Reidar Kvammen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Reidar Kvammen
Nazionalità Norvegia Norvegia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1952
Carriera
Squadre di club1
1931-1952 Viking Viking  ? (?)
Nazionale
1933-1949 Norvegia Norvegia 51 (17)
Carriera da allenatore
1948 Ulf Ulf
1953 Molde Molde
1957 Bryne Bryne
1960-1963 Bryne Bryne
1964 Viking Viking
1965 Algard Ålgård
1966 Bryne Bryne
1968-1970 Vidar Vidar
Palmarès
Olympic flag.svg Giochi olimpici
Bronzo Berlino 1936
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1º febbraio 2011

Reidar Kvammen (Stavanger, 23 luglio 1914Stavanger, 27 ottobre 1998) è stato un calciatore norvegese, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Kvammen giocò per l'intera carriera con il Viking ed è ricordato come uno dei migliori calciatori norvegesi di sempre. Segnò 202 reti per questa maglia.[1] Questo segnò un record per il club.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Kvammen fu il primo calciatore a raggiungere le 50 presenze con la Norvegia. In totale, giocò 51 partite e mise a segno 17 reti per la Nazionale scandinava.[2] Nel 1936, partecipò ai Giochi Olimpici del 1936 e la sua squadra vinse la medaglia di bronzo. Due anni dopo, fu convocato per giocare il campionato del mondo 1938.

È al 37º posto della classifica di presenze della Nazionale norvegese e sempre al 14º di quella delle marcature.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Kvammen diventò allenatore del Molde, una volta ritiratosi.[3] In seguito ricoprì questa carica anche al Bryne (in più circostanze) e al Viking. Dal 1968 al 1970, guidò il Vidar.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (NO) KVAMMEN, REIDAR, viking-fk.no. URL consultato il 02-02-2011.
  2. ^ (EN) Norway - Record International Players, rsssf.com. URL consultato il 02-02-2011.
  3. ^ (NO) MFK-TRENERE 1914-2002, moldefk.no. URL consultato il 02-02-2011.
  4. ^ (NO) A-lag herrer trenere, fkvidar.no. URL consultato il 27 settembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]