Singularia tantum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Grammatica latina.

I nomina singularia tantum (in latino 'nomi soltanto singolari'), o semplicemente singularia tantum, sono sostantivi che non hanno la forma plurale.

Di norma si riferiscono a oggetti (spesso a metalli) o a concetti astratti; ma non mancano nomi comuni quali plebs e vulgus.

Opposti ai nomina singularia tantum sono i nomina pluralia tantum, con solo una forma plurale, i quali vengono talora resi in italiano al singolare.

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

I declinazione[modifica | modifica wikitesto]

  • abundantia, -ae (l'abbondanza)
  • audacia,-ae (l'audacia)
  • eloquentia, -ae (l'eloquenzia)
  • iustitia, -ae (la giustizia)
  • prudentia, -ae (l'esperienza)
  • sapientia, -ae (la saggezza)
  • scientia, -ae (la scienza)

II declinazione[modifica | modifica wikitesto]

  • pelagus, -i (il mare)
  • virus, -i (il veleno)
  • vulgus, -i (il popolo)
  • aurum, -i (oro)
  • ferrum, -i(ferro)
  • argentum, -i (argento)

III declinazione[modifica | modifica wikitesto]

  • sanguis, -inis (il sangue)
  • Hannibal, -is (Hannibale)
  • plebs, -is (la plebe)
  • senectus, -tis (la vecchiaia)
  • lac, -tis (il latte)
  • pietas, -atis (la devozione, poi la pietà)
  • sitis, -is (la sete)
  • ver, veris (la primavera)
  • vesper, vesperis (la sera)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4205448-5
Lingua latina Portale Lingua latina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lingua latina