Parco Rignon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rignon
Parco Rignon.jpg
Anni '60: Illuminazione di Parco Rignon
Ubicazione
Stato Italia Italia
Indirizzo Torino
Caratteristiche
Tipo Parco urbano storico
Superficie 4,6 ha
Gestore Comune di Torino
Apertura h. 7.00/20.30 dal 1º ottobre al 30 aprile; h 7.00/23.00 dal 1º maggio al 30 settembre; h. 7.00/24.00 in occasione di eventi estivi
Ingressi corso Orbassano, via Piscina, via Filadelfia
Mappa di localizzazione

Coordinate: 45°02′37.28″N 7°38′12.44″E / 45.04369°N 7.63679°E45.04369; 7.63679

Il Parco Rignon è un parco urbano di 46.200 m² di estensione situato a Torino, a sud della città, nel quartiere Santa Rita.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente, fu parco privato della famiglia Provana di Collegno, ultimi proprietari della Villa Amoretti, presente al suo interno, attualmente di proprietà della città di Torino e sede di una biblioteca civica.
Si trovava al suo interno una cascina a corte chiusa, poi trasformata in commenda, di proprietà della famiglia Amoretti, originaria di Oneglia. Intorno al 1760 la commenda fu sostituita da una villa, costruita su progetto di Plantery.

Villa Amoretti.

Nel 1650 l'area "Rignon" era ancora una semplice cascina, quando l'acquistò Giambattista Amoretti, un giovane prete ligure divenuto poi elemosiniere e diplomatico presso la corte ducale di Carlo Emanuele II. La villa al centro fu edificata da suo nipote Giambattista di Osasio. Carlo, ultimo marchese di Osasio, ebbe una sola figlia, che morì nel 1807 lasciando la villa in eredità ai Guasco di Castelletto, famiglia della madre, e infine passò ai Provana di Collegno. Pochi anni dopo, nel 1833, la villa fu acquistata dal conte Paolo Luigi Rignon, quindi passò al conte Vittorio Rignon nel 1899, anno della prima ristrutturazione: fece abbattere i rustici a lato della villa, ingrandire il parco e costruire le nuove scuderie con l'arancera[1]. Nel 1912 il suo discendente, Felice Rignon, già sindaco di Torino e senatore del Regno d'Italia, la donò al Comune[2]. Nel 1970 il Comune acquistò anche il terreno circostante, per erigere il parco attuale. La villa fu ulteriormente ristrutturata nel 2001 con l'aggiunta di un nuovo spazio bibliotecario sul retro nel 2004.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il parco, "punto nevralgico"[3] del quartiere Santa Rita a Torino e con tre secoli di storia[4], è principalmente delimitato da Via Filadelfia a Nord e da Corso Orbassano ad ovest. Importante è il suo giardino liberty, ampliato dall'architetto Chevalley nel 1906[4].
All'interno del parco è presente la già citata Villa Amoretti, edificata nella seconda metà del settecento per volontà dell'abate Giambattista Amoretti. La villa, acquistata dal Comune di Torino nel 1970 e recentemente ampliata e restaurata, ospita una biblioteca civica[5].

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Anni '60: Prime luci accese a Parco Rignon, progetto di illuminazione di Guido Chiarelli

Il parco, frequentato soprattutto per la Biblioteca, in estate è sede di eventi musicali e di altre manifestazioni di quartiere; è stata sede di lavori del Teatro Stabile[6] e di varie importanti attività artistiche[7]. Nel parco vi sono anche dei giochi per bambini ed una bocciofila.

Progetti futuri[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il progetto recentemente approvato dalla Regione Piemonte, la zona sarà interessata dai lavori della Linea 2 di metropolitana, il cui secondo lotto prevede la realizzazione della fermata Parco Rignon.[8][9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Torino Portale Torino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Torino