In bonis habere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'in bonis habere era un istituto del diritto romano. L'acquisto del dominium ex iure Quiritium era subordinato per le res mancipi al compimento di un atto solenne (mancipatio o in iure cessio) che consentiva all'acquirente di diventare dominus. Il pretore, al fine di garantire le esigenze di certezza nei traffici commerciali, cominciò a tutelare l'acquirente sia contro i terzi sia contro lo stesso proprietario-alienante. Da tale tutela processuale accordata all'acquirente derivò appunto l'in bonis habere.

L'in bonis habere è in un certo senso affine all'odierno possesso e può essere definito come «situazione attiva di un rapporto assoluto reale in senso proprio, a carattere sostitutivo del dominium ex iure Quiritium e prevalente su quest'ultimo in caso di conflitto».

Si trattava di una situazione caratterizzata dal fatto che il soggetto acquistava una res non secondo i dettami dello ius civile.

L'in bonis habere determinava una situazione provvisoria, poiché era destinata a tramutarsi in proprietà con il decorso del tempo necessario all'usucapione. Nel caso in cui l'acquirente fosse stato spossessato della cosa era accordata a suo favore un'actio fictictia, denominata actio Publiciana.

Dunque in età classica prese forma l'idea che il dominium fosse una categoria suprema che si distingueva in due sottocategorie: il dominium ex iure Quiritium e l'eventuale in bonis habere pretorio. Caduta la distinzione tra res mancipi e res nec mancipi e abolita la mancipatio, Giustiniano elevò a ipotesi di proprietà tutte quelle in cui i classici avevano riconosciuto l'in bonis habere, favorendo la riduzione a unità del concetto di proprietà.