentemente, Shudder ha acquisito i diritti di distribuzione sul film.[8] In seguito è stato rivelato che Neon distribuirà il film nei cinema, prima della sua uscita su Shudder.[9]

Il film è uscito nelle sale cinematografiche francesi il 7 febbraio 2018[10], mentre negli Stati Uniti è stato rilasciato nei cinema in una distribuzione limitata e tramite video on demand l'11 maggio 2018.[11] È stato inoltre distribuito nelle sale cinematografiche italiane a partire dal 6 settembre 2018 dalla Midnight Factory, etichetta della Koch Media.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato acclamato dalla critica ed ha incassato 526,033$ negli Stati Uniti.[12]

Critica francese[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato accolto molto positivamente in Francia. Su AlloCiné ha un voto di 3 su 5, basato su 20 recensioni.[13]

«"Radical e gore, questa storia è soprattutto la rivelazione di una regista da seguire, Coralie Fargeat, che denuncia senza compiacenza la violenza contro le donne".»

(Stephanie Belpeche, Le Journal du dimanche, 3 febbraio 2018.[14])

«"Uno stupro e una vendetta sanguinosi e surreali, un caleidoscopio di visioni gore, con una nuova icona: Matilda Lutz".»

(Sylvestre Picard, Première, 6 febbraio 2018.[15])

«"Un film molto sanguinoso (...). Scritto e diretto prima dell'affare Weinstein, questo film è in sintonia con i tempi. Invertendo i codici, mostrando un uomo che piange dopo aver tagliato il piede e una donna forte che si afferma, Revenge impone il suo messaggio femminista".»

(Sophie Torlotin, RFI, 7 febbraio 2018[16])

Critica statunitense[modifica | modifica wikitesto]

La critica statunitense lo ha invece acclamato. Sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes ha un indice di gradimento del 93% con un voto medio di 7,3 su 10, basato su 98 recensioni[17], mentre su Metacritic ha un punteggio di 81 su 100, basato su 23 recensioni.[18]

«Blunt, sanguinario ed elegante quasi a dispetto di se stesso, Revenge è una sintesi di exploitation e femminismo".»

(A.O. Scott, The New York Times, 9 maggio 2018[19])

Critica italiana[modifica | modifica wikitesto]

Anche in Italia è stato accolto positivamente. Su MYmovies.it ha un punteggio di 4 stelle su 5[20], mentre su Comingsoon.it ha un voto di 3,2 su 5, basato su 5 voti.[21]

«Film di dichiarata vendetta, Revenge è a metà tra l'exploitation e il femminismo, due cose in aperto contrasto. La vendetta, infatti, non è solo della protagonista sui maschi ma pure idealmente dello sguardo femminile sull'exploitation. La regista e sceneggiatrice francese Coralie Fargeat, qui all'opera prima, firma con gran classe una intelligente e divertente provocazione.»

(Andrea Fornasiero, MyMovies.it, 20 agosto 2018)

«Un film intelligente, divertente e originale ma decisamente non per tutti, che utilizza al femminile un genere tradizionalmente diretto a un pubblico maschile poco raffinato. Nella rilettura di Coline Fargeat il rape and revenge movie diventa un'opera metaforica, splatter e allucinatoria, che si spinge oltre i limiti della visione per coinvolgere lo spettatore in un gioco al massacro in cui i cacciatori diventano prede e i violenti vittime. Bravissima e coraggiosa la protagonista Matilda Lutz in un personaggio che ha un arco narrativo completo - da bella ochetta a consapevole guerriera - e la vede recitare per tutto il tempo nei panni succinti di un Rambo in bikini. Un'opera prima matura e inattesa, che mentre fa a pezzi i corpi dei protagonisti sullo schermo, con ironia trasmette un messaggio di ribellione femminile alla violenza maschile e afferma il diritto di ogni donna dire no ed essere rispettata. La metafora non prevale mai su una storia che resta all'interno dei canoni del genere exploitation, con abbondanti dosi di splatter e una crudeltà insolita da trovare nel cinema diretto dalle donne.»

(Daniela Catelli, Comingsoon.it, 30 agosto 2018)

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Coralie Fargeat, réalisatrice de "Revenge" : "REVENGE (18)", in British Board of Film Classification, 23 agosto 2018. URL consultato il 30 agosto 2018.
  2. ^ PÖFF, su poff.ee. URL consultato il 30 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2017).
  3. ^ Revenge, su uranio.info. URL consultato il 27 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2018).
  4. ^ AlloCine, Les secrets de tournage du film Revenge. URL consultato il 30 agosto 2018.
  5. ^ Midnight Factory, Revenge - Trailer Ufficiale Italiano | HD, 24 luglio 2018. URL consultato il 30 agosto 2018.
  6. ^ (EN) Norman Wilner, TIFF 2017's Midnight Madness, documentary slates are announced, in NOW Magazine, 1º agosto 2017. URL consultato il 30 agosto 2018.
  7. ^ (EN) Kate Erbland, ‘Revenge’: Inside the TIFF Midnight Madness Premiere So Intense That Paramedics Were Called, in IndieWire, 13 settembre 2017. URL consultato il 30 agosto 2018.
  8. ^ (EN) Brent Lang,Elsa Keslassy, Shudder Nabs ‘Revenge’ in Pre-Toronto Film Festival Deal (EXCLUSIVE), in Variety, 30 agosto 2017. URL consultato il 30 agosto 2018.
  9. ^ (EN) Patrick Hipes, NEON Teams With Shudder On ‘Revenge’ Deal – Sundance, in Deadline, 23 gennaio 2018. URL consultato il 30 agosto 2018.
  10. ^ (FR) Revenge - Bande annonce 1 - VO - (2018), 23 agosto 2018. URL consultato il 30 agosto 2018.
  11. ^ (EN) A woman takes bloody 'Revenge' against her assaulters in exclusive trailer, in EW.com. URL consultato il 30 agosto 2018.
  12. ^ (EN) Revenge (2018) (2018) - Box Office Mojo, su www.boxofficemojo.com. URL consultato il 30 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2018).
  13. ^ AlloCine, Revenge. URL consultato il 30 agosto 2018.
  14. ^ "Coralie Fargeat, réalisatrice de "Revenge" : "Pas facile de jeter aux ordures 2.000 ans de sexisme", in Le Journal du dimanche, 3 febbraio 2018. URL consultato il 30 agosto 2018.
  15. ^ "Revenge : une série B hyper musclée [Critique]", in Première, 6 febbraio 2018. URL consultato il 30 agosto 2018.
  16. ^ "Cinéma: «Revenge» impose un message féministe dans l'air du temps", in RFI, 7 febbraio 2018. URL consultato il 30 agosto 2018.
  17. ^ (EN) Revenge. URL consultato il 30 agosto 2018.
  18. ^ Revenge. URL consultato il 30 agosto 2018.
  19. ^ "Review: In 'Revenge,' the Trophy Turns Hunter"., in The New York Times, 9 maggio 2018. URL consultato il 30 agosto 2018.
  20. ^ MYmovies.it, Revenge, su MYmovies.it. URL consultato il 30 agosto 2018.
  21. ^ Revenge - Film (2017), su ComingSoon.it. URL consultato il 30 agosto 2018.
  22. ^ (FR) "Revenge" : film d'horreur féministe, bain de sang au Festival de Gérardmer, in LCI. URL consultato il 30 agosto 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema