Res cottidianae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di Gaio

Le Res cottidianae sono la seconda opera giuridica elementare attribuita a Gaio oltre alle più note Gai Institutiones.

La conoscenza di questa opera ci perviene esclusivamente tramite gli estratti utilizzati dai compilatori del Digesto e delle Institutiones giustinianee.

Il titolo completo era Gai rerum cottidianarum sive aureorum libri VII, ove aurea deve intendersi aurea dicta (e costituisce un'aggiunta posteriore di qualche estimatore di Gaio) e res cottidianae sono gli argomenti base dell'insegnamento giuridico. Cottidianus non va inteso come quotidiano, ma come usuale, comune, solito.

Probabilmente l'opera è una rielaborazione postclassica delle Istituzioni di Gaio ovvero una versione diversa della medesima raccolta di appunti da cui esse derivavano. Tali appunti, scritti dal maestro per i propri discepoli, ovvero raccolti direttamente dalla viva voce dell'insegnante, venivano pubblicati a cura dei discepoli e poi utilizzati nelle scuole di diritto, con possibilità di successivi rimaneggiamenti del testo.

L'esposizione del diritto civile nelle Res cottidianae è ordinata diversamente rispetto alle Istituzioni di Gaio con il diritto delle obbligazioni che segue immediatamente la proprietà e precede il diritto ereditario.

Pur essendo essenzialmente un'opera di rielaborazione delle Insitutiones di Gaio, le Res cottidianae introducono nel diritto obbligatorio un'importante innovazione rispetto ad esse: le fonti delle obbligazioni sono portate dalle due individuate da Gaio (contratto e delitto) a tre (contratto, delitto e altre figure). Giustiniano le porterà poi a quattro. Si tratta quindi di un'evoluzione del numero delle fonti che trova nelle Res il suo punto intermedio.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lovato, 2014, pp. 438-440.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Matteo Marrone, Manuale di diritto privato romano, Torino, G. Giappichelli Editore, 2004, ISBN 88-348-4578-1.
  • Andrea Lovato, Salvatore Puliatti e Laura Solidoro Maruotti, Diritto privato romano, Torino, G. Giappichelli Editore, 2014, ISBN 9788834848494.
  • Giovanni Nicosia, Nuovi profili essenziali di diritto romano, quinta edizione, Libreria Editrice Torre, 2010, ISBN 8871320573.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]