Ponto (diocesi)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diocesi del Ponto
Informazioni generali
Nome ufficiale (LA) Dioecesis Pontica
Capoluogo Amasya
Dipendente da Impero romano, Impero bizantino
Amministrazione
Forma amministrativa diocesi romana
Evoluzione storica
Fine 535 d.C.
Cartografia
Prima tetrarchia Diocletianus.PNG

La diocesi del Ponto (latino: Dioecesis Pontica; greco: Διοίκησις Πόντου/Ποντικής) era una Diocesi del tardo Impero romano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Aveva come capitale Amasya e comprendeva dodici province: Bitinia, Galatia I, Galatia II Salutaris, Paflagonia, Honorias, Cappadocia I, Cappadocia II, Helenopontus, Pontus Polemoniacus, Armenia I, Armenia II, Armenia Maior e le satrapie armene della Sofene.

La diocesi fu istituita dopo le riforme di Diocleziano, nel 314 circa, e fu abolita a seguito delle riforme di Giustiniano I, nel 535.

La diocesi del Ponto nel 400.
Turchia Portale Turchia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Turchia