Picea omorika

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Peccio di Serbia
Picea omorika PAN.jpg
Esemplare coltivato di Picea omorika
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Pinophyta
Classe Pinopsida
Ordine Pinales
Famiglia Pinaceae
Genere Picea
Specie P. omorika
Nomenclatura binomiale
Picea omorika
(Panč.) Purk, 1877
Sinonimi

Abies omorika (Pancic) Nyman
Picea omorika f. pendula Schwer.
Pinus omorika Pancic

Nomi comuni

(IT) abete rosso di Serbia
(EN) Serbian Spruce

Il peccio di Serbia (Picea omorika, (Panč.) Purk, 1877) è una specie di peccio, appartenente alla famiglia delle Pinaceae, originaria di 4 località distribuite in Serbia e in Bosnia ed Erzegovina.[1]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome generico Picea, utilizzato già dai latini, potrebbe, secondo un'interpretazione etimologica, derivare da Pix picis = pece, in riferimento all'abbondante produzione di resina.[2] Il nome specifico omorika deriva dalla parola serba оморика (pron. [oˈmǒ̞rika]), che significa semplicemente "abete rosso"; in serbo si chiama панчићева оморика in cirillico o pančićeva omorika in alfabeto latino, l'"abete rosso di Pančić".[3]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Portamento[modifica | modifica wikitesto]

Albero alto 30-40 metri con tronco monopodiale diritto o ricurvo alla base; i rami del primo ordine sono corti e slanciati, numerosi, pendenti con parte terminale ascendente. I rami del secondo ordine sono snelli e pendenti. La chioma è strettamente conica o colonnare. I virgulti sono corti e snelli, flessibili, inizialmente di colore marrone chiaro o arancione-marrone, poi grigio-marrone, lievemente scanalati, pubescenti fino al secondo anno, poi glabri; i pulvini sono numerosi, lunghi 1,5 mm e quasi glabri.[4]

Foglie[modifica | modifica wikitesto]

Le foglie sono aghiformi, appiattite e disposte a pettine, lineari, di colore verde scuro lucido con due bande stomatiche bianco-verdastre inferiormente, lunghe 1-2 cm e con punte acute o ottuse; hanno stomi solo nella pagina inferiore, disposti in due bande di 4-6 linee. Le gemme vegetative sono ovoidali-coniche, acute, quelle laterali spesso numerose, lunghe 5-8 mm, con base resinosa; hanno perule ovate, acute, inizialmente di colore rosso-marrone poi arancione-marrone, persistenti per anni.[4]

Fiori[modifica | modifica wikitesto]

Sono strobili maschili giallastri, ascellari, cilindrici, lunghi 2-2,5 cm.[4]

Frutti[modifica | modifica wikitesto]

I coni femminili sono terminali, spesso disposti sui virgulti laterali, ovoidali-oblunghi, inizialmente eretti, poi pendenti a maturazione; lunghi 4-6,5 cm e larghi 2-3 cm, inizialmente porpora-scuro, poi marroni-purpurei, con apice affusolato e base obliqua; hanno peduncoli obliqui o ricurvi. I macrosporofilli sono sub-orbicolari, convessi, sottili e rigidi, lunghi 1-1,5 cm, con superficie striata e talvolta ondulata trasversalmente, glabra, resinosa, con margine superiore eroso-dentellato. Le brattee sono rudimentali, ligulate, lunghe 2-3 mm, totalmente incluse. I semi, di color marrone o rosso-marrone, sono ovoidali, con punte acute, lunghi 3 mm, e con parte alata ovata, lunga 6-8 mm, rossa-marrone o marrone-giallastra.[4]

Corteccia[modifica | modifica wikitesto]

La corteccia è rugosa, sottile, sfogliantesi facilmente e di colore marrone-rossastro.[4]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La parte di areale più vasta è all'interno del Parco nazionale di Tara, in Serbia. L'altra località serba è ubicata nella municipalità di Prijepolje. In Bosnia si rinviene in due zone: la prima nel comune di Čajniče, la seconda nel comune di Foča. Le zone di crescita in Bosnia sono ubicate su ripidi pendii settentrionali calcarei con sedimenti di origine vulcanica, ad altitudini comprese tra 800 e 1450 m. Le specie associate, a seconda dell'altitudine, sono Abies alba, Picea abies, Pinus nigra, Fagus sylvatica, Populus tremula, Sorbus aucuparia, Sorbus aria, Ostrya carpinifolia e specie di Quercus. Le zone di crescita in Serbia sono ubicate su ripidi pendii settentrionali e profondi burroni ad altitudini comprese tra 800 e 1500 m. Le specie associate sono P. abies, A. alba, F. sylvatica, Pinus nigra, Pinus sylvestris, Carpinus betulus e Acer platanoides. Il clima dell'habitat è caratterizzato da elevate precipitazioni ben distribuite durante l'anno, nevose nel periodo invernale, durante il quale si registrano temperature molto basse.[1]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

A dispetto dell'ubicazione dell'areale in piena area europea, questo peccio non è originariamente correlato con P. abies, anzi, le sue origini sembrerebbero essere molto antiche (16 milioni di anni) e molto lontane. Lockwood et al. (2013) ritengono che vadano ricercate in Asia orientale e che le specie più vicine siano Picea orientalis, endemico dell'area caucasica, e addirittura Picea alcoquiana e Picea maximowiczii, endemiche del Giappone. Per Sigurgeirsson and Szmidt (1993), Ran et al. (2006,2015) e Bouillé et al. (2011), le sue origini andrebbero ricercate invece in Nordamerica, con Picea mariana e Picea rubens come specie più contigue.[1]

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Il peccio di Serbia è una specie protetta dalle autorità serbe e pertanto non riveste importanza commerciale; in passato il suo legno veniva tradizionalmente usato per la fabbricazioni di botti. Attualmente esiste un commercio semi-illegale di semi utilizzati per impianti forestali o per la coltivazione ad uso ornamentale.[1]

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Con un areale primario stimato in meno di 200 km² e un areale secondario stimato di 4076 km², questa specie è divisa in circa 30 subpopolazioni molto frammentate e alcune di pochi esemplari. Nonostante la protezione totale offerta dalle rigide leggi conservative, vi è evidenza di una continua, lenta e progressiva contrazione dell'areale e della popolazione. Questo è dovuto probabilmente a cause principalmente naturali, in quanto trattasi di specie fortemente adattata a climi freddi tipici delle ere glaciali e che soffre i cambiamenti climatici in corso orientati verso un progressivo riscaldamento. La rigenerazione risulta difficoltosa a causa della presenza di specie vegetali molto più competitive. Per questi motivi è classificata come specie in pericolo nella Lista rossa IUCN.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) Aleksić, J.M., Ballian, D., Isajev, D., Mataruga, M., Christian, T. & Gardner, M. 2017, Picea omorika, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019.
  2. ^ Picea omorika, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 16 maggio 2019.
  3. ^ (EN) Picea omorika, su American Conifer Society. URL consultato il 7 giugno 2019.
  4. ^ a b c d e (EN) Aljos Farjon, A Handbook of the World's Conifers (2 vols.), Brill, 2010, pp. 590-591. URL consultato il 7 giugno 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh88023103
Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica