Postepay

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da PostePay)
Il logo di Postepay

Postepay è una carta prepagata, commercializzata da Poste italiane, utilizzabile ovunque in Italia (ATM e POS dei circuiti Postamat e VISA Electron) e all'estero (ATM e POS del circuito VISA/VISA Electron), su Internet (nei siti che accettano carte VISA Electron ed anche VISA) e in tutti gli uffici postali italiani, attraverso il circuito Postamat.

A fine 2011 Poste italiane ha dichiarato di avere emesso 8,2 milioni di carte.[1]

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Non richiede l'apertura di un conto corrente e può essere ricaricata presso l'ufficio postale, negli ATM Postamat di Poste italiane addebitandone l'importo su carte del circuito Maestro, MasterCard, Visa e Visa Electron, attraverso i siti postepay.it e poste.it attraverso una SIM card, attraverso il servizio PosteMobile, abilitata o da ricevitorie SISAL abilitate.

Utilizzo[modifica | modifica sorgente]

È molto utilizzata per effettuare acquisti su Internet grazie ad alcune sue caratteristiche come l'accredito immediato di una ricarica e il suo costo d'acquisto limitato (5 euro). Poste Italiane fornisce anche un servizio di ricarica on-line in tempo reale (sul sito web della stessa azienda) previa la registrazione presso il proprio sito.

È possibile pagare con la carta Postepay in tutti gli esercizi dotati di POS aderenti ai circuiti VISA e VISA Electron. Per convalidare il pagamento è necessario firmare la ricevuta stampata dal POS.

La carta Postepay è accettata in tutto il mondo. Presso gli sportelli del gruppo Poste Italiane può essere ricaricata al costo di 1 € per ogni ricarica. Il ritiro di contanti ha un costo di 1 € presso gli ATM di Poste Italiane e di 1,75 € presso gli ATM bancari del circuito Visa Electron, sia in Italia che nel resto dei paesi della zona euro. Al di fuori della zona euro il prelievo ha un costo di 5 €.[2] [3]

Dalla fine del 2008, la Postepay è ricaricabile anche mediante gli sportelli del circuito SISAL per un importo da 1,00 fino a 1000,00 euro. Il servizio prevede l'applicazione di una commissione di 2 euro (invece del singolo euro richiesto per ricaricarla alle Poste) e richiede la comunicazione del codice fiscale del soggetto che effettua la ricarica (e anche del proprietario della carta, qualora fosse una persona diversa)[4], previo riconoscimento attraverso un documento di identità. Inoltre è obbligatorio dal 2013 che il codice fiscale di colui che richiede la ricarica appartenga ad un individuo avente 16 o più anni già compiuti.

Ricarica di una carta altrui[modifica | modifica sorgente]

La carta viene spesso usata per trasferire denaro tramite ricarica. Se il trasferimento però costituisce una transazione, questa procedura è impropria: la mancanza infatti di una causale per la quale si effettua il versamento (che invece esiste, ad esempio, con il vaglia postale, il bonifico o il versamento su conto corrente postale) rende effettivamente l'operazione una semplice ricarica e non un pagamento. In altre parole non è immediatamente evidente la ragione per cui il trasferimento di denaro è avvenuto. Nel caso di contestazioni sulla compravendita non è quindi immediato provare il pagamento, anche se in caso di eventuale giudizio il compratore può produrre come documentazione la ricevuta ottenuta da Poste Italiane al momento della ricarica. Questa contiene il codice numerico della carta, il nome del suo titolare, l'importo e le generalità di chi effettua la ricarica.

Rinnovo[modifica | modifica sorgente]

Alla scadenza della carta il rinnovo si effettua telefonicamente ed è gratuito.

Versioni[modifica | modifica sorgente]

La carta Postepay esiste in numerose versioni:

Postepay[modifica | modifica sorgente]

La carta standard basata sul circuito VISA Electron e con plafond di 3000 €. Costa 5 € ed è obbligatoria la ricarica minima di 5 € contestuale alla vendita della carta. Per ottenerla basta recarsi in un qualsiasi ufficio postale con un documento d'identità e il codice fiscale.

Postepay Junior[modifica | modifica sorgente]

Carta speciale dedicata ai minori dai 10 anni fino ai 18. Ha un plafond di 1000 € ed un limite di pagamento giornaliero di 150 € da bancomat ed altri 150 dall'ufficio postale. Per richiederla il minore deve essere accompagnato da uno dei genitori con documenti d'identità di entrambi. Si possono effettuare pagamenti on-line esattamente come sulla Postepay normale, con il medesimo limite di 150 € giornalieri. Attivarla costa 5 € minimo.

Postepay PosteMobile[modifica | modifica sorgente]

È simile alla carta Postepay, ma si basa sul circuito MasterCard ed è connessa ad una SIM PosteMobile, insieme alla quale è rilasciata.

Postepay Gift[modifica | modifica sorgente]

A differenza delle altre carte è usa e getta. Può essere acquistata con 50 o 100 euro di credito. È basata sul circuito MasterCard.

