Proposizione completiva latina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nella grammatica latina, vengono definite proposizioni completive (o sostantive o complementari dirette) le subordinate che completano quanto viene espresso dalla proposizione reggente. Esse svolgono la funzione di soggetto o di complemento oggetto rispetto al predicato della reggente.

Tra le proposizioni completive più usate ci sono la proposizione infinitiva latina e la proposizione interrogativa indiretta[1].

Tipi[modifica | modifica wikitesto]

Le proposizioni completive, che sono una grande famiglia, possono essere[1]:

  • completive che esprimono una volontà, che sia desiderio, timore, comando o esortazione, e che contengono il "ne"
  • completive che esprimono una constatazione, che contengono il "non".
  • completive che esprimono una funzione soggettiva, oggettiva o epesegetica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Proposizioni completive


Sintassi del periodo - Proposizioni
Logo letteratura

Proposizione principaleProposizione coordinataProposizione reggenteProposizione subordinataProposizione incidentale

Proposizione avversativaProposizione causaleProposizione comparativaProposizione concessivaProposizione condizionaleProposizione consecutivaProposizione dichiarativaProposizione eccettuativaProposizione esclusivaProposizione finaleProposizione interrogativa indirettaProposizione limitativaProposizione modaleProposizione oggettivaProposizione relativaProposizione soggettivaProposizione strumentaleProposizione temporale

Altre voci: Analisi logica del periodoFrasePeriodo ipotetico

Voci di linguistica
Lingua latina Portale Lingua latina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lingua latina