Picea sitchensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Peccio di Sitka
QuinaltSpruce 7246c.jpg
Quinault Lake Spuce
Stato di Washington
Stato di conservazione
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Pinophyta
Classe Pinopsida
Ordine Pinales
Famiglia Pinaceae
Genere Picea
Specie P. sitchensis
Nomenclatura binomiale
Picea sitchensis
((Bong.) Carrière), 1855

Il peccio di Sitka è un albero della famiglia delle Pinaceae originario della costa occidentale dell'America del Nord.

È di gran lunga il peccio che raggiunge le più grandi dimensioni, nonché la quinta conifera più grande al mondo (dopo la sequoia gigante, la sequoia sempreverde, il kauri neozelandese e il cedro rosso occidentale) e la terza per altezza (dopo la sequoia sempreverde e l'abete di Douglas). Può raggiungere infatti i 50-70 metri d'altezza (eccezionalmente oltre 90 metri), con un diametro del tronco fino a 5 metri (eccezionalmente 6-7 metri).

Il nome deriva da quello della città di Sitka in Alaska.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

È un albero maestoso e slanciato, con la chioma tronco-conica negli esemplari più giovani per poi diventare pressoché cilindrica. Negli esemplari più vecchi i primi rami possono essere ad un'altezza di 30-40 metri.

La corteccia è sottile e tende a staccarsi in scaglie circolari di 5–20 centimetri di diametro.

Le foglie sono aghiformi e rigide, con una lunghezza di 15–25 millimetri e sezione trasversale appiattita. La faccia superiore è di colore verde scuro tendente al blu, con due o tre sottili linee di stomi. La faccia inferiore è di colore verde chiaro tendente al bianco, con due fitte bande di stomi.

Tronco coperto di resina
Tronco coperto di resina
Foglie e pigna
Foglie e pigna
Le nuove foglie nel periodo primaverile
Le nuove foglie nel periodo primaverile

Le pigne sono cilindriche e pendule, lunghe 5–11 centimetri e larghe 2 centrimetri quando sono chiuse. Hanno scaglie sottili e flessibili lunghe 15–20 mm; le brattee sono le più lunghe di tutti i pecci e visibili anche con la pigna chiusa. Le pigne sono di colore verde o rossiccio e diventano marrone chiaro 5-7 mesi dopo l'impollinazione. I semi sono neri, lunghi circa 3 mm e con un'aletta slanciata di colore marrone chiaro lunga 7–9 millimetri.

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Oltre un secolo di disboscamento ha risparmiato solo una porzione della foresta di Sitka. Gli alberi più alti vennero tagliati prima che potessero essere effettuate misurazioni accurate. Alberi che superano i 90 metri possono essere osservati nella riserva della riserva del parco nazionale dell'anello del Pacifico e nel Carmanah Walbran Provincial Park sull'isola di Vancouver, nella Columbia Britannica (il Charmanah Giant, con i suoi 94 metri, è l'albero più alto del Canada), nel parco nazionale di Olympic (Washington) e nel parco nazionale di Redwood (California); in quest'ultimo sito almeno due alberi raggiungono i 96 metri. Il Queets Spruce è il più grande al mondo con un tronco di 337 m3, un'altezza di 75,6 metri e dbh 4,55 metri. Si trova vicino al fiume Queets nel parco nazionale di Olympic, a circa 26 km dall'oceano pacifico.

Habitat e distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione del Picea sitchensis
Foresta di pecci di Sitka di 50-53 m nel Northumberland

Il peccio di Sitka è nativo della costa occidentale dell'America del Nord, in una fascia che va dall'isola Kodiak a nord fino a Fort Bragg nella California settentrionale. L'ampiezza dell'areale è di alcuni km dalla costa del Pacifico nelle zone più a sud per arrivare anche ad 80 km in Oregon e nello stato di Washington.

Già nella prima metà del 1800 il peccio di Sitka fu trapiantato con successo in Europa e in Nuova Zelanda. È ormai naturalizzato in Gran Bretagna e Irlanda, dove fu introdotto nel 1831. In Norvegia fu introdotto nei primi anni del 1900 e si stima che attualmente vi siano circa 50.000 ettari di foresta impiantati con questa specie.

In seguito è stato introdotto in alcune zone dell'Islanda, Polonia, Germania, Austria e Francia, soprattutto per la sua crescita veloce in terreni poveri (in condizioni ideali può crescere di 1,5 metri all'anno) e per la sua resistenza in aree esposte, nelle quali pochi altri alberi potrebbero sopravvivere.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Il peccio di Sitka è di grande importanza per la produzione di legname e per l'industria cartaria. Il suo legno è largamente usato per la fabbricazione di strumenti musicali (pianoforti, violini, arpe, chitarre), in quanto ha un'ottima resistenza, abbinata a leggerezza, inoltre l'assenza di nodi lo rende un ottimo conduttore del suono. È particolarmente adatto per l'alberatura delle navi a vela e per parti in legno di aerei da turismo.

Le punte di rami appena spuntati sono usate per la produzione di birre aromatizzate e possono essere bollite per produrre sciroppi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Picea sitchensis, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2017.1, IUCN, 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]