Prati e arbusteti alpini dell'Himalaya orientale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Prati e arbusteti alpini dell'Himalaya orientale
Eastern Himalayan alpine shrub and meadows
Barun Valley - Nghe.jpg
Prati e arbusteti alpini dell'Himalaya orientale nella valle del Barun in Nepal
Ecozona Paleartica (PA)
Bioma Praterie e boscaglie montane
Codice WWF PA1003
Superficie 121 211,4 km2
Conservazione Vulnerabile
Stati Birmania Birmania Bhutan Bhutan Cina Cina India India Nepal Nepal
Scheda WWF

I prati e arbusteti alpini dell'Himalaya orientale sono un'ecoregione di praterie e boscaglie montane della Birmania, Bhutan, Cina, India e Nepal, che si trovamo tra la linea degli alberi e il piano nivale nella parte orientale della catena dell'Himalaya.[1]

Ambientazione[modifica | modifica wikitesto]

I prati e arbusteti alpini dell'Himalaya orientale si estendono su una superficie di 121 211,4 k, estendendosi lungo le pareti nord e sud della catena montuosa dell'Himalaya, dalla gola di Kali Gandaki nel Nepal centrale verso est attraverso il Tibet e lo stato indiano Sikkim, il Bhutan, lo stato indiano Arunachal Pradesh e la Birmania più settentrionale.[1]

I prati e arbusteti alpini si trovano tra circa 4 000 e 5 500 m di altitudine.[1] Ghiaccio e neve permanenti si trovano sopra i 5 500 m.[1] Le foreste di conifere subalpine dell'Himalaya orientale si trovano al di sotto dei 3 000 m lungo i pendii meridionali della catena montuosa, dal Nepal centrale al Bhutan.[1] Le foreste di conifere subalpine dell'Himalaya nord-orientale si trovano a sud della catena dell'Arunachal Pradesh, estendendosi a nord della catena montuosa nella bassa valle del fiume Brahmaputra e dei suoi affluenti.[1] Le foreste temperate del Triangolo Settentrionale si trovano a sud dei prati e arbusteti alpini della Birmania settentrionale, mentre le foreste di conifere e miste della gola di Nujiang Langcang si trovano ad est nelle gole dei fiumi Irrawaddy e Saluen.[1]

La steppa arida di Yarlung Tsangpo si trova nella parte alta della valle di Brahmaputra del Tibet, a nord dei prati e arbusti alpini dell'Himalaya orientale.[1]

Flora[modifica | modifica wikitesto]

Gli arbusti alpini, caratterizzati da rododendri, predominano a quote più basse, in prossimità della linea degli alberi.[1] La flora dei rododendri dell'ecoregione è molto varia, con una composizione delle specie che cambia man mano che ci si sposta da ovest a est lungo la catena montuosa.[1]

Sopra gli arbusti ci sono prati alpini che sostengono una varietà di piante erbacee, tra cui specie di alchemilla, androsace, anemone, diapensia, draba, gentiana, impatiens, leontopodium, meconopsis, pedicularis, potentilla, primula, rhododendron, saussurea, saxifraga, sedum e viola.[1][2] In primavera e in estate, i prati alpini sono ricoperti di fiori dai colori vivaci.[1]

Sulle pendici superiori, tra massi e ghiaioni, crescono erbe basse e piante a cuscino.[1]

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ecoregione trovano rifugio 496 specie di uccelli e 117 specie di mammiferi.[2] I grandi mammiferi includono il leopardo delle nevi, il bharal o pecora blu, il tahr delll'Himalaya, il takin, il mosco dell’Himalaya, il goral e il capricorno dell’Himalaya. I mammiferi più piccoli includono la marmotta dell’Himalaya, le donnole e le pika.[1][2]

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Diverse aree protette si trovano completamente o in parte all'interno dell'ecoregione, tra cui:[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]