Marmota himalayana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Marmotta dell'Himalaya
Himalayan Marmot at Tshophu Lake Bhutan 091007 b.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Rodentia
Sottordine Sciuromorpha
Famiglia Sciuridae
Sottofamiglia Xerinae
Tribù Marmotini
Genere Marmota
Sottogenere (Marmota)
Specie M. himalayana
Nomenclatura binomiale
Marmota himalayana
(Hodgson, 1841)


La marmotta dell'Himalaya (Marmota himalayana Hodgson, 1841) è una specie della famiglia degli Sciuridi[2]. È una specie ancora poco studiata.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La marmotta himalayana è una delle specie più grandi e pesanti del genere Marmota. La sua lunghezza può variare da 40 a 80 cm, ma alcuni esemplari possono essere lunghi fino a 70 cm e pesare anche fino a 9 kg. Al confronto, la marmotta di Menzbier, la più piccola delle marmotte, misura solo 40-45 cm e pesa in media 2,5 kg. Il colore del suo pelo è bruno chiaro con concentrazioni di nero lungo la spina dorsale.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante il nome, il suo areale non è ristretto alla sola Himalaya. Infatti, esso si estende dall'Himalaya nepalese fino alle catene del Kunlun e dei Nanshan e alle catene montuose della regione dello Xikang. Vive nei prati alpini, tra 4000 e 5500 m di quota.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Suo parente più stretto, probabilmente, è la marmotta bobak. Di tanto in tanto, anche in questi ultimi decenni, è stata classificata come una sua sottospecie. Ne vengono riconosciute due sottospecie[2]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Shrestha, T. 2016, Marmota himalayana, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2017.1, IUCN, 2017.
  2. ^ a b (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Marmota himalayana, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi