Bonifico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il bonifico è una operazione bancaria che consente il trasferimento di fondi da un conto corrente ad un altro[1]. Può essere gratuita, ma più spesso è soggetta al pagamento di una commissione a carico dell'ordinante che dipende dalla tipologia di bonifico (per cassa, con addebito in conto), dall'urgenza, dall'importo, dalla valuta, dalla nazione del destinatario, e da canale di conferimento (sportello, per corrispondenza, telematico).

Nell'Unione europea i bonifici sono accreditati al destinatario entro tre giorni.

Per la vendita di beni mobili e immobili, si utilizza un ordine di bonifico irrevocabile, che ha la particolarità di non poter essere ritirato o annullato dopo la firma. Al venditore si consegna la ricevuta del bonifico con l'indicazione del codice riferimento operazione, che permette facilmente di rintracciare l'operazione della filiale ed è opponibile alla banca come prova del trasferimento di fondi.

Tutte le operazioni sono comunque salvo buon fine. Anche per un pagamento irrevocabile, se è pagato con addebito in conto, una ulteriore garanzia è la copia di un estratto conto alla data e ora del bonifico, o successivo - se il pagamento è subito addebitato - per attestare al venditore che il pagamento su conto non è scoperto e la registrazione contabile dell'operazione. Il pagamento per cassa può chiaramente avvenire soltanto se il bonifico è coperto.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Definizione di "Bonifico", canale Economia

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia