Pergine Valdarno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pergine Valdarno
comune
Pergine Valdarno – Stemma Pergine Valdarno – Bandiera
Pergine Valdarno – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Arezzo-Stemma.png Arezzo
Amministrazione
Sindaco Simona Neri (PD) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate 43°28′17″N 11°41′12″E / 43.471389°N 11.686667°E43.471389; 11.686667 (Pergine Valdarno)Coordinate: 43°28′17″N 11°41′12″E / 43.471389°N 11.686667°E43.471389; 11.686667 (Pergine Valdarno)
Altitudine 361 m s.l.m.
Superficie 46,52 km²
Abitanti 3 270[2] (31-12-2010)
Densità 70,29 ab./km²
Frazioni Casalone, Montalto, Pieve a Presciano, Poggio Bagnoli[1]
Comuni confinanti Bucine, Civitella in Val di Chiana, Laterina, Montevarchi, Terranuova Bracciolini
Altre informazioni
Cod. postale 52020
Prefisso 0575
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 051028
Cod. catastale G451
Targa AR
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Cl. climatica zona E, 2 188 GG[3]
Nome abitanti perginesi
Giorno festivo 8 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pergine Valdarno
Pergine Valdarno
Pergine Valdarno – Mappa
Posizione del comune di Pergine Valdarno all'interno della provincia di Arezzo
Sito istituzionale

Pergine Valdarno (pronunciare Pèrgine) è un comune italiano di 3.154 abitanti della provincia di Arezzo.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio del comune di Pergine Valdarno è posto quasi al centro del triangolo geografico Arezzo, Siena, Firenze. Occupa una parte del sistema collinare tra il Valdarno e la Valdichiana alla sinistra del fiume Arno. È attraversato dalla linea ferroviaria Firenze - Roma ed è servito dalle stazioni di Laterina o Ponticino, mentre con l'autostrada è facilmente raggiungibile dai caselli di Valdarno se si proviene da nord oppure Arezzo per chi arriva da sud. Il paesaggio, tipico della Toscana rurale interna, si presenta ricoperto dai boschi nella parte più elevata delle colline, coltivato a viti e olivi a metà costa e infine seminativo nella valle dello Scerfio e nelle terrazze alla sinistra dell'Arno. I centri storici e le unità poderali si collocano in posizione più elevata rispetto al fondovalle e conservano i tratti degli antichi impianti medievali. Questo contesto territoriale fonda oggi proprio sulle risorse paesaggistiche e sulle tipicità economiche (olio che si dice addirittura sia il migliore al mondo, vino anch'eeso di ottima qualità e agriturismo) le potenzialità del proprio sviluppo. Accanto alla tradizionale economia agricola si è sviluppato anche un tessuto artigianale e industriale nel settore orafo, nella meccanica in generale e nella meccanica di precisione. Singolare per il genere è l'esperienza industriale relativa allo sfruttamento dell'anidride carbonica di cui il sottosuolo è molto ricco. Per quello che riguarda la storia le importanti stazioni preistoriche rinvenute nelle terrazze adiacenti i maggiori corsi d'acqua testimoniano la precoce frequentazione di questa zona da parte dell'uomo. Ma è stata soprattutto la civilizzazione etrusca e romana che ha lasciato significative impronte su questo territorio solcato da sempre da importanti direttrici viarie. Lo stesso nome Pergine pare riconducibile alla matrice culturale etrusca. Tra le testimonianze del periodo romano spicca un bell'esemplare di lamina rinvenuta in località Bagno sulla quale compare un'iscrizione imprecatoria rivolta alla divinità delle acque chiamate "acquae ferventes sive nimfas". La rete dell'insediamento, costituita dalle pievi, castelli e monasteri, ridisegnò nel medioevo la mappa degli abitati di questo territorio che si è protratta fino ai nostri giorni. Un ruolo di primo piano per quello che riguarda il territorio di Pergine valdarno la riveste la cultura. le manifestazioni pubbliche della "fiera del bestiame" nella frazione di Montalto tra l'ultima settimana di maggio e la prima di giugno, la "festa della vendemmia" nella frazione di Pieve a Presciano l'ultima settimana di agosto, la "festa dell'olio" a Pergine Valdarno tra la terza e la quarta settimana di novembre e il premio "cinema e socialità" nel capoluogo a luglio scandiscono i ritmi della vita e delle stagioni e assicurano buone opportunità culturali, economiche e sociali all'intera comunità. Pergine Valdarno oltretutto è il comune chiamato a rappresentare l'Italia nel "Villaggio culturale d'Europa" che consiste nello scambio di esperienze di vita, gastronomiche e folkloristiche fondato sull'ospitalità in famiglia con le altre famiglie europee coinvolte nello scambio stesso. Questa esperienza ha permesso così alle famiglie di Pergine Valdarno di avere una visione molto ampia nei confronti di persone di altri paesi e di essere molto aperti nel settore dell'ospitalità anche a livello di abitazioni private. Al limite est del comune si trova il fiume Arno dove si possono ammirare ancora i resti del vecchio ponte del Romito, che sembra certo sia quello dipinto da Leonardo Da Vinci nel più famoso quadro esistente al mondo, la 'Monna Lisa' o più comunemente detta 'La Gioconda'. E di questo ne viene parlato sotto nella sessione dei luoghi d'interesse. Da lì, dal ponte Romito, inizia la riserva naturale di Bandella detta anche Valle dell'Inferno. Una zona palustre che occupa un'estensione di 531 ettari comprese tra la diga di Levane e appunto il ponte Romito. Uno spettacolare ambiente fluviale che comprende boschi, arbusteti, colture, con un'eccezionale coesistenza di ambienti diversi che ha come risultato una fauna decisamente interessante.

Lo sfruttamento dell'anidride carbonica

Nel Valdarno superiore sono presenti numerose sorgenti di acque acidulo minerali, ricche di anidride carbonica. Da una di queste, nel comune di Pergine Valdarno, nella seconda metà del secolo scorso prese avvio lo sfruttamento industriale dell'anidride carbonica (comunemente chiamata acido carbonico). L'abbondante presenza di questo prezioso minerale nel sottosuolo perginese ha consentito l'avvio di una singolare esperienza industriale che ha caratterizzato profondamente, nell'ultimo secolo, l'economia e la società nel comune di Pergine Valdarno. Dapprima il minerale è stato utilizzato per la produzione di biacca, una vernice coprente usata soprattutto per trattare le imbarcazioni di legno; mentre dalla fine dell'Ottocento è cominciata l'utilizzazione dell'acido carbonico confezionato in bombole e venduto in tutto il territorio nazionale per le diverse applicazioni nel campo chimico, siderurgico e alimentare. Una società di imprenditori fiorentini, la “Enrico e Giulio Pegna”, che già possedeva a Firenze uno stabilimento e un negozio per la preparazione e la vendita di prodotti chimico – farmaceutici, ha dato vita ad un'impresa, che col tempo ha notevolmente differenziato la propria produzione, soprattutto a partire dagli anni '30 quando iniziò la produzione del ghiaccio secco utile per la conservazione dei generi alimentari. Con le leggi razziali del '38 i proprietari di religione ebraica furono costretti a cedere lo stabilimento ad una società anonima, la “Pergine S.p.A.” che per lungo tempo ha primeggiato a livello nazionale nel settore specifico, occupando un centinaio di dipendenti. Nel 1996 la proprietà della “Pergine S.p.A.” è stata rilevata dalla “Air Liquide Italia S.r.l.” che nel 2012 ha chiuso lo stabilimento.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il ponte della Gioconda[modifica | modifica wikitesto]

Pergine Valdarno e il ponte Romito nello sfondo della Gioconda: secondo un prezioso studio portato avanti dall'Associazione Culturale 'La Rocca' di Laterina (AR), sembra che il ponte che si trova alla sinistra alle spalle della Gioconda nel famoso dipinto 'Monna Lisa' (a destra per chi guarda il quadro) sia proprio il vecchio Ponte Romito, ubicato nel tratto del fiume Arno che divide appunto i comuni di Pergine Valdarno e Laterina. Adesso di quel ponte rimane una sola arcata e questa ricade proprio nel territorio del comune di Pergine Valdarno. A questo proposito l'Associazione 'La Rocca', che ha collaborato con lo studioso Anselmo Rondoni per la realizzazione di un libro in merito intitolato "Il paesaggio della Gioconda", ha inviato il materiale e il libro stesso presso la città francese di Amboise, località che è stata l'ultima dimora di Leonardo da Vinci e dove Leonardo è morto nel castello omonimo. Amboise ospita tuttora un importante centro di studi e documentazione sul genio. Recentemente è arrivata la risposta interessata dal presidente che ha invitato i membri dell'associazione a recarsi in Francia a presentare di persona lo studio. Lo studio condotto dall'Associazione Culturale "La Rocca" di Laterina allarga così il proprio panorama di conoscenza ed ha ricevuto l'attenzione anche dal Louvre di Parigi, il museo dove si trova la Gioconda e dal direttore dei Musei Vaticani Antonio Paolucci, in quanto le motivazioni e la serietà dello studio poggiano davvero su basi storiche decisamente degne di considerazione. Il libro di Anselmo Rondoni illustra gli elementi a favore dello studio secondo cui alle spalle della Monna Lisa non è rappresentato il ponte a Buriano[4], che si trova nel comune di Arezzo e come fino ad oggi si pensava, bensì il ponte Romito e il paesaggio collinare nei pressi di Pergine Valdarno e di Laterina. Nella risposta, il direttore Jean-Louis Sureau esprime i propri ringraziamenti per il materiale ricevuto, sottolineando l'interesse a seguire l'evoluzione dello studio e soprattutto a ricevere di persona ad Amboise coloro che si occupano di portare avanti questa ipotesi. I membri dell'associazione hanno sottolineato la loro soddisfazione, il loro onore e la sorpresa nel ricevere addirittura l'invito a recarsi personalmente in Francia. Insomma, il territorio di Pergine Valdarno sembra proprio quello riportato dal grande Leonardo Da Vinci nel più famoso dipinto del mondo e l'unica rimanenza del ponte che si vede accanto a Monna Lisa si trova proprio nel territorio comunale. E questo non può che essere motivo di orgoglio per gli abitanti.

La locazione dello sfondo della Gioconda è a cavallo fra i comuni di Laterina e Pergine Valdarno, più propriamente in gran parte di quello che è il territorio della comunità di Ponticino, frazione divisa fra questi due comuni più quello di Civitella in Val di Chiana e che ha più abitanti dei capoluoghi.

Strada Romana:

Tra Pieve a Presciano e il Santuario di Migliari, grazie a dei finanziamenti ad opera del Gal, si stanno riscoprendo alcuni tratti dei vecchi della strada romana che costituiva l'antico asse viario che collegava Arezzo con Siena il quale correva nel fondovalle del torrente Presciano. Si tratta di una direttrice che presenta tratti lastricati, fino a poco tempo fa coperti dalla vegetazione e non percorribili ma che adesso sono stati riportati alla luce, ma che già nel periodo romano appunto costituiva la maggiore arteria stradale tra Arezzo e Siena. Il tracciato, descritto nella Tabula Peutingeriana del IV secolo d.C. e riportato nello statuto del comune di Arezzo del 1327 con espressioni "strata per quas itur Senas e strata de Pescaiola", si dipartiva da Arezzo, in località Pescaiola, saliva verso le colline di Montelucci e attraverso la Valdambra raggiungeva Siena.

Chiese[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 205 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazione importante e molto popolata è Ponticino, luogo natale di Pupo. Ponticino è la porta del Valdarno; sorge all'incrocio fra tre delle più grandi vie di comunicazione nazionali: l'A1, la vecchia ferrovia direttissima a cui il paese deve la propria nascita, la strada statale 69, ora regionale. Ponticino ha anche la particolarità di essere diviso in tre comuni: Laterina, Pergine Valdarno, Civitella in Val di Chiana. Gli abitanti si chiamano ponticinesi. Il nome Ponticino viene da un vecchio ponte romanico sul Ganascione, il torrente (o meglio il borro) che l'attraversa.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
24 giugno 1985 2 giugno 1990 Roberto Vasai Partito Comunista Italiano Sindaco [6]
2 giugno 1990 24 aprile 1995 Roberto Vasai Partito Comunista Italiano, Partito Democratico della Sinistra Sindaco [6]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Massimo Palazzeschi Partito Democratico della Sinistra Sindaco [6]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Massimo Palazzeschi centro-sinistra Sindaco [6]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Paola Prizzon centro-sinistra Sindaco [6]
8 giugno 2009 25 maggio 2014 Paola Prizzon centro-sinistra Sindaco [6]
25 maggio 2014 in carica Simona Neri lista civica Pergine cambia passo Sindaco [7]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Pergine Valdarno è gemellato con:

Pergine Valdarno fa parte del progetto "Villaggio Culturale d'Europa" del quale è stato sede nell'anno 2002. Gli altri villaggi facenti parte sono: Wijk Aan Zee (Olanda), Mellionec (Francia), Porrua (Spagna), Aldeburgh (Inghilterra), Kirchheim Im Innkreis (Austria), Palkonya (Ungheria), Strobeck (Germania), Paxos (Grecia), Bystrè (Repubblica Ceca), Kilingi - Nomme (Estonia), Tommerup (Danimarca).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Statuto comunale di Pergine Valdarno, Art. 6.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Vedi tuttavia http://www.lanazione.it/arezzo/cultura/2011/02/02/452923-ufficiale_ponte_dietro_alla_gioconda.shtml
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ a b c d e f http://amministratori.interno.it/
  7. ^ http://www.repubblica.it/static/speciale/2014/elezioni/comunali/pergine_valdarno.html

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN248628112
Toscana Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Toscana