Picea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Pecci" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Pecci (disambigua).
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Picea
Fichtennadel.jpg
Aghi di Picea abies
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Pinophyta
Famiglia Pinaceae
Genere Picea
Mill.
Specie

vedi testo

Picea Mill. è un genere di circa 40 specie di conifere sempreverdi della famiglia Pinaceae[1], note come pecci, che si possono trovare nelle regioni temperate e boreali dell'emisfero settentrionale. Sono grandi alberi, alti da 20 m fino a oltre 90 m (Picea sitchensis) e si distinguono facilmente per i loro rami tutti circondati da foglie aghiformi e il portamento conico-piramidale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Picea abies

I pecci sono alberi ornamentali, ammirati per il loro portamento simmetrico e il fogliame sempreverde. I pecci si distinguono dagli abeti (in senso stretto) per le pigne pendule (gli Abies hanno le pigne erette). Come per gli abeti, le foglie (aghi) sono inserite singolarmente sui rametti e non riunite in mazzetti, come nei generi pini, larici e cedri. Ogni singola foglia è attaccata al rametto da una struttura a forma di tappo chiamata pulvino. Gli aghi cadono quando hanno raggiunto 4-10 anni di età, lasciando i rametti ruvidi con i pulvini rimasti: questo permette di riconoscerli dagli altri generi dove i rametti senza foglie rimangono pressoché lisci.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Il genere comprende le seguenti specie:[1]

Sulla base della forma degli aghi, delle squame e delle linee stomatifere si distinguono 3 sezioni:[senza fonte]

  • Sezione Eupicea: comprende specie con aghi romboidali con stomi su 4 facce, coni a scaglie sottili con squame molto appressate fino alla maturazione. Ne fanno parte:
  • Sezione Omorika: comprende specie con aghi più o meno appiattiti con 2 linee stomatiche sulla faccia esterna al rametto. Coni con scaglie rigide larghe e rigide. Ne fanno parte:
  • Sezione Casicta: comprende specie con aghi quadrangolari appiattiti, stomi su pagina superiore e inferiore, coni con scaglie sottili con margine sinuoso. Ne fanno parte:

La sola specie spontanea in Italia è il peccio comune (Picea abies), detto anche "abete rosso".

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Alcune specie (Picea abies e Picea omorika tra tutte) sono largamente usati come alberi di Natale. Il loro legno ha molti usi, dall'edilizia alla liuteria; è anche una delle principali fonti per la produzione di carta. La resina era usata in passato per la produzione di pece, prima dell'avvento della petrolchimica. Si pensa infatti che il nome picea possa derivare dal latino pix, "pece" appunto. Gli abitanti dell'America settentrionale usavano un tempo le radici sottili di alcune specie per intrecciare canestri e legare insieme pezzi di tronchi di betulla per costruire canoe.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Picea, su The Plant List. URL consultato il 6 marzo 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4017047-0 · NDL (ENJA00573160