Proton KR5

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Proton V5)
Jump to navigation Jump to search
Proton KR5
Shane Byrne on Proton KTM 2005 Donington.jpg
Byrne sulla Proton-KTM del 2005
Costruttore Team KR
Tipoprototipo da competizione
Produzionedal 2003 al 2005
Sostituisce laKR V3
Sostituita daKR211V
Modelli similiDucati Desmosedici
Yamaha YZR-M1
Suzuki GSV-R
Kawasaki ZX-RR
Honda RC211V

Proton KR5 è la moto-prototipo sviluppata dal team KR di Kenny Roberts con l'ausilio dei finanziamenti della casa automobilistica malese Proton e con cui ha disputato le gare del motomondiale dal 2003 fino al 2005 in MotoGp.

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

La moto venne presentata al termine del 2002 quale sostituta della vecchia tricilindica KR V3 che aveva gareggiato nella Classe 500 e anche nella prima annata della nuova classe MotoGP; era caratterizzata da un motore pentacilindrico con disposizione a V, da cui il suo nome[1].

Progettata e costruita a Banbury in Gran Bretagna, come il modello che l'aveva preceduta aveva cercato di attingere alle tecnologie della Formula 1 e all'inizio del 2003 venne anche ingaggiato, quale responsabile tecnico, l'ingegner John Barnard, progettista di varie vetture di Formula 1 di successo[2].

Non riuscì peraltro ad essere approntata in tempo per le prime gare della stagione 2003, fatto per cui i due piloti designati, Nobuatsu Aoki e Jeremy McWilliams, dovettero utilizzare il vecchio modello nei primi quattro gran premi; il suo debutto in gara avvenne in occasione del GP d'Italia, concluso con il ritiro di ambedue i piloti. Anche per il resto della stagione non registrò alcun risultato di rilievo.

La stessa cosa avvenne anche nel motomondiale 2004, quando, condotta in gara da Aoki affiancato da Kurtis Roberts e James Haydon non riuscì mai ad andare al di là di un dodicesimo posto.

Per il 2005 la moto fu equipaggiata con un motore KTM, in questo caso da soli 4 cilindri, ma la collaborazione con la casa motociclistica austriaca si interruppe durante l'estate, impedendo al team di competere nelle ultime prove dell'anno[3]. In tutta la stagione riuscì ad ottenere solo un punto in classifica mondiale.

Venne sostituita per il campionato successivo dalla nuova KR211V costruita dal team in seguito al nuovo accordo firmato con la Honda.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Motociclette partecipanti al motomondiale nella classe maggiore negli anni 2000
Costruttore Classe 500 MotoGP 990cc MotoGP 800cc
2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009
Aprilia RSW-2 500 RS Cube
Ducati Desmosedici GP3/GP4/GP5/GP6 GP7/GP8/GP9
Honda NSR500 e NSR500 V2 RC211V RC212V
Ilmor X3
Kawasaki ZX-RR ZX-RR
Paton PG 500 R
Pulse GP Pulse 500
Sabre Sport Sabre V4 Sabre V4
Suzuki RGV500 GSV-R GSV-R
Team KR Proton KR3 Proton V5 KR211V KR212V
Yamaha YZR 500 YZR-M1 YZR-M1