Dacia (diocesi)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diocesi di Dacia
Dati amministrativi
Nome ufficiale Dioecesis Daciae
Lingue ufficiali latino
Lingue parlate {{{lingua}}}
Capitale Serdica
Politica
Forma di Stato diocesi romana
Forma di governo
Nascita
Fine
Territorio e popolazione
Bacino geografico Dacia
Diocesi di Dacia - Mappa

La diocesi di Dacia (latino: Dioecesis Daciae) era una diocesi del tardo Impero romano, che si estendeva sull'odierna Serbia e sulla Bulgaria occidentale. Era subordinata alla Prefettura del pretorio dell'Illirico e la sua capitale era Serdica (moderna Sofia).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'Imperatore Aureliano (270-275), che dovette affrontare la secessione di Gallia e Hispania dall'Impero dal 260, l'avanzata dei Persiani Sasanidi in Asia, e le devastazioni dei Carpi e dei Goti in Moesia e in Illiria, fu costretto da queste ultime invasioni ad abbandonare la provincia di Dacia creata da Traiano ordinando alle sue truppe di ritirarsi dalla provincia, fissando il limes sul Danubio. Venne istituita una nuova provincia, la Dacia Aureliana, a sud del Danubio nella Moesia centrale, con capitale Serdica.

L'abbandono romano della Dacia Traiana è menzionato da Eutropio nel suo Breviarium ab Urbe condita, libro IX :

« [Aureliano] rinunciò alla provincia di Dacia, che Traiano aveva istituito oltre il Danubio, disperando, dopo che tutto l'Illirico e la Moesia si erano spopolate, di riuscire a conservarla. Egli insediò i cittadini Romani, rimossi dalle città e dalle terre di Dacia, nella Moesia interiore, chiamandola Dacia [...]. »

In seguito, con le riforme amministrative di Diocleziano e Costantino I, venne creata la diocesi di Moesia, comprendente la maggior parte dei Balcani centrali e della penisola greca. Dopo pochi anni, tuttavia, la diocesi venne suddivisa in due parti, formando la diocesi di Macedonia e la diocesi di Dacia. La diocesi di Dacia comprendeva le province di Dacia Mediterranea, Moesia Inferior, Dardania, Praevalitana e Dacia Ripensis.

La diocesi venne trasferita all'Impero romano d'Occidente nel 384 da Teodosio I, probabilmente per ricompensare l'imperatrice Giustina per non aver riconosciuto l'usurpazione di Magno Massimo in Britannia, Gallia e Hispania.

Tuttavia, con la sua morte nel 395, la Dacia ritornò a far parte dell'Impero romano d'Oriente, formando, insieme alla diocesi di Macedonia, la prefettura del pretorio dell'Illirico.