Portsoy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Portsoy
villaggio; anticamente: burgh
(EN) Portsoy/(GD) Port Saoidh
Portsoy – Veduta
Localizzazione
StatoRegno Unito Regno Unito
   Scozia Scozia
Area di consiglioAberdeenshire
Territorio
Coordinate57°40′58.8″N 2°41′16.8″W / 57.683°N 2.688°W57.683; -2.688 (Portsoy)Coordinate: 57°40′58.8″N 2°41′16.8″W / 57.683°N 2.688°W57.683; -2.688 (Portsoy)
Abitanti1 752 (2011)
Altre informazioni
LingueInglese
Cod. postaleAB45
Prefisso(+44) 01261
Fuso orarioUTC+0
ConteaBanffshire/Aberdeenshire
Cartografia
Mappa di localizzazione: Regno Unito
Portsoy
Portsoy
Veduta panoramica dell'antico porto di Portsoy

Portsoy (in gaelico scozzese: Port Saoidh) è un villaggio di pescatori della costa nord-orientale della Scozia, facente parte dell'area amministrativa del Aberdeenshire e che si affaccia sul Moray Firth [1] (mare del Nord). Anticamente un burgh[2][3], conta una popolazione di circa 1.700-1.800 abitanti.[4]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Collocazione[modifica | modifica wikitesto]

Portsoy si trova nell'estremità nord-occidentale dell'Aberdeenshire, al confine con l'area amministrativa del Moray, a circa metà strada tra Cullen (Moray) e Banff (rispettivamente ad est della prima e ad ovest della seconda).[1]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Al censimento del 2011, Portsoy contava una popolazione pari a 1.752 abitanti.[4]

La località ha conosciuto un lieve incremento demografico rispetto al 2001, quando contava 1.734 abitanti[4], ma un decremento demografico rispetto al 1991, quando il villaggio contava 1.822 abitanti[4].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel XIV secolo, nelle alture intorno al villaggio fu costruito un castello dai signori di Boyne, il Boyne Castle, in seguito rimpiazzato da un palazzo nel 1570.[2]

Nel 1550, con un documento firmato dalla regina di Scozia Maria, a Portsoy fu riconosciuto lo status di burgh.[2]

Nel 1692, il porto originario, considerato uno dei più sicuri del nord-est[3], fu rimpiazzato da un nuovo porto in pietra per volere di Sir Patrick Ogilvie[2].

Nel corso del XIX secolo, Portsoy si sviluppò come porto per la pesca dell'aringa.[3]

Nel 1825, fu costruito il nuovo porto, che doveva rispondere alla crescente domanda di traffico commerciale attorno alla località.[2]

Nel 1828[3] (1839[2]), il porto venne letteralmente spazzato via dal mare in tempesta[2][3] e fu ricostruito nel 1884[3].

Economia[modifica | modifica wikitesto]

La pesca, un tempo tra le principali risorse economiche di Portsoy, conobbe un declino nel corso del XX secolo.[2]

Ora le attività commerciali di Portsoy sono molto varie: tra queste, vi è l'importazione di carbone.[2]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Principale attrattiva di Portsoy è l'antico porto, su cui si affacciano edifici in pietra risalenti al XVII e XVIII secolo.[2]

Feste ed eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Scottish Traditional Boat Festival, in luglio[5],

Persone legate a Portsoy[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b A.A.V.V., Key Guide - Gran Bretagna, Touring Club Italiano, Milano, 2007, p. 446
  2. ^ a b c d e f g h i j (EN) Portsoy, Undiscovered Scotland. URL consultato il 19 febbraio 2016.
  3. ^ a b c d e f (EN) Portsoy, Scottish History Online. URL consultato il 19 febbraio 2016.
  4. ^ a b c d (DE) Portsoy, City Population. URL consultato il 20 febbraio 2016.
  5. ^ (EN) Portsoy, Visit Scotland. URL consultato il 19 febbraio 2016.
  6. ^ (EN) Travellers Songs, Scots Language.com. URL consultato il 20 febbraio 2016.
  7. ^ (EN) Interview: Kevin Rowland and Big Jim Paterson, Dexys Midnight Runners, The Scotsman. URL consultato il 20 febbraio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autoritàVIAF: (EN123288105
Regno Unito Portale Regno Unito: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Regno Unito