Premonition (film 2007)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Premonition
Premonition.jpg
Sandra Bullock in una scena del film
Titolo originale Premonition
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 2007
Durata 96 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, thriller
Regia Mennan Yapo
Sceneggiatura Bill Kelly
Produttore Ashok Amritraj, Jon Jashni, Adam Shankman, Jennifer Gibgot, Sunil Perkash
Produttore esecutivo Nick Hamson, Andrew Sugerman, Lars Sylvest
Casa di produzione TriStar Pictures. Metro-Goldwyn-Mayer, Hyde Park Entertainemnt, Offspring Entertainment
Distribuzione (Italia) Sony Pictures
Fotografia Torsten Lippstock
Montaggio Neil Travis
Effetti speciali Jack Lynch
Musiche Klaus Badelt
Scenografia J. Dennis Washington
Costumi Jill M. Ohanneson
Trucco Pamela S. Westmore
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
« Hanno detto che è stato un incidente. Ma la realtà... è che non è ancora successo. »
(Tagline del film)

Premonition è un film del 2007 di Mennan Yapo con Sandra Bullock.

Negli Stati Uniti è uscito nelle sale il 16 marzo 2007, in Italia il 7 settembre 2007.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Linda Quinn Hanson è una casalinga felicemente sposata con Jim con cui ha due figlie, Megan e Bridgette.

Un giorno, mentre Jim è fuori per un viaggio d'affari, Linda riceve la visita di uno sceriffo che le racconta che Jim è morto in un incidente stradale il giorno precedente. Linda racconterà subito la verità alle figlie al rientro dalla scuola mentre sua madre si trasferisce nella loro casa per occuparsi delle bambine. Quella notte Linda si addormenta sul divano del salotto ma la mattina seguente si sveglia nel proprio letto, sotto le coperte e con una camicia da notte. Confusa, si alza e va nella camera degli ospiti dove sua madre si era addormentata ma qui la signora non c'è; allora Linda si sposta al piano inferiore e scopre Jim in cucina vivo e vegeto. Confusa, Linda porta le figlie a scuola per poi ripartire e, in preda ad uno stress, rischia un incidente e viene multata dallo stesso sceriffo che le aveva detto della morte di Jim e che si comporta come se non l'avesse mai incontrata. Tornata a casa, Linda stende i panni ma accidentalmente cade e trova un corvo morto, così lei lo prende e lo butta nel secchio dell'immondizia lasciando accidentalmente la mano insanguinata alla finestra e nel lavandino. Alla fine della giornata, tutta la famiglia cena insieme.

La mattina seguente, Linda trova una bottiglia vuota di pillole sparse nel lavandino. Sull'etichetta c'è la prescrizione delle pillole dal dottor Norman Roth. Al piano di sotto, trova amici e parenti con abiti da lutto; uscendo in giardino trova la figlia Bridgette con alcune ferite in viso mentre la sorella Megan dice che non c'è niente sul suo viso. In quel giorno si svolge il funerale e al rientro a casa, Linda trova una pagina dell'elenco telefonico strappata nel secchio. Nella pagina c'è il numero del dottor Roth e Linda cerca di telefonare ma invano. Poco più tardi in casa arrivano degli uomini, tra cui il dottor Norman Roth che portano via Linda; è stata infatti sua madre Joanne a chiamarli dal momento che capisce che Linda ha bisogno di aiuto per averle detto poco prima che Jim fosse ancora vivo e accusandola di aver picchiato Bridgette provocandole i tagli in viso.

La mattina seguente Linda si sveglia nuovamente sul suo letto e ritrova Jim sotto la doccia mentre Bridgette non ha nessun taglio in viso. Si reca nell'ufficio del dottor Roth, che però non la riconosce. Lei gli confessa quello che sta passando e il dottor le prescrive le pillole. Tornata casa, Linda vede Bridgette correre verso la porta a vetri e distruggendola, rimane ferita e portata all'ospedale con Jim.

A quel punto, Linda ricostruisce su un cartone la cronologia degli eventi della settimana realizzando che la settimana non va in ordine cronologico capendo che sabato è il giorno del funerale mentre mercoledì è il giorno in cui Jim muore. Nascosto il cartone, Linda e Jim si addormenta chiedendo a Jim di svegliarla se è mercoledì e lui accetta.

La mattina seguente Linda si sveglia nel salotto e capisce che è venerdì. Incontrando l'agente dell'assicurazione, Linda scopre che Jim ha triplicato l'assicurazione della vita.

Il giorno dopo, Linda scopre che è domenica (tre giorno prima della morte) e invita Jim e le bambine a fare una gita mentre lei va in chiesa dove incontra padre Kennedy e le racconta le sue paura e lui, raccontandole una storia, le chiede di avere fede e che la vita stessa può essere un miracolo. Dopodiché si reca sul luogo dell'incidente, sul miglio 220, così come le ha detto lo sceriffo. In quella notte, Jim cerca di capire perché negli ultimi momenti è strana e lei gli confessa di aver sognato che lui morisse ma lui le dice che è stato solo un sogno e che tutto va bene segnando una riappacificazione.

