Insula in flumine nata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La locuzione latina insula in flumine nata (lett. isola nata nel fiume) indica il fenomeno naturale della emersione di un'isola in mezzo ad un fiume.

In diritto romano la locuzione indica un modo di acquisto della proprietà a titolo originario a favore dei proprietari prospicienti le rive del fiume. Il giurista romano Gaio descrive in tal modo il fenomeno nelle sue Istituzioni:

(LA)

« At si in medio flumine insula nata sit, haec eorum omnium communis est, qui ab utraque parte fluminis prope ripam praedia possident: si vero non sit in medio flumine, ad eos pertinet, qui ab ea parte, quae proxima est, iuxta ripam praedia habent »

(IT)

« E se sia emersa un'isola nella linea mediana di un fiume, essa sarà comune a coloro che possiedono i fondi lungo la riva; qualora non sia sorta nella linea mediana che divide il fiume, apparterrà al proprietario del fondo situato nella riva più vicina. »

(Gaio, Institutiones II, 72.)

Nelle istituzioni giustinianee troviamo ripetuto il medesimo principio, con l'ulteriore precisazione che l'isola emersa nella linea mediana andrà suddivisa tra i proprietari in misura corrispondente all'estensione di ciascun fondo lungo la riva.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]