Postepay NewGift[modifica | modifica sorgente]

È simile alla carta Postepay, ma è al portatore anziché nominativa. Può essere ricaricata fino a 2500 euro all'anno, ha un plafond massimo di 999 euro ed un limite di prelievo annuo di 1000 euro. Per acquistarla non è richiesto alcun documento d'identità; per attivarla è necessario chiamare un numero specificato nel foglio fornito insieme alla carta e quindi comunicare all'operatore il numero della Postepay e il codice di attivazione/blocco. È possibile renderla nominativa (farla evolvere) gratuitamente, recandosi in un qualsiasi ufficio postale con documento d'identità valido e codice fiscale; vengono quindi eliminati i limiti di prelievo/plafond/ricarica precedenti e sostituiti con quelli di una normale carta prepagata Postepay. A differenza di quest'ultima, la newgift è basata sul circuito MasterCard.

e-Postepay[modifica | modifica sorgente]

È la carta elettronica virtuale prepagata, ricaricabile e gratuita, pensata per gli acquisti online anche da smartphone e tablet presso i siti convenzionati Mastercard: limite annuo 2.500€; 999€ per la singola operazione. Per richiederla, occorre registrarsi sul sito postepay.it. Si riceverà immediatamente la carta digitale che può essere ricaricata online sui siti Postepay.it e Poste.it, ma anche in tutti gli uffici postali, negli ATM Postamat, da SIM PosteMobile e presso i punti vendita SISAL e i tabaccai autorizzati. La e-Postepay può essere “trasformata” in una carta fisica NewGift al costo di 5€ presso qualsiasi ufficio postale.

Postepay Twin[modifica | modifica sorgente]

Pensate per i genitori con figli che studiano in altre città e per gli stranieri che spediscono denaro nel loro paese, le Postepay Twin sono 2 carte prepagate che permettono di trasferire denaro semplicemente. Acquistando il kit con le 2 carte (8 euro) in qualsiasi ufficio postale, si può usare subito la Postepay nominativa per acquisti e prelievi e inviare l’altra a chiunque nel mondo conservando il numero carta e i codici di attivazione/blocco. Una volta che la Postepay Twin è giunta a destinazione, si potrà attivarla con una semplice telefonata e ricaricarla, trasferendo denaro in tempo reale a chiunque e ovunque.

Postepay Moneygram[modifica | modifica sorgente]

È la carta prepagata e ricaricabile che – oltre alle classiche funzionalità di pagamento - consente di inviare denaro all’estero dagli uffici postali tramite MoneyGram con lo sconto del 5% sulle abituali commissioni degli invii. Inoltre è possibile ricevere avvisi di conferma via SMS o via email non appena il denaro viene ricevuto dal destinatario

Postepay Lunch[modifica | modifica sorgente]

Carta multiapplicazione per le aziende interessate ad offrire ai propri dipendenti uno strumento di pagamento integrato con la funzionalità di buoni pasto elettronici.

Altre versioni della carta Postepay sono in fase di sperimentazione:

Postepay&GO[modifica | modifica sorgente]

In fase sperimentale nelle città di Milano e Ravenna, è una carta multiapplicazione distribuita dalle aziende di trasporto per offrire ai propri clienti uno strumento di pagamento integrato con la funzionalità di gestione elettronica dei biglietti. Si tratta di una carta prepagata, non contrattualizzata, aderente al circuito MasterCard che può effettuare transazioni di pagamento contactless (Paypass) e transazioni per la verifica del biglietto di trasporto. La carta potrà contenere più tipologie di titoli di viaggio gestite dall’azienda di trasporto. Le due funzionalità, finanziaria e di trasporto, sono indipendenti ma possono interagire per determinate funzioni (es. acquisto abbonamento mensile con il saldo prepagato).

Carte Postepay contactless[modifica | modifica sorgente]

La carta Postepay NewGift PayPass (Mastercard), oltre ad avere tutte le caratteristiche e costi di una carta NewGift, è predisposta per il pagamento “contactless”, quindi in tutti i negozi abilitati è possibile pagare velocemente e in totale sicurezza importi fino a 25 euro, semplicemente avvicinando la carta al lettore abilitato senza "strisciarla" e senza inserire il pin o firmare la ricevuta.

Estero[modifica | modifica sorgente]

La carta Postepay utilizzata all'estero usa il tasso di cambio come stabilito da VISA. Non c'è alcuna commissione per il cambio valuta (e quindi è consigliata per acquistare prodotti fuori Europa o viaggiare in paesi non euro). I prelievi al di fuori dell'Italia costano una commissione di 1,75 € in zona euro e 5,00 € fuori dalla zona euro.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ A pagina 100 http://www.poste.it/resources/editoriali/azienda/pdf/BilancioSociale_2011.pdf
  2. ^ Trasparenza
  3. ^ Condizioni economiche sul sito Poste.it
  4. ^ Sisalpay.it: «Comunica, inoltre, il codice fiscale del titolare della Carta (qualora non fossi tu)».

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]