La mattina seguente Linda scopre che è mercoledì e si reca sul luogo dell'incidente per avvertire Jim con l'intento di evitare la morte; Jim si reca a fare l'assicurazione sulla vita e telefona a Claire, una ragazza infatuatasi di lui, per dirle che non verrà da lei per l'appuntamento romantico. Jim raggiunge il miglio 221 e via telefono con Linda, rimane bloccato con l'auto in mezzo alla strada e muore travolto da un autocisterna così come l'autista del grosso mezzo mentre Linda, che ha assistito all'incidente, cade nella disperazione.

Qualche mese dopo, Linda, in attesa di un altro figlio, lascia la casa con le figlie mentre Bridgette sta lentamente migliorando dalle ferite sul viso.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato girato in Louisiana, doveva essere girato a New Orleans, ma l'uragano Katrina ha costretto i realizzatori a scegliere un altro posto. È stato girato in 45 giorni.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Slogan promozionali[modifica | modifica wikitesto]

  • «It's not your imagination.»
    «Non è la vostra immaginazione.»
  • «Reality is only a nightmare away.»
    «La realtà è solo un incubo lontano.»
  • «Reality or Imagination.»
    «Realtà o Immaginazione?»
  • «Hanno detto che è stato un incidente. Ma la realtà... È che non è ancora successo.»
  • «Mi sveglio e lui è morto.. mi sveglio e lui è vivo…»
  • «Se lasciassi morire Jim, è come se l'avessi ucciso io?»

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Premonition è stato proiettato in 2831 cinema e arrivò al terzo posto dietro a 300 e Wild Hogs, e ha incassato 17.558.689 dollari con una media di 6.202 $. Il film rimase nelle sale per 7 settimane e ha incassato 47.852.604 dollari negli Stati Uniti e $ 84.146.832 in tutto il mondo.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha ricevuto opinioni negative, inclusa una quota dell'8% su Rotten Tomatoes, con 141 opinioni rotten (marce) e 12 fresh (fresche).[1] Questo lo posizionò nella classifica Worst of the Worst (Peggiore del Peggiore) di Rotten Tomatoes. Nonostante le critiche negative, molti critici - incluso Rex Reed (famosissimo critico cinematografico statunitense) - hanno elogiato la performance di Sandra Bullock.[2][3]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Finale alternativo[modifica | modifica wikitesto]

Nei contenuti extra dell'edizione DVD e Blu-ray, oltre a varie scene inedite è presente anche un finale alternativo. Il tempo si sposta in avanti di diversi mesi. Le bambine svegliano la madre, dicendo che è arrivato il camion del trasloco. Linda è felice di vedere che le ferite dal viso di Bridgette sono quasi del tutto scomparse. Prima di alzarsi, Linda sente il rumore della doccia provenire dal bagno. Quando si alza del tutto si vede il suo avanzato stato di gravidanza. Linda si dirige in bagno e si ferma davanti alla tenda della doccia. Il film si conclude con Linda che apre la tenda con un'espressione sconvolta.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Quando Linda (Sandra Bullock) viene legata al lettino nella scena dell'ospedale psichiatrico, l'attrice si è davvero tagliata accidentalmente. Così, invece di utilizzare una controfigura per l'iniezione, è stata davvero Bullock a ricevere la puntura.
  • Julian McMahon ha anche recitato nel telefilm "Streghe" (1998). Casualmente in questo telefilm interpreta il ruolo di un demone che si innamora di una strega chiamata Phoebe (Alyssa Milano) che ha il potere delle premonizioni.
  • Lo script originale finiva con Linda che riesce a salvare Jim, ma sembrava troppo Hollywoodiano; così hanno finito per rendere più cupo il finale.
  • È stata un'idea di Sandra Bullock che Linda fosse incinta alla fine del film.
  • L'ospedale in cui Linda porta Bridgette dopo che si è tagliata è lo stesso che è utilizzato per girare le scene del telefilm E.R. - Medici in prima linea, precisamente al secondo piano.
  • La figlia maggiore della protagonista ha, nella scena iniziale del film, il volto sano e intatto; mentre seguendo la cronologia del film doveva avere il volto pieno di cicatrici. Infatti la bambina finisce contro la vetrata quando il padre è ancora vivo.
  • Il doppiaggio italiano contiene una traduzione sbagliata che potrebbe far pensare ad un altro errore di sceneggiatura. Nel messaggio che Jim lascia in segreteria Mercoledì mentre è in auto, il marito rassicura la moglie dicendole che quello che ha detto la sera prima davanti alle figlie è vero. Ma la sera prima non c'è stato alcun discorso particolare. In realtà Jim si riferisce alla conversazione avuta la Domenica (quindi diversi giorni prima) e questo è facilmente verificabile ascoltando l'audio in originale dove il marito pronuncia le parole "the other night" quindi "l'altra sera" e non "ieri sera" come erroneamente tradotto in italiano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Premonition on Rotten Tomatoes, rottentomatoes.com. URL consultato il 6 gennaio 2013.
  2. ^ (EN) Premonition on Metacritic, metacritic.com. URL consultato il 6 gennaio 2013.
  3. ^ Rex Reed, I See Sandra Bullock!: Gorgeous star has weird visions in so-so mystery Premonition, The New York Observer, 18 marzo 2007. URL consultato il 6 settembre 